Unioncamere Lombardia. Finanziamento a fondo perduto pari al 75% per partenariati di imprese culturali e creative con istituti museali per lo sviluppo di progetti innovativi in ambito culturale.

 

Il bando intende favorire i partenariati di imprese che operano nei settori culturali e creativi (ICC) con istituti museali riconosciuti da Regione Lombarda (sistemi museali, raccolte museali, musei ed ecomusei) per realizzare progetti innovativi dell’offerta e della gestione museale.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di contributo le micro, piccole e medie imprese lombarde singole o aggregate, aventi almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia e operanti nei settori:

 

  • culturali “core”: arti visive, arti performative, patrimonio culturale; 
  • culturali: editoria (comprese le sue declinazioni multimediali), musica, radio-televisione, cinema e videogiochi (incluse le imprese dell’economia digitale);
  • creativi: architettura, design (nelle sue varie forme e declinazioni, che comprendono design di prodotto, design di comunicazione, moda) e pubblicità che attivino accordi di progetto con almeno un istituto museale riconosciuto da Regione Lombardia.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono finanziabili progetti innovativi in ambito culturale che riguardino i seguenti interventi ammissibili:

 

• strumenti e soluzioni per qualificare e innovare l’offerta culturale degli Istituti Museali e incrementare la domanda;

• soluzioni per gestire il patrimonio museale/ecomuseale, attraverso metodologie innovative;

• servizi di supporto alle attività organizzative, amministrative e gestionali dell’istituzione museale/ecomuseale;

• strumenti per l’efficientamento di canali di vendita dell’offerta culturale online, anche in grado di integrarsi nelle infrastrutture informatiche della struttura museale/ecomuseale;

• servizi che favoriscano l’inclusione sociale nella fruizione dell’offerta culturale e la sostenibilità ambientale e portino l’attenzione anche verso i soggetti più deboli;

• processi e soluzioni di ludicizzazione per trasmettere contenuti in modalità interattiva e innovativa.

 

Sono ammissibili spese al netto dell’IVA (tranne nei casi in cui la stessa non sia in alcun modo recuperabile), riferite allo sviluppo del progetto, per gli interventi connessi ai seguenti ambiti:

 

a. spese di personale dipendente che svilupperà il prodotto o servizio

b. spese per l’acquisizione di servizi svolti anche sotto forma di collaborazioni (fino al massimo del 30% del valore progettuale)

c. acquisto di strumenti e attrezzature, nonché di licenze d’uso software (fino al massimo del 30% del valore progettuale)

d. spese generali relative alle “utenze” (luce, acqua, telefono, gas e collegamento a internet, etc.) ed altri costi indiretti, fino ad un massimo del 15% dei costi di personale ammessi a contributo per ciascun partner. Per tutte le spese sopra elencate, saranno ritenuti ammissibili, laddove applicabili, l’acquisto ed eventuale relativa installazione (ivi compresi montaggio e trasporto)

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria è di € 2.100.000,00.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto parametrato alle sole spese ammissibili al netto di IVA (tranne nei casi in cui la stessa non sia in alcun modo recuperabile) in misura pari al 75% nel limite massimo di 200.000,00 euro per partenariato (riferito alle sole risorse delle imprese). Il progetto deve avere un valore minimo pari a euro 50.000,00 (riferito alle sole risorse delle imprese).

I contributi sono riservati alle sole imprese.

Scadenza

Le domande devono essere inviate dalle ore 14.00 del 1 Settembre alle ore 12.00 del 14 Ottobre 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse.