PSR 2014/2020. Operazione 4.4.3. Provincia autonoma di Trento. Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per investimenti non produttivi per connettività ecologica e recupero di habitat Natura 2000 e agricoli a valore naturalistico.

 

L’Operazione ha l’obiettivo di favorire il recupero degli habitat e della connettività ecologica agendo soprattutto nei fondovalle e contrastando la perdita degli habitat agricoli ad alto valore naturalistico. Nello specifico verranno finanziati gli investimenti non produttivi rivolti all’aumento della permeabilità e della connettività ecologica nonché al recupero e al miglioramento degli habitat. La Focus Area di riferimento è la 4a) “salvaguardia, ripristino e miglioramento della  biodiversità, compreso nelle zone Natura 2000 e nelle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici, nell’agricoltura ad alto valore naturalistico, nonché dell’assetto paesaggistico dell’Europa”, l’obiettivo trasversale è l’“ambiente” mentre il fabbisogno soddisfatto è l’F26.

Soggetti beneficiari

Sono soggetti beneficiari ai sensi dei presenti criteri:

a) gestori del territorio quali enti di gestione della Rete Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette ai sensi della Legge provinciale;
b) comuni e altri enti pubblici;
c) agricoltori e/o aziende agricole;
d) persone fisiche quali proprietari o conduttori che aderiscono all’accordo agro ambientale.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili:

 

1. gli investimenti per l’aumento della permeabilità e della connettività ecologica attraverso:

 

a) realizzazione ex novo di tratti di siepi, filari, nuclei isolati di piante, alberi isolati, specchi d’acqua e altri elementi di diversificazione del paesaggio attraverso operazioni di preparazione del terreno, impianto delle specie e movimenti terra secondo le modalità definite dalla scheda tecnica predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette
della Provincia autonoma di Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia; in tale tipologia sono compresi investimenti accessori quali recupero di tratti di muretto a secco ritenuti funzionali e necessari alla realizzazione ottimale dell’intervento purché documentati, nel limite massimo del 15% del totale degli investimenti; in ogni caso si dovranno utilizzare specie vegetali del consorzio floristico spontaneo locale e favorire le specie della fauna locale;
b) ricostituzione e riqualificazione di habitat igrofili di fondovalle e lungo i corsi d’acqua attraverso la realizzazione di fasce di vegetazione igrofila ed operazioni di ripristino di fossi e rogge laterali interrate o intubate (preparazione del terreno, impianto e movimenti terra), secondo le modalità definite dalla scheda tecnica predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia;
c) infrastrutture per il passaggio e il riparo della fauna tramite operazioni d’acquisto e posa in opera dei manufatti necessari per il superamento delle barriere ecologiche secondo le modalità previste dalla scheda tecnica predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia;
d) interventi di riduzione degli impatti sull’avifauna dovuti alla presenza di elettrodotti e cavi sospesi tramite investimenti in messa in sicurezza dall’elettrocuzione dei piloni delle linee di media tensione situata nei punti ad elevato impatto-mortalità nei pressi di siti di nidificazione dei fondovalle, soprattutto per il gufo reale e interramento di piccoli tratti di elettrodotto nelle arre più significative secondo le modalità previste dalla scheda tecnica
predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di
Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia.

 

2. Investimenti per il recupero ed il miglioramento degli habitat in aree non boscate attraverso:

a) interventi di recupero a fini ambientali di habitat seminaturali in ambienti prativi e di altri habitat di Natura 2000 degradati tramite operazioni di trincatura, sfalcio, decespugliamento, taglio alberi e semina di specie locali e piccoli movimenti terra secondo le modalità previste dalla scheda tecnica predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia.
In tale tipologia sono compresi investimenti accessori quali recupero di tratti di muretto a secco ritenuti funzionali e necessari alla realizzazione ottimale dell’intervento purché documentati, nel limite massimo del 15% del totale degli investimenti; 
b) interventi specifici eseguiti una tantum nel corso del periodo di programmazione, atti a contenere o/ed eliminare le specie alloctone invasive a livello europeo (operazioni di sfalcio, estirpazione e/o trinciature) secondo le modalità predisposta dal Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di Trento e resa pubblica sul sito pubblico istituzionale della Provincia.

Entità e forma dell’agevolazione

Budget: Euro 900.000,00.

I limiti di spesa ammissibile sono i seguenti:

a) limite minimo di spesa ammessa per domanda di aiuto: Euro 3.000,00, al netto delle spese tecniche e dell’IVA, sia in fase di concessione sia in fase di collaudo. Per i beneficiari che aderiscono al progetto territoriale collettivo a finalità ambientale di cui all’Operazione 16.5.1 tale limite non si applica;

b) limite massimo di spesa ammessa Euro 50.000,00 per beneficiario e per bando (importi al netto delle spese tecniche e dell’IVA);

c) limite massimo di spesa ammessa innalzato a Euro 100.000,00 per beneficiario e per bando per le iniziative inserite in un Progetto territoriale collettivo a finalità ambientale di cui all’operazione 16.5.1 (importi al netto delle spese tecniche e dell’IVA).

2. Le agevolazioni sono concesse in forma di contributo in conto capitale. I tassi di finanziamento sono i seguenti:

 

a) tasso di finanziamento del 100% per gli investimenti relativi alla tipologia 1;
b) tasso di finanziamento del 90% per gli investimenti relativi alla tipologia 2.

 

Nel merito per l’operazione 4.4.3 si ammette la possibilità di intervenire anche nelle aree forestali, viene esteso indistintamente a tutti i beneficiari il limite di spesa già previsto per alcune categorie di beneficiari pari a 50.000 Euro e viene uniformata al 90% della spesa l’intensità di aiuto già prevista per alcune categorie di interventi.

Scadenza

30/07/2021 ore 12:00