PSR 2014/2020. Misura 13.1.1. Finanziamento a fondo perduto per il pagamento compensativo per le zone montane. Anno 2021.

 

Sostenere e garantire la prosecuzione nell’uso dei terreni agricoli al fine di evitare l’abbandono del territorio, favorire la manutenzione del paesaggio e il mantenimento e la promozione di sistemi sostenibili di produzione agricola e della biodiversità.

Sono queste le finalità perseguite dall’avviso pubblico del PSR FEASR 2014 – 2020 – Misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli” – Sottomisura 13.1 ““Pagamento compensativo per le zone montane”.

Soggetti beneficiari

Beneficiari e destinatari dell’avviso sono gli agricoltori attivi, in forma singola e associata.

Tipologia di interventi ammissibili

I terreni a prato permanente, prato-pascolo o pascolo permanente (foraggere non avvicendate) sono ammissibili all’aiuto esclusivamente nel caso in cui sia dimostrata la presenza di bestiame aziendale con un carico minimo di 0,2 UBA/ha di superficie aziendale a prato permanente, prato-pascolo o pascolo permanente.

 

Il livello di aiuto massimo erogabile, per la medesima superficie, non può oltrepassare i limiti di seguito specificati:

 

  • colture annuali – 600 euro/ha;
  • colture perenni specializzate – 900 euro/ha;
  • altri usi dei terreni – 450 euro/ha.

 

Il premio previsto nella presente misura è erogabile, in ogni caso, per un massimo di 30 ettari per azienda. Il pagamento è effettuato in modo degressivo sulla base dei seguenti scaglioni di riferimento:

 

  • 0 – 10 ettari di SAU ammissibile 100% del premio;
  • 10,01 – 20 ettari di SAU ammissibile – 80% del premio;
  • 20,01 – 30 ettari di SAU ammissibile – 50% del premio.

Entità e forma dell’agevolazione

Per l’annualità 2021 è stato previsto uno stanziamento complessivo di 13.500.000 euro.

Scadenza

Le domande devono essere presentate entro il 17 maggio 2021.