PSR 2014/2020. Intervento 5.2.1. Finanziamento a fondo perduto pari al 50% per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali.

 

L’intervento sostiene la realizzazione di investimenti per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo aziendale danneggiato e/o distrutto dal verificarsi di eventi avversi a carattere eccezionale, avversità atmosferiche, calamità naturali , comprese fitopatie ed infestazioni parassitarie ed eventi catastrofici in conformità alla normativa comunitaria e nazionale vigente.
Gli interventi per il ripristino sono attuabili per danni causati da eventi avversi oggetto di formale riconoscimento da parte delle competenti autorità.

Il presente bando prevede la presentazione delle domande di aiuto per interventi di ripristino degli impianti frutticoli, olivicoli, viticoli e delle strutture serricole danneggiati dalla tromba d’aria del 23, 28, 29 agosto 2020 nella provincia di Verona e del 29 agosto 2020 nella provincia di Vicenza.

Le zone territoriali sono le seguenti:


-per la tromba d’aria del 23, 28, 29 agosto 2020, in provincia di Verona: Caldiero, Cazzano di Tramigna, Colognola ai Colli, Montecchia di Crosara, Pescantina, Roncà, San Martino Buon Albergo, Soave, Trevenzuolo, Verona, Zevio;

– per la tromba d’aria del 29 agosto 2020 in provincia di Vicenza: Alonte, Arzignano, Castelgomberto, Dueville, Quinto Vicentino, Sovizzo, Villaverla, Zugliano.

Soggetti beneficiari

Agricoltori singoli o associati che esercitano attività di coltivazione del fondo, allevamento di animali e attività connesse ai sensi del codice civile. Gli agricoltori associati sono identificati nelle società agricole di conduzione terreni.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono considerate ammissibili le spese relative al ripristino di:

 

a)impianti di colture arboree da frutto, oliveti e vigneti:

 

  • espianto di superficie pari alla superficie da reimpiantare: abbattimento, estirpo, rimozione raccolta trasporto e smaltimento dei materiali di risulta;
  • operazioni di messa a dimora: lavorazioni del terreno funzionali all’impianto incluse le necessarie sistemazioni idraulico agrarie, squadratura dell’impianto;
  • fornitura e messa a dimora materiale vivaistico;
  • fornitura e messa in opera di strutture di sostegno;
  • fornitura e messa in opera di impianti antigrandine, antipioggia, antinsetto;
  • fornitura e messa in opera di impianto di irrigazione: sono ammissibili esclusivamente le strutture atte alla distribuzione lungo il filare di bassi volumi d’acqua sottochioma (microirrigazione, irrigazione/subirrigazione a goccia). Non sono ammissibili gli impianti di pompaggio, filtrazione, la realizzazione del pozzo ed in ogni caso tutti materiali e le opere necessarie al trasporto dell’acqua dalla fonte di approvvigionamento alla testata dei filari;

b)serre fisse: fornitura e posa di serre fisse: fondazioni, strutture, coperture;

c)spese generali pari al 5% delle spese di cui ai punti a) e b), secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali
generali del PSR ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.

Entità e forma dell’agevolazione

Risorse a bando: 1.500.000,00 euro.

Il contributo è pari al 50% della spesa ammessa.

La spesa ammissibile per soggetto giuridico è fissata al minimo in 5.000,00 euro e al massimo in 300.000,00 euro.

Scadenza

30/09/2021