PSR 2014/2020. Intervento 4.1.1. Finanziamento a fondo perduto fino al 50% per l’acquisto di macchinari e attrezzature.

 

La Regione Friuli Venezia Giulia finanzia operazioni per l’acquisto esclusivamente di macchinari e attrezzature al fine di potenziare la competitività e migliorare la redditività, le prestazioni e la sostenibilità globale delle imprese agricole salvaguardando, nel contempo, il patrimonio agro ambientale in cui le aziende operano.

Soggetti beneficiari

I beneficiari sono:

a) le imprese agricole individuali o societarie;

b) le cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno o l’allevamento di animali.

I beneficiari devono essere regolarmente iscritti al registro delle imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA), fatte salve le condizioni di esenzione dall’obbligo di iscrizione in base alla vigente normativa di riferimento.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili le operazioni relative all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature collegati al ciclo colturale, all’allevamento, alla trasformazione o alla commercializzazione dei prodotti agricoli, di prevalente provenienza aziendale.

Ai fini dell’ammissibilità delle domande le operazioni:

a) devono essere realizzate in Friuli Venezia Giulia;

b) devono migliorare le prestazioni e la sostenibilità globale dell’azienda agricola da un punto di vista economico e ambientale.

Sono ammissibili i seguenti costi:

a) per l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature funzionali allo svolgimento dell’attività aziendale;

b) generali per la stesura del PA, per le garanzie fidejussorie connesse alla concessione degli anticipi, relativi alla tenuta del conto corrente, purché si tratti di conto appositamente aperto e dedicato esclusivamente all’intervento nel limite del 10 per cento dei costi di cui alla lettera a);

Entità e forma dell’agevolazione

Il sostegno è erogato in forma di finanziamento a fondo perduto secondo le seguenti aliquote distinte per tipologia di beneficiario:

a) giovani agricoltori o già insediati durante i cinque anni precedenti alla data di presentazione della domanda di aiuto:

1) al 50 % del costo ritenuto ammissibile per operazioni relative alla produzione agricola;

2) al 35 % per operazioni relative alla trasformazione o alla commercializzazione di prodotti agricoli;

b) beneficiari diversi da quelli di cui alla lettera a) la cui superficie agricola utilizzata prevalente ricade nelle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici e i cui investimenti sono realizzati in queste zone:

1) al 45 % per operazioni relative alla produzione agricola;

2) al 35 % per operazioni relative alla trasformazione o alla commercializzazione di prodotti agricoli.

c) beneficiari diversi da quelli indicati alle lettere a) e b):

1) al 35 % per operazioni relative alla produzione agricola;

2) al 30 % per operazioni relative alla trasformazione o alla commercializzazione di prodotti agricoli.

 d) imprese biologiche cioè aventi superficie agricola utilizzata prevalenti a biologico ivi comprese quelle in conversione indipendentemente dalla localizzazione della superficie agricola utilizzata;

1) al 40 % per operazioni relative alla produzione agricola;

2) al 35 % per operazioni relative alla trasformazione o alla commercializzazione di prodotti agricoli.

Il costo minimo ammissibile della domanda di sostegno è pari a:

  • euro 20.000 per operazioni realizzate da imprese con superficie agricola utilizzata aziendale localizzata prevalentemente nelle aree soggette a svantaggi naturali;
  • euro 40.000 per operazioni realizzate da imprese con superficie agricola utilizzata aziendale localizzata prevalentemente nelle altre aree;

Il costo massimo ammissibile della domanda di sostegno è pari a euro 250.000.

Scadenza

La scadenza per la presentazione delle domande è il 7/09/2020.