PSR 2014/2020.Bando 16.4.2. GAL Valle d’Aosta. Finanziamento a fondo perduto fino al 70% per attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali.

 

Il bando finanzia azioni di promozione per rafforzare la visibilità ed incrementare l’informazione sui prodotti delle filiere corte e sui mercati locali, sulle caratteristiche tipiche e sui processi produttivi delle produzioni nel loro complesso e non di un numero limitato di singoli prodotti.

Soggetti beneficiari

Possono accedere al bando e ai relativi finanziamenti le forme associative composte da micro, piccole e medie imprese, costituitesi prima della data di presentazione della domanda di sostegno con atto di costituzione debitamente registrato.

La forma di aggregazione può comprendere le seguenti tipologie di operatori economici: imprese agricole attive nel settore della produzione primaria e/o imprese di trasformazione e commercializzazione e/o imprese di servizi di ristorazione.

Ai fini della partecipazione al bando, almeno il 50 % dei componenti della forma di aggregazione deve appartenere al settore agricolo, vale a dire essere imprese agricole attive nel settore della produzione primaria iscritte alla CCIAA, in possesso del codice primario di attività (ATECO 2007) A01 (con esclusione delle attività di caccia 1.7).

la forma di aggregazione tra operatori economici deve essere stata formalizzata con un atto di costituzione debitamente registrato, in una delle seguenti forme: 

• associazione;

• associazione temporanea di scopo;

• associazione temporanea di imprese;

• contratti di rete;

• consorzi o società consortili;

• società cooperative.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili esclusivamente i progetti presentati da forme associative ubicate nell’area di riferimento del GAL Valle d’Aosta, che prevedono iniziative di promozione a raggio locale sul territorio regionale.

Gli interventi finanziabili sono, a titolo esemplificativo:

– iniziative promozionali in grado di pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali da filiera corta e locali dei produttori agricoli associati;

– creazione di marchi e loghi dei prodotti da filiera corta e locali;

– organizzazione e/o partecipazione a fiere, manifestazioni ed eventi sul territorio regionale;

– produzione di materiale promozionale volto a pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali o da filiera corta;

– azioni di promozione della vendita diretta nei mercati locali e tramite la filiera corta mediante:

– campagne informative da attuare sul territorio regionale;

– promozione sui canali HORECA (Hotellerie, Restaurant, Catering);

– campagne per l‘educazione alimentare ed il consumo consapevole.

Sono ammissibili al sostegno le seguenti tipologie di spese:

• costi di redazione e di predisposizione del progetto di promozione (spese per consulenze per la scrittura del progetto consentite nella misura massima del 5% del valore complessivo del progetto);

• costi di assistenza tecnica nell’attuazione del progetto e nella presentazione delle domande di pagamento (consentite nella misura massima del 5% del valore complessivo del progetto);

• costi per pubblicazioni e prodotti multimediali: realizzazione di immagini fotografiche e video a scopo promozionale, predisposizione immagine coordinata e grafica, redazione testi e materiale promozionale divulgativo, traduzioni in più lingue;

• costi di promozione e marketing. Campagne e materiale pubblicitario esclusivamente per la promozione degli eventi/manifestazioni ed iniziative di valorizzazione delle produzioni locali oggetto della domanda (ad esempio costi per cartellonistica e affissioni, acquisto di spazi pubblicitari e pubbliredazionali in ambito regionale su quotidiani o settimanali locali, pubblicità su media e su piattaforma internet rivolte al mercato locale); • costi per la realizzazione e lo sviluppo di siti web correlati ai prodotti di filiera;

• costi di partecipazione, allestimento ed organizzazione di fiere, eventi e/o iniziative rilevanti per la commercializzazione dei prodotti (ad esempio quote di iscrizione, costi di affitto e allestimento dello stand, trasporto dei prodotti e dei materiali, materiale pubblicitario esclusivamente per la promozione degli eventi, fiere, manifestazioni ed iniziative, traduzioni o interpreti);

• costi per la realizzazione di pubblicazioni e materiali divulgativi distribuiti gratuitamente durante le iniziative promozionali quali: fiere, degustazioni, promozione sui canali HORECA, campagne per l’educazione alimentare ecc. (ad es. locandine, brochure, dépliant);

• costi di realizzazione di seminari, incontri, workshop (ad esempio spese per affitto e allestimento delle sale, compensi per interpretariato, spese per la realizzazione del materiale informativo relativo all’evento);

• costi per consulenti, esperti, relatori o docenti utilizzati nell’ambito delle attività di promozione previste. Solamente nel caso di impiego di relatori, esperti o docenti nello svolgimento di attività di promozione sono rimborsabili i costi di vitto, alloggio e trasferta presenti nel bando. 

Entità e forma dell’agevolazione

La forma di aggregazione deve presentare una proposta progettuale della durata massima di 24 mesi e del valore minimo di spesa ammissibile pari a € 20.000, avente per oggetto la promozione di prodotti locali provenienti dalla filiera corta.

La spesa massima ammissibile per progetto è pari a € 85.715. Il contributo è pari al 70% della spesa ammessa per il progetto fino ad un massimo di € 60.000.

Scadenza

La scadenza per la presentazione delle domande è alle ore 12.00 del 7/10/2020.