Provincia autonoma di Trento. OCM Vino. Misura Investimenti. Campagna 2021/2022. Finanziamento a fondo perduto fino al 40% per il miglioramento della produzione di vino.

 

La Misura Investimenti è una misura attivata nell’ambito del Programma Nazionale di Sostegno (P.N.S.) – per il periodo di programmazione 2019/2023 – per il settore vitivinicolo e finanzia investimenti relativi all’acquisto di beni, materiali e immateriali finalizzati al miglioramento della produzione di vino di migliore qualità e ad una migliore organizzazione che consenta di aprirsi a una maggiore domanda di mercato e al conseguimento di una maggiore competitività.

Non sono ammessi a finanziamento investimenti riguardati la produzione/commercializzazione di aceto di vino.

Soggetti beneficiari

Sono autorizzati a presentare domanda di sostegno comunitario per gli investimenti i seguenti soggetti:

 

1) LE MICROIMPRESE, PICCOLE E MEDIE IMPRESE

2) LE IMPRESE INTERMEDIE

3) LE GRANDI IMPRESE

 

la cui attività sia almeno una delle seguenti:

 

a) la produzione di mosto di uve ottenuto dalla trasformazione di uve fresche da essi stessi ottenute, acquistate o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;

b) la produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve da essi stessi ottenuti, acquistati o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;

c) l’elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino, conferito dai soci e/o acquistato, anche ai fini della sua commercializzazione. Sono escluse dal contributo le imprese che effettuano la sola attività di commercializzazione dei prodotti oggetto del sostegno;

d) la produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori, qualora la domanda sia volta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.

Tipologia di interventi ammissibili

Le operazioni ammissibili, definite in coerenza con i principi di demarcazione e complementarietà con il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Provincia Autonoma di Trento, sono le seguenti:

 

1) acquisto macchine, attrezzature, contenitori, per la vinificazione delle uve e la lavorazione, stoccaggio, affinamento dei prodotti vitivinicoli, con esclusione delle linee di imbottigliamento e confezionamento. Compresi i lavori di posa in opera;

2) acquisto attrezzature di laboratorio per l’analisi chimico-fisica delle uve, mosti, vini finalizzate al campionamento, controllo di qualità di prodotto e/o processo. Compresi i necessari allacciamenti tecnologici e lavori di posa in opera;

3) acquisto di attrezzature ed arredi per l’allestimento di punti vendita al dettaglio, esposizione e degustazione dei prodotti vitivinicoli (nei locali aziendali sul territorio provinciale). Compresi i necessari allacciamenti tecnologici e lavori per la posa in opera.

Entità e forma dell’agevolazione

L’aiuto è concesso nel limite massimo del 40% della spesa effettivamente sostenuta (I.V.A. esclusa) qualora l’investimento sia realizzato da un’impresa classificabile come micro, piccola e media.

Il limite massimo è ridotto al 20% della spesa effettivamente sostenuta (I.V.A. esclusa) qualora l’investimento sia realizzato da una impresa classificabile come intermedia ovvero che occupi meno di 750 dipendenti o il cui fatturato annuo sia inferiore ai 200 milioni di euro.

Il limite massimo è ridotto al 19% della spesa effettivamente sostenuta (I.V.A. esclusa) qualora l’investimento sia realizzato da una impresa classificabile come grande ovvero che occupi più di 750 dipendenti o il cui fatturato annuo sia superiore ai 200 milioni di euro.

 

L’importo minimo della domanda di aiuto è pari a 10.000,00 euro. L’importo massimo della domanda di aiuto è pari a 400.000,00 euro.

La domanda di aiuto a seguito di istruttoria può essere ammessa a finanziamento qualora la spesa ammissibile non sia inferiore a 10.000,00 euro.

Scadenza

La scadenza della presentazione delle domande di aiuto per la campagna 2020/2021 è prevista per il 15 novembre 2021, salvo proroghe.