Provincia autonoma di Bolzano. L.P. 4/1997. Finanziamento a fondo perduto pari al 20% per gli investimenti aziendali delle piccole imprese. Anno 2021.

 

Obiettivo del presente regime di aiuto è il sostegno degli investimenti aziendali delle microimprese e delle piccole imprese che svolgono un’attività economica in provincia di Bolzano.

Il regime di aiuto riguarda i settori artigianato, industria, commercio e servizi.

Soggetti beneficiari

Possono accedere agli aiuti di cui ai presenti criteri le imprese iscritte, secondo il rispettivo ordinamento vigente, nel Registro delle imprese della Camera di Commercio di Bolzano e che svolgono un’attività artigianale, industriale, commerciale o di servizio in provincia di Bolzano, nonché le libere professioniste e i liberi professionisti iscritti negli appositi albi o elenchi.

 

Beneficiari degli aiuti sono:

 

a) nel settore dell’artigianato: le imprese che sono iscritte come imprese artigiane nel Registro delle imprese;

b) nel settore dell’industria: le imprese industriali che sono iscritte nel Registro delle imprese secondo il vigente ordinamento provinciale dell’industria con Codici Ateco:


  • 49.32., 49.39, 49.41.0, 51.10.2, 51.21., 52.24.4., 53.20., 58.1., 59.11., 59.12., 59.20.3., 74.20., 81.2., 82.92., 95.11., 96.01.1.

 

nonché le imprese svolgenti le seguenti attività della classificazione ATECO 2007, qualora non iscritte nel Registro delle imprese quali imprese artigiane:

 

1) attività di “riparazione di autoveicoli e motocicli” di cui alla divisione 45;

2) attività di “riparazione” di cui alla divisione 95;

3) attività di “trasporto terrestre di passeggeri in aree urbane e suburbane” di cui al codice 49.31;

4) attività di “trasporto di merci su strada e servizi di trasloco” di cui al codice 49.4.

 

c) nel settore del commercio: le imprese di cui alla sezione G (commercio all’ingrosso e al dettaglio) della classificazione ATECO 2007, qualora iscritte nel Registro delle imprese quali imprese commerciali e non quali imprese artigiane o industriali, nonché le imprese di cui al codice:

 

  • 56.10.2., 56.10.4. 

 

d) nel settore dei servizi: le imprese di servizio ai sensi del vigente ordinamento provinciale dei servizi di con Codice Ateco:

 

  • 46.1.,49,50,51,52,53,58,59,60,61,62,63,64,65,66,66.22.,68,69,70,71,72,73,74,75,77,78,79,80,81,82,85,86,87,88,90.02.,91,92,93,94 e 96.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono finanziabili gli interventi per costruire un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente:

 

a) arredi;

b) hardware;

c) software;

d) macchinari e impianti di produzione;

e) macchine operatrici: autogrù, autobetoniere, autopompe per calcestruzzo;

f) attrezzature;

g) mezzi di trasporto immatricolati come “mezzi speciali ad uso specifico”;

h) autoveicoli per il trasporto di persone per agenti e rappresentanti di commercio iscritti nell’apposito ruolo presso la Camera di commercio: il primo automezzo del valore massimo di 50.000,00 euro (IVA esclusa) ed acquistato nei primi due anni di attività;

i) autoveicoli per il trasporto di persone per le attività di trasporto con taxi e noleggio di autovetture con conducente;

j) veicoli per il trasporto di cose per le imprese di commercio su aree pubbliche e per quelle del settore della distribuzione automatica di alimenti e bevande.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse disponibili per l’attuazione della presente procedura a bando ammontano a euro 3.000.000,00.

 

Gli aiuti sono concessi sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 20 per cento dei costi ammissibili.

Scadenza

Le domande devono essere inviate entro il 30 aprile 2021.