Programma LIFE GESTIRE 2020. Finanziamento a fondo perduto per progetti di miglioramento e conservazione habitat e/o tutela di specie o gruppi di specie di interesse comunitari.

 

Il “Programma Regionale per interventi territoriali a salvaguardia della biodiversità – Life Gestire 2020 è articolato in 9 linee di intervento, ciascuna delle quali dedicata alla al miglioramento delle condizioni di diversi habitat e/o alla tutela di particolari specie o gruppi di specie. Gli ambiti toccati dalle 9 linee di intervento sono di seguito brevemente descritti:

  • Incremento delle connessioni ecologiche a livello locale attraverso la realizzazione di interventi ricadenti nelle 41 API (Aree Prioritarie d’Intervento) e rivolti alla conservazione di specie e habitat di interesse comunitario e al rafforzamento della coerenza di Rete Natura 2000;
  • Tutela di habitat e specie di interesse comunitario, attraverso l’attuazione di interventi di eradicazione/ contenimento di 8 specie vegetali aliene invasive.
  • Conservazione e tutela dei Chirotteri, attraverso il miglioramento degli habitat necessari alla sopravvivenza di tali specie, in particolare preservando i rifugi presenti negli ambienti ipogei e in ambito antropico e conservando e aumentando la disponibilità di aree di foraggiamento e di rifugi in aree forestale;
  • Tutela dell’habitat 4030 “Lande secche europee” attraverso il rallentamento della dinamica evolutiva in atto nella zona Biogeografica continentale, il contenimento della vegetazione arborea con particolare riferimento alle specie esotiche invasive (ciliegio tardivo, ailanto, robinia). Rinaturalizzazione dei corridoi asserviti agli elettrodotti con specie tipiche della brughiera o altre specie arbustive del mantello preforestale;
  • Mantenimento delle popolazioni lombarde di anfibi e rettili attraverso il miglioramento degli habitat e il contenimento di specie alloctone invasive;
  • Conservazione degli habitat di interesse comunitario indentificati come “querceto” (9160, 9190, 91H0, 91F0, 91L0) attraverso interventi di miglioramento, volti in particolare alle specie floristiche tipiche di questi habitat e attraverso il contenimento di specie invasive;
  • Miglioramento delle condizioni dei siti di nidificazione di ardeidi coloniali (garzaie) in qualità di habitat di specie di interesse comunitario, attraverso interventi volti al miglioramento a lungo termine delle garzaie attive sul territorio lombardo, con il mantenimento delle condizioni ambientali favorevoli al corteggio floro-faunistico delle zone umide circostanti;
  • Tutela dei siti importanti per lo svernamento e la riproduzione dell’avifauna acquatica di interesse comunitario, attraverso interventi volti al miglioramento dei siti di svernamento e riproduzione dell’avifauna acquatica tramite la riqualificazione delle zone umide;
  • Miglioramento dei siti riproduttivi esistenti o potenziali, naturali o artificiali, di Sternidi e altri uccelli di greti fluviali di interesse comunitario attraverso interventi volti a favorirne la riproduzione in ambienti naturali e incrementare i siti riproduttivi in ambienti artificiali, anche tramite la riduzione del disturbo antropico.

Soggetti beneficiari

Amministrazioni pubbliche, Enti gestori dei siti della rete Natura 2000 e delle aree protette, ad eccezione degli enti gestori privati

Tipologia di interventi ammissibili

I progetti finanziabili, volti al mantenimento dell’ambiente naturale e della biodiversità, devono prevedere le seguenti tipologie di intervento:

1. cenosi erbacee spondali

2. praterie polispecifiche su piano/terrazzo

3. canneti

4. siepe arbustiva 

5. siepe arboreo‐arbustiva

6. filari arborei  

7. unità ripariali   

8. fasce tampone boscate

9. macchie arboreo‐arbustive

10. pozze e stagni con presenza stabile di acqua

11. zone umide a struttura diversificata 

12. passaggi faunistici 

13. installazione bat box o bat tower .

 

Sono ammissibili le spese finalizzate alla realizzazione dei progetti finanziati. 

Entità e forma dell’agevolazione

Contributo a fondo perduto nella misura massima del 100% delle spese sostenute fino ad un massimo di € 100.000,00.

Scadenza

ore 16:00 del 29 gennaio 2021