POR FSE 2014/2020. Asse IX. Azione 9.6. Bando Bellezza e legalità per una Puglia libera dalle mafie. Finanziamento a fondo perduto per la realizzazione di progetti finalizzati a promuovere azioni di antimafia sociale.

 

Il presente avviso intende finanziare azioni di ricostruzione dell’identità locale, attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, connesse anche al recupero funzionale di immobili in disuso e di beni confiscati alle mafie, attraverso la realizzazione di Laboratori Innovativi.

Soggetti beneficiari

Possono partecipare gli Enti del Terzo Settore.

Tipologia di interventi ammissibili

L’avviso intende finanziare azioni di ricostruzione dell’identità locale, attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, connesse anche al recupero funzionale di immobili in disuso e di beni confiscati alle mafie, attraverso la realizzazione di Laboratori Innovativi. Le proposte progettuali dovranno fare riferimento ai seguenti ambiti di intervento:

 

a) Laboratori per rafforzare la cultura della legalità, della cittadinanza responsabile e della convivenza civile, finalizzati ad accrescere conoscenze e competenze per la salvaguardia e la valorizzazione del territorio; 

b) Laboratori di inclusione sociale e cittadinanza attiva, per l’informazione, la comunicazione e la divulgazione presso le comunità, degli effetti dei fenomeni di infiltrazione della criminalità mafiosa organizzata

c) Laboratori artistici capaci di valorizzare l’estetica come stile cognitivo, attraverso linguaggi artistici capaci di valorizzare esperienze morali, per rafforzare la dimensione creativo-espressiva, ai fini dello sviluppo integrale della persona. A titolo esemplificativo e non esaustivo rientrano in questa linea d’intervento i laboratori di: pittura (inclusi il disegno, l’incisione e la grafica digitale), scultura (inclusi l’oreficeria, l’arte tessile, l’arazzo e l’origami) architettura, letteratura, musica, danza, teatro, cinema (inclusa la video arte), fotografia e fumetto.

 

Sono ritenute ammissibili le seguenti macro-voci di spesa, riconducibili alle attività progettuali, sostenute dalla data di presentazione della proposta progettuale:

 

Spese di funzionamento e gestionali:


  • Consulenza amministrativa
  • Altre consulenze funzionali al progetto
  • Materiale didattico
  • Materiali di consumo Fideiussione

 

Risorse umane:


  • Coordinamento
  • Progettazione e pianificazione temporale
  • Monitoraggio delle fasi in itinere ed ex post
  • Esperti nelle materie oggetto delle attività progettuali
 
Volontari:
 
  • Assicurazione contro infortuni e malattie e per responsabilità civile verso terzi

 

Beni strumentali, spese di noleggio e leasing:

 

  • Utilizzo attrezzature per l’attività programmata
  • Quote d’ammortamento di beni ammortizzabili e/o acquisti di beni strumentali all’operazione
  • Manutenzione ordinaria di beni immobili/mobili registrati, incluse le spese per la funzionalizzazione connessa alle attività progettuali 30%

 

Comunicazione

 

  • Strumenti di diffusione dei risultati
  • Convegni e seminari
  • Divulgazione best practices

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse totali disponibili sono € 1.500.000,00. 

Ogni Soggetto proponente può presentare una sola proposta progettuale, per un importo minimo pari ad € 20.000 e massimo concedibile pari ad € 50.000,00.

Scadenza

Proroga presentazione domande al 31 marzo 2021.