POR FESR 2014/2020. Misura 3.7. Bando Innoprocess. Finanziamento a fondo perduto fino al 50% per investimenti volti alla diffusione delle ICT.

 

La Regione Puglia intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento volti alla diffusione delle ICT nelle piccole e medie imprese attraverso aiuti mirati finalizzati all’utilizzo e alla diffusione di servizi digitali innovativi con riferimento alle applicaizoni volte a innovare la sfera produttiva, organizzativa e di mercato. 

Soggetti beneficiari

I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, in Consorzio, ATI, Reti di imprese. Le imprese devono essere regolarmente iscritte alla CCIAA competente per il territorio. 

Sono esclusi il settore siderurgico, del carbone, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, nonché della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche. 

Tipologia di interventi ammissibili

Ciascuna impresa potrà presentare un solo progetto. 

Sono ammessi i seguenti investimenti: 

  • servizi a supporto dei processi produttivi basati su tecnologie e dispositivi comunicanti autonomamente fra di loro;
  • servizi a supporto dell’innovazione dei processi di gestione aziendale;
  • servizi a supporto dell’innovazione dei processi di fornitura e distribuzione;
  • servizi per lo sviluppo e adozione di soluzioni e-commerce;
  • servizi di supporto al cambiamento organizzativo;
  • supporto all’implementazione di sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni;
  • servizi di supporto ai processi di certificazione aziendale.

Spese ammissibili:

  • spese di personale;
  • costi relativi a strumentazione ed attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti acquisiti e ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato;
  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto (tali spese non potranno eccedere complessivamente il 18% delle spese valutate ammissibili);
  • costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa dei brevetti e di altri attivi materiali;
  • costi per i servizi di consulenza a sostegno dell’innovazione.
La durata delle attività ammesse non può essere superiore a 12 mesi, eventualmente prorogabile di 3 mesi. 

Entità e forma dell’agevolazione

Il contributo massimo per progetto è di 270.000 € per impresa, 400.000 € per raggruppamenti di imprese.
Ogni impresa, in forma singola o associata, può presentare una sola domanda di ammissione al contributo, in cui si possono selezionare massimo tre tipologie di servizi.
Le agevolazioni sono concesse nella misura del 46% della spesa complessiva ritenuta congrua, pertinente e valutata ammissibile, e possono arrivare fino al 50%.

Scadenza

 Le domande possono essere presentate dalle 12:00 del 27/07/2020 fino all’esaurimento dei fondi.