POR FESR 2014/2020. Azione 3.2.1. Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per imprese ricettive colpite dall’emergenza sanitaria Covid-19.

 

All’interno del programma interventi promozionali delle Camere di Commercio di Perugia e Terni, è stato finanziato il presente bando per  sostenere la ripresa dell’attività delle imprese ricettive umbre colpite dall’emergenza sanitaria Covid-19 e dal conseguente blocco dei flussi turistici a seguito del lock down.  Obiettivo del bando è sostenere il capitale circolante delle imprese ricettive umbre colpite dal crollo delle presenze e del fatturato in conseguenza dell’emergenza sanitaria Covid-19, nonché a sostenerne le iniziative di promo-commercializzazione volte all’aumento della permanenza media dei potenziali clienti. 

Soggetti beneficiari

Bando è rivolto alle seguenti attività ricettive svolte in forma imprenditoriale ed iscritte alla Camera di Commercio di Perugia o di Terni aventi un’unità locale in Umbria, che siano piccole o medie imprese:  

a) IMPRESE RICETTIVE ALBERGHIERE 
– Alberghi
– Alberghi diffusi
– Villaggi-albergo
b) IMPRESE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE
– Country House 
– Case e appartamenti vacanze 
– Affittacamere 
– Bed and breakfast
– Case religiose di ospitalità 
– Ostelli per la gioventù 
– Kinderheimer – centri di vacanza per ragazzi 
– Rifugi escursionistici 
c) IMPRESE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA 
– Campeggi
– Villaggi turistici
– Camping village
d) RESIDENZE D’EPOCA

Possono accedere alle agevolazioni  le imprese ricettive che abbiano avuto una diminuzione del fatturato di almeno il 30% relativamente al periodo 01/03/2020-30/06/2020 rispetto al medesimo periodo dell’esercizio 2019 o dell’esercizio 2018 nel caso in cui nel 2019 l’impresa sia stata interessata da un periodo di sospensione dell’attività per lavori di ristrutturazione o a causa di documentati motivi oggettivi non dipendenti da scelte imprenditoriali.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili a contributo tutte le spese identificabili come Costi di produzione di cui alla lettera B) dello schema di conto economico (al netto della voce “ammortamenti e svalutazioni”) sostenuti nell’arco dell’esercizio finanziario 2020 a
partire dal 1 febbraio, ovvero per i bilanci in forma abbreviata o per i bilanci delle micro imprese, al netto delle voci “ammortamenti e svalutazioni”, “accantonamento per rischi” e “altri accantonamenti” . Per le imprese beneficiarie non tenute alla pubblicità del bilancio di esercizio nonché per le imprese beneficiarie che operano in regime forfettario i costi della produzione indicano gli equivalenti costi desumibili dalla dichiarazione dei redditi.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse complessivamente stanziate saranno ripartite nel modo seguente:
– Il 70% pari a € 2.730.000,00 è destinato alle imprese ricettive alberghiere e residenze d’epoca;
– Il 30%, pari a € 1.170.000,00 è destinato alle imprese ricettive extralberghiere e all’aria aperta.

L’agevolazione è un contributo a fondo nella misura del 100% della spesa ritenuta ammissibile.

L’importo massimo del contributo teorico concedibile non potrà essere superiore al 25% del fatturato relativo all’esercizio 2019 ed in ogni caso non superiore ad € 30.000.

Il contributo concedibile potrà essere integrato di un ulteriore 15% a titolo dipremialità, ottenibile a fronte dell’applicazione di sconti documentati di pari importo. Gli sconti sono quelli applicati al soggiorno dei clienti nella struttura ricettiva, rilevabili dalla documentazione fiscale emessa nel periodo ricompreso tra l’1/02/2020 e il 31/12/2020 dall’impresa beneficiaria e riferiti ad un valore non inferiore a quello di una notte come desumibile dal documento fiscale nel quale risulta applicato.

Scadenza

La compilazione delle domande potrà essere effettuata a partire dalle ore 10:00:00 del 6 agosto 2020 e fino alle ore 12:00:00 del 4 settembre 2020.