PO FEAMP 2014/2020. Misura 1.42. Finanziamento a fondo perduto fino al 50% per i proprietari di imbarcazione da pesca per migliorare il valore aggiunto e/o la qualità del pesce catturato.

 

La Misura ha la finalità di migliorare il valore aggiunto e/o la qualità del pesce catturato e l’utilizzo di specie indesiderate, promuovendo la competitività della filiera di settore. 

Soggetti beneficiari

Il sostegno di cui alla lettera a)  del paragrafo “tipologia di interventi ammissibili” è concesso ai proprietari e agli armatori di imbarcazioni da pesca che esercitano attività di impresa. Il sostegno di cui alla lettera b) è concesso unicamente ai proprietari di imbarcazioni da pesca.

I soggetti richiedenti possono presentare una sola domanda e devono possedere i seguenti requisiti/condizioni:

a) essere iscritti alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;

b) se armatori dell’imbarcazione da pesca, essere iscritti nel Registro delle imprese di pesca

Tipologia di interventi ammissibili

Costituiscono interventi ammissibili le seguenti operazioni:

a) investimenti che valorizzano i prodotti della pesca, in particolare consentendo ai pescatori di provvedere alla trasformazione, alla commercializzazione e alla vendita diretta delle proprie catture;

b) investimenti innovativi a bordo sugli attrezzi selettivi per ridurre al minimo le catture indesiderate in grado di migliorare la qualità dei prodotti della pesca.

Sono ammissibili le spese, organizzate in un progetto, relative a:

a) acquisto di mezzi/attrezzature atti al trasporto ed idonei alla vendita diretta del pescato da parte dei pescatori:

– fornitura e posa in opera di cassoni coibentati;

– sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro);

– automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non rimovibili dalla motrice;

– automezzo per la vendita diretta del pescato (veicolo attrezzato per la vendita su strada);

b) servizi e tecnologie per lo sviluppo di prototipi e/o campionari;

c) acquisto di macchine per il trattamento del pescato;

d) acquisto di macchine per la fabbricazione del ghiaccio;

e) acquisto di impianti frigoriferi;

f) ristrutturazione e isolamento della stiva senza aumento della stazza;

g) acquisto di macchinari, attrezzature per la lavorazione, la prima trasformazione, conservazione, confezionamento, etichettatura e commercializzazione e vendita diretta dei prodotti della pesca, incluse quelle per il trattamento degli scarti;

h) opere murarie e/o impiantistiche strettamente inerenti al progetto, ivi compresi interventi per l’accessibilità e il superamento delle barriere architettoniche;

i) acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici specifici necessari alla realizzazione del progetto;

j) spese generali collegate al progetto finanziato, quantificate forfettariamente fino ad una percentuale massima del 10% dell’importo totale delle altre spese ammesse. Qualora riferite a più attività devono essere calcolate secondo un metodo pro-quota equo, corretto e debitamente giustificato. Tra le spese generali relative alla presente Misura rientrano, a titolo esaustivo:

– le spese per studi di fattibilità purché direttamente connesse all’operazione;

– le spese tecniche di progettazione e direzione lavori relative ad interventi strutturali oggetto di contributo;

– le spese per la pubblicizzazione dell’investimento (targhe esplicative, cartellonistica).

Entità e forma dell’agevolazione

L’intensità dell’aiuto pubblico è pari al 50% della spesa totale ammissibile. In deroga a quanto sopra esposto si applicano le seguenti intensità di aiuto pubblico:

  • qualora il beneficiario sia un’impresa che non rientra tra le PMI, riduzione di 20 punti percentuali; 
  • qualora gli interventi siano connessi alla pesca costiera artigianale l’intensità dell’aiuto pubblico è aumentata di 30 punti percentuali.

Per la spesa ammissibile sono fissati i seguenti limiti:

  • € 20.000,00 quale limite minimo;
  • € 150.000,00 quale limite massimo.

Scadenza

La scadenza per la presentazione delle domande è il 28 ottobre 2020.