OCM Vino. Campagna 2021/2022. Misura ristrutturazione e riconversione vigneti. Finanziamento a fondo perduto fino al 50% per aumentare la competitività dei produttori regionali di vino.

 

L’obiettivo generale del regime di sostegno alla Ristrutturazione e riconversione dei vigneti è di aumentare la competitività dei produttori regionali di vino perseguendo i seguenti obiettivi specifici:

 

– adeguare la produzione alle esigenze del mercato;

– ridurre i costi di produzione attraverso una progressiva sostituzione dei vigneti, in modo da ottenere prodotti di buona qualità a prezzi competitivi e remunerativi per i viticoltori;

– favorire azioni volte ad incentivare la riconversione varietale dei vigneti con cambio di varietà ritenute di maggior pregio enologico o commerciale, nonché il reimpianto con razionali forme di allevamento e sesti d’impianto atti a migliorare la qualità del prodotto ed a consentire la meccanizzazione delle principali operazioni colturali;

– miglioramenti delle tecniche di gestione dell’impianto viticolo.

Soggetti beneficiari

Rientrano tra i beneficiari:

 

– le organizzazioni di produttori vitivinicoli riconosciuti;

– le cooperative agricole;

– le società di persone e di capitali esercitanti attività agricola;

– i consorzi di tutela autorizzati

Tipologia di interventi ammissibili

Possono usufruire dell’aiuto per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti, le seguenti attività finalizzate alla realizzazione di vigneti secondo criteri di massima razionalità.

 

A) la riconversione varietale

B) la ristrutturazione

C) il miglioramento delle tecniche di gestione dei vigneti

Entità e forma dell’agevolazione

Il sostegno alla ristrutturazione e alla riconversione dei vigneti può essere erogato nelle forme seguenti:

 

a) compensazione ai produttori per le perdite di reddito conseguenti all’esecuzione della misura. L’importo della perdita di reddito annuale per ettaro (Ha) conseguenti all’esecuzione della misura è indicato in 2.057 €/annui e, considerata la compensazione per perdita di reddito riconosciuta, per le attività che prevedono l’estirpazione del vigneto, per due campagne compresa quella di impianto, l’importo riconoscibile è quello massimo stabilito in complessivi 3.000 €/Ha. Nel caso di sovrainnesto l’entità della compensazione del mancato reddito è ridotto del 50%, a 1.500 €/Ha.

b) contributo ai costi di ristrutturazione e di riconversione. Il contributo ai costi di ristrutturazione e di riconversione è erogato nel limite del 50% dei costi effettivamente sostenuti e nel rispetto del prezzario regionale, fino al raggiungimento di un importo massimo di 16.000 €/Ha.

Al fine di sostenere la viticoltura in zone ad alta valenza ambientale e paesaggistica, detto contributo è complessivamente elevato a 22.000 €/Ha

Scadenza

15 luglio 2021