L.r. 4/2017. Finanziamento a fondo perduto per le associazioni dei consumatori-utenti per la realizzazione di progetti di informazione e sensibilizzazione al fine di migliorare l’educazione sui temi del consumo e dei servizi.

 

La Regione Emilia Romagna concede ontributi per le associazioni dei consumatori-utenti iscritte al registro regionale, per la realizzazione di progetti di informazione e sensibilizzazione al fine di migliorare l’educazione sui temi del consumo e dei servizi, a facilitare e rafforzare l’esercizio e le opportunità da parte dei consumatori e degli utenti dei diritti e delle facoltà previsti dalla normativa vigente, nei seguenti ambiti prioritari di intervento:

  • promozione ed educazione al consumo consapevole e sostenibile, con riferimento, prioritariamente alle fasce deboli e meno protette della popolazione nonché, con il coinvolgimento delle istituzioni scolastiche, nei confronti delle nuove generazioni, quali futuri consumatori
  • informazione, formazione e sensibilizzazione all’utilizzo responsabile del denaro, per promuovere una cultura finanziaria e del risparmio con particolare attenzione ai temi dell’indebitamento
  • informazione in merito ai diritti degli utenti all’accesso ed alla fruizione dei servizi pubblici, con particolare attenzione all’accessibilità digitale e al digital divide

Soggetti beneficiari

Possono presentare la domanda per l’accesso ai contributi le associazioni dei consumatori e degli utenti iscritte, antecedentemente la data di presentazione della domanda, al registro regionale.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili le spese sostenute a decorrere dal 01.01.2021 e fino al 31.12.2021 e pagate, comunque, entro il 31.01.2022, per:

 

a) personale dipendente con contratto a tempo indeterminato e determinato e personale cosiddetto parasubordinato;

 

b) acquisizione di servizi di consulenza per competenze professionali di cui l’associazione interessata non dispone, aventi a contenuto unicamente l’approfondimento e lo sviluppo delle tematiche oggetto di intervento;

 

c) acquisizione di servizi di comunicazione relativi alle sole tematiche oggetto d’intervento e riguardanti la stampa di materiali didattici, divulgativi e pubblicitari, la realizzazione di materiali digitali e di iniziative radiotelevisive, di convegni, di seminari, di corsi formativi e di ogni altra attività informativa e/o formativa;

 

d) spese progettuali riconosciute nel limite massimo del 10% del costo totale del progetto, relative alle spese accessorie al progetto, quali la rendicontazione progettuale, le spese di tenuta della contabilità o di segreteria, le consulenze del lavoro, anche commissionate a soggetti esterni, le spese per il rilascio di garanzie ecc.;

 

e) spese generali riconosciute in misura forfettaria pari al 20% del costo totale del progetto, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, ad affitto di locali, illuminazione, riscaldamento, uso di telefono, fax, servizi postali e di corriere, viaggi, missioni, valori bollati, cancelleria, spese per buffet e pernottamenti e altre spese.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie destinate alla realizzazione dei progetti di cui al presente bando ammontano a € 200.000,00.

 

Il contributo è concesso a tutte le associazioni richiedenti nella misura pari alla spesa richiesta.

Qualora le risorse disponibili non consentano di finanziare totalmente la spesa richiesta ammissibile, si procede alla ripartizione assegnando un contributo parametrato proporzionalmente rispetto al punteggio conseguito e alla spesa richiesta ritenuta ammissibile. 

Scadenza

15 dicembre 2020