L.R. 26/2007. Finanziamento a fondo perduto per interventi a favore del resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale.

 

Sul BUR del 25.11.2020 numero 48, a pagina 14, è stato pubblicato il bando definente le modalità per l’individuazione dei soggetti beneficiari, delle tipologie di interventi e delle spese ammissibili, per la presentazione delle domande, l’erogazione, la rendicontazione e la revoca dei finanziamenti assegnati per la promozione delle attività e delle iniziative in favore del resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale.

Soggetti beneficiari

1. Sono legittimati a presentare domanda di finanziamento:

– Comune di Resia

– enti e associazioni anche non iscritte all’Albo aventi sede legale nel medesimo Comune o aventi sede legale e operanti nei medesimi territori.

 

2. Sono considerati parte dei territori i seguenti Comuni, loro frazioni o località:

a) Attimis; b) Cividale del Friuli; c) Drenchia; d) Faedis; e) Grimacco; f) Lusevera; g) Malborghetto – Valbruna; h) Nimis; i) Povoletto; j) Prepotto; k) Pulfero; l) San Leonardo; m) San Pietro al Natisone; n) Savogna; o) Stregna; p) Taipana; q) Tarvisio; r) Torreano.

Tipologia di interventi ammissibili

1. Sono ammissibili le seguenti tipologie di spese:

a) spese direttamente collegabili al programma finanziato, quali spese di viaggio, di vitto e di alloggio sostenute dal soggetto beneficiario per soggetti funzionali al programma; retribuzione lorda del personale del soggetto beneficiario impiegato in mansioni relative al programma e relativi oneri sociali a carico del soggetto beneficiario; spese per l’acquisto di beni strumentali non ammortizzabili, se necessari alla realizzazione del programma; spese per il noleggio o per la locazione finanziaria di beni strumentali anche ammortizzabili, necessari alla realizzazione del programma, esclusa la spesa per il riscatto dei beni; spese per l’allestimento di strutture architettoniche mobili utilizzate per il programma; spese per l’accesso a opere protette dal diritto d’autore e ad altri contenuti protetti da diritti di proprietà intellettuale; canoni di locazione e spese di assicurazione per immobili utilizzati per il programma; spese per il trasporto o la spedizione di strumenti e di altre attrezzature e connesse spese assicurative; spese per premi per concorsi;

b) spese per compensi di soggetti funzionali al programma, inclusi gli oneri sociali e fiscali, qualora siano obbligatori per legge e nella misura in cui rimangono effettivamente a carico del soggetto beneficiario;

c) spese per compensi ad altri soggetti che operano per conto dell’ente organizzatore del programma, per prestazioni di consulenza e di sostegno erogati da consulenti esterni e da fornitori di servizi, direttamente imputabili al programma, che risultano indispensabili e correlate al programma proposto e realizzato;

d) spese di pubblicità e di promozione relative al programma: in particolare, spese per servizi di ufficio stampa; spese per stampe, distribuzione e affissione di locandine e manifesti; spese tipografiche; spese per prestazioni professionali di ripresa video, registrazione audio, servizi fotografici; spese di pubblicità; spese per la gestione e la manutenzione del sito web;

e) spese per la gestione di spazi relative al programma: in particolare, spese per la locazione di spazi per la realizzazione del programma;

f) nella misura massima del 10 per cento del contributo: spese di rappresentanza per eventi di presentazione dell’iniziativa;

g) nella misura massima del 10 per cento del contributo:

spese generali di funzionamento del soggetto beneficiario e, in particolare, spese per la fornitura di elettricità, gas e acqua; canoni di locazione, spese condominiali e spese di assicurazione per immobili destinati alla sede legale e alle sedi operative; spese per l’acquisto di beni strumentali non ammortizzabili; spese per il noleggio o per la locazione finanziaria di beni strumentali anche ammortizzabili, esclusa la spesa per il riscatto dei beni; spese di pulizia e di manutenzione dei locali delle sedi; spese telefoniche; spese relative al sito web e per assistenza e manutenzione tecnica della rete e delle apparecchiature informatiche e multimediali; spese postali; spese fisse bancarie; spese di cancelleria; retribuzione lorda del personale impiegato nell’amministrazione e nella segreteria del soggetto beneficiario e relativi oneri sociali a carico del soggetto beneficiario; spese per i servizi professionali di consulenza all’amministrazione; spese relativeagli automezzi intestati al soggetto beneficiario.

Entità e forma dell’agevolazione

Su richiesta del soggetto beneficiario, i contributi sono concessi e erogati in via anticipata nella misura dell’80 per cento dell’importo contributivo concesso. Il restante importo del 20 per cento viene erogato con l’approvazione del rendiconto.

Il finanziamento è concesso fino ad un massimo di euro 5.000, se il programma è presentato da un singolo soggetto, e di euro 15.000, se lo stesso è realizzato nell’ambito di un rapporto di partenariato.

Il limite di finanziamento richiesto per ciascuna domanda non può essere inferiore ad euro 2.500,00.

Scadenza

Gli interventi sono finanziati sino ad esaurimento delle risorse disponibili.