L.R. 25/2007. Finanziamento a fondo perduto fino al 75% per la riqualificazione del servizio di trasporto pubblico di taxi.

 

Bando per la concessione di contributi per la riqualificazione del servizio di trasporto pubblico di taxi.

Il finanziamento è finalizzato alla riqualificazione del servizio di trasporto pubblico non di linea, anche sotto il profilo della sostenibilità ambientale e all’esigenza di promuovere l’accessibilità ai veicoli ai soggetti portatori di handicap.

Soggetti beneficiari

Legittimati alla presentazione delle domande di contributo sono i titolari di licenze taxi.

Tipologia di interventi ammissibili

E’ ammissibile:

 

A) l’acquisto in proprietà oppure locazione finanziaria (leasing finanziario) di autoveicolo destinato al servizio, in sostituzione del precedente, alimentato con combustibile tradizionale (benzina, gasolio);

B) l’acquisto in proprietà oppure locazione finanziaria (leasing finanziario) di autoveicolo destinato al servizio, in sostituzione del precedente, alimentato con combustibile non tradizionale (alimentazione elettrica, doppia alimentazione benzina/elettrico, gasolio/elettrico, benzina/metano, benzina/idrogeno, benzina/GPL e gasolio/metano);

C) l’acquisto ed installazione di dispositivi atti a consentire l’accesso al veicolo di servizio ai soggetti portatori di handicap;

 

I casi di cui alle lettere A) e B), possono avere ad oggetto anche l’acquisto o la locazione finanziaria di autovetture nuove cosiddette a “km zero”.

 

La concessione dei contributi è in ogni caso vincolata alla condizione dell’esercizio continuativo dell’attività di taxi per almeno 4 anni.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse stanziate per il 2021 ammontano a € 80.000,00.

La misura del contributo è pari al:

 

a) 15 per cento dei costi ammissibili in caso di autoveicolo alimentato con combustibile tradizionale, elevabile fino al 20 per cento nel caso di acquisto di autoveicolo predisposto per il trasporto di soggetti portatori di handicap;

b) 20 per cento della spesa ammissibile per gli interventi in caso di autoveicolo con alimentazione non tradizionale (alimentazione elettrica, doppia alimentazione, benzina/elettrico, gasolio/elettrico, benzina/metano, benzina/idrogeno, benzina/GPL e gasolio/metano);

c) 75 per cento dei costi ammissibili per gli interventi in caso di allestimento di autoveicolo per il trasporto di soggetti portatori di handicap.

 

I contributi di cui sopra sono concessi fino al tetto massimo complessivo di euro 5.000,00 per ciascun richiedente.

I contributi per l’acquisto o leasing finanziario di autoveicolo attrezzato con dispositivi per consentire l’accesso ai soggetti portatori di handicap oppure per l’installazione su autoveicolo usato di dispositivi nuovi atti a consentire l’accesso agli stessi soggetti, sono concessi fino al tetto massimo complessivo di euro 8.000,00 per ciascun richiedente.

Il periodo di riferimento per le richieste di contributi è fissato dall’1/09/2020 al 31/08/2021.

Le risorse stanziate pari ad € 80.000,00, saranno:

 

o suddivise per ambiti provinciali, tenuto conto del numero di licenze taxi rilasciate dai comuni e della entità della popolazione residente in Liguria (ultimo aggiornamento disponibile dei dati ISTAT relativi al “Bilancio demografico mensile”), attribuendo a ciascuno dei suddetti parametri un peso percentuale pari al 50 per cento;

o ripartite in relazione alle varie tipologie di interventi finanziabili come di seguito riportato:

 

  • 1/3 per le finalità di cui lettere A); 
  • 1/3 per le finalità di cui lettere B); 
  • 1/3 per le finalità di cui lettera C).

Scadenza

La domanda per l’accesso al finanziamento, può essere presentata dall’1 settembre al 30 settembre 2021