L.R. 20/2014. Finanziamento a fondo perduto fino al 70% per la presentazione di progetti di promozione della cultura cinematografica e audiovisiva e di sostegno all’esercizio cinematografico per il triennio 2021-2023.

 

La Regione Emilia-Romagna intende acquisire proposte progettuali, da realizzarsi sul territorio regionale nel triennio 2021-2023, che perseguano prioritariamente i seguenti obiettivi:

 

  1. valorizzare la rete dell’esercizio cinematografico, ai fini del rilancio del ruolo comunitario e accogliente della sala attraverso una programmazione di qualità, un sostegno al riequilibrio dell’offerta territoriale, e del miglioramento e la diversificazione dei servizi rivolti al pubblico;
  2. qualificare la programmazione cinematografica e la formazione del pubblico, ossia la promozione prioritaria di opere autoriali, film d’essai, e la valorizzazione del documentario;
  3. promuovere ed ampliare la diffusione in sala delle opere sostenute con risorse regionali, con priorità per opere prime, documentari e cortometraggi degli autori e produttori regionali;
  4. conservare e valorizzare il patrimonio audiovisivo, con sostegno prioritario agli archivi di famiglia, quale memoria della società regionale, nazionale o internazionale;
  5. promuovere e valorizzare l’autorialità e la produzione regionale, con sostegno prioritario al rinnovamento nella scrittura e alla promozione di occasioni di incontro con gli operatori della filiera cinematografica, ai fini del rafforzamento delle competenze e delle opportunità delle imprese regionali;
  6. promuovere e sviluppare la creatività autoriale del settore, la diversificazione dei linguaggi creativi e l’ innovazione tecnologica a supporto di produzione e distribuzione.

Soggetti beneficiari

Soggetti che possono presentare domanda


  1. Possono presentare progetti e, conseguentemente, essere beneficiari del contributo regionale, soggetti pubblici o privati che operano nel settore cinematografico e audiovisivo, di norma senza fini di lucro, costituiti in qualsiasi forma giuridica, con esclusione delle persone fisiche.
  2. I soggetti beneficiari, al momento della presentazione del progetto, devono essere in possesso dei seguenti requisiti di ammissibilità:
  • avere sede legale o unità operativa sul territorio regionale;
  • possedere, alla data di scadenza del bando, una esperienza di almeno 3 anni, con attività regolare e continuativa nell’ambito di intervento per il quale viene proposto il progetto;
  • svolgere attività di rilievo almeno regionale, ossia con ricadute dirette o indirette su almeno 3 province dell’Emilia-Romagna.

Tipologia di interventi ammissibili

Possono essere presentati e finanziati a valere sul presente avviso i progetti, da realizzarsi sul territorio emiliano-romagnolo nel triennio 2021-2023, che perseguono almeno uno degli obiettivi descritti sopra e che sviluppano almeno una delle seguenti azioni o delle seguenti tipologie:

 

  1. valorizzazione, qualificazione e consolidamento della rete di sale cinematografiche della regione, promosse dalle associazioni di coordinamento delle realtà di settore; saranno considerate prioritarie le esperienze di aggregazione di sale mirate alla innovazione di strategie di audience development;
  2. promozione e diffusione delle opere audiovisive regionali, ossia produzioni sostenute con il Fondo audiovisivo regionale, considerando prioritari documentari e cortometraggi, di autori e/o produttori regionali, a partire dalla continuità con il progetto DOC IN TOUR;
  3. valorizzazione del patrimonio audiovisivo, con sostegno prioritario agli archivi di famiglia. Verranno considerate prioritarie le azioni di ampliamento della conservazione e della catalogazione finalizzate alla valorizzazione della memoria delle comunità e dei territori;
  4. valorizzazione della produzione regionale e di rinnovamento dell’autorialità, con sostegno prioritario alla promozione di eventi e occasioni di incontro tra operatori del settore oppure ad azioni per promuovere la scrittura femminile e degli under 35;
  5. promozione della creatività autoriale e delle imprese dell’intero settore dell’audiovisivo, anche attraverso la diversificazione delle tecnologie e dei linguaggi creativi, con sostegno prioritario ad azioni attivate da reti di operatori per ampliare il mercato delle imprese regionali.
 
 
Sono ammissibili le spese pertinenti e direttamente collegate all’iniziativa, secondo le indicazioni di seguito riportate e le ulteriori specificazioni indicate nella modulistica:
 
 
a) spese relative alla logistica: affitto e allestimento degli spazi, ivi incluse le spese relative alle autorizzazioni ovvero concessioni amministrative;
b) spese relative al personale direttamente impiegato nella realizzazione dell’iniziativa e alle prestazioni d’opera professionali, intellettuali e di supporto, purché e nella misura in cui siano direttamente imputabili all’iniziativa medesima;
c) spese di ospitalità;
d) spese connesse all’utilizzo delle opere audiovisive protette dal diritto d’autore ovvero da diritti di proprietà intellettuale;
e) spese relative alla promozione e pubblicità dell’iniziativa;
f) spese per l’innovazione tecnologica e la valorizzazione dei luoghi e degli spazi di fruizione;
g) acquisto di beni o servizi finalizzati al rispetto dei protocolli di prevenzione Covid;
h) spese di certificazione ambientale; i) spese generali e di gestione; tali spese sono ammissibili fino ad un limite massimo del 20% del preventivo

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione prevista nel presente avviso consiste in un contributo nella misura massima del 70% dei costi ammissibili e potrà risultare anche inferiore a quanto richiesto.

Le risorse finanziarie disponibili per l’attuazione del presente intervento trovano copertura sui pertinenti capitoli di bilancio relativi alla L.R. n. 20/2014, nel limite massimo di € 600.000.

Scadenza

Presentazione delle domande entro le ore 16.00 del 26 Luglio 2021.