L.R. 11/2018 e L.R. 13/2020. Finanziamento a fondo perduto per attività di promozione e valorizzazione delle istituzioni culturali piemontesi e del patrimonio archivistico, documentale e bibliografico di interesse culturale per l’anno 2021

 

Il bando mette a disposizione finanziamenti a fondo perduto per attività di promozione del libro e della lettura, dei premi e dei concorsi letterari e di valorizzazione delle istituzioni culturali piemontesi, attività di promozione della conservazione e della valorizzazione dei beni librari e delle stampe di interesse culturale ed attività di valorizzazione e digitalizzazione del patrimonio archivistico e documentale.

Soggetti beneficiari

I soggetti pubblici e privati che intendono presentare istanza di assegnazione del contributo 2021, ai sensi del presente Avviso, devono avere tutti i seguenti requisiti:

– soggetti aventi natura giuridica privata o pubblica (enti locali singoli o associati, pubbliche amministrazioni, istituzioni culturali e formative, enti e istituzioni religiose, associazioni e fondazioni pubbliche e private, altri enti che operano senza fine di lucro, cooperative a mutualità prevalente senza fini di lucro).

b) non essere soggetti che vedano la partecipazione in qualità di socio della Regione Piemonte con corresponsione di un sostegno economico annuale;

c) essere soggetti legalmente costituiti;

d) essere in possesso di codice fiscale e, nel caso di svolgimento di attività anche marginali di natura commerciale, di Partita Iva;

e) garantire, con risorse eccedenti il contributo richiesto, la copertura di almeno il 50% delle spese effettive previste.

Tipologia di interventi ammissibili

E’ ammessa la presentazione di una sola istanza di contributo ai sensi del presente Avviso; nell’istanza potranno essere esposte attività relative a uno o più dei seguenti ambiti di intervento:

 

a) attività di promozione della conservazione e della valorizzazione dei beni librari e delle stampe di interesse culturale;

b) attività di promozione del libro e della lettura, dei premi e dei concorsi letterari e di valorizzazione delle istituzioni culturali piemontesi;

c) attività di valorizzazione e digitalizzazione del patrimonio archivistico e documentale.

 

Sono ammissibili alla fase istruttoria i progetti che si svolgano nell’anno 2021.

 

Sono altresì ammessi progetti le cui attività siano a scavalco degli anni 2021-2022, purché una parte significativa degli stessi sia realizzata nell’anno 2021. Per i progetti a scavalco degli anni 2021-2022 le attività devono concludersi entro il 30 giugno 2022.


TIPOLOGIE DI INTERVENTI AMMISSIBILI PER AMBITO DI INTERVENTO

Ambito A Promozione della conservazione e della valorizzazione dei beni librari e delle stampe di interesse culturale

A1) Censimento, inventariazione e catalogazione di fondi storici
A2) Riordino e trattamento fisico di fondi storici (spolveratura, etichettatura, timbratura)
A3) Disinfezione e disinfestazione di fondi storici
A4) Recupero e conversione di database catalografici, riproduzione e digitalizzazione di fondi storici
A5) Trasloco di fondi storici
A6) Progettazione, coordinamento scientifico e organizzativo dell’attività, studi e ricerche
A7) Acquisto di etichette, inchiostri, etc.
A8) Promozione e comunicazione dei fondi storici (attività di conoscenza e divulgazione, conferenze, laboratori didattici, sito web, etc.)

A9) Quota di adesione al sistema bibliotecario di riferimento

A10) Altre spese di progetto (specificare) – escluse le spese di acquisto di beni strumentali durevoli, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili, le quote di ammortamento, gli interessi passivi, le spese generali e di funzionamento

Ambito B Promozione del Libro e della Lettura, Premi e Concorsi Letterari, valorizzazione delle istituzioni culturali piemontesi

B1) Direzione artistica/scientifica, organizzazione, coordinamento e segreteria
B2) Personale e collaboratori vari
B3) Cachet, compensi autori e artisti
B4) Affitto e allestimento spazi per l’attività, noleggio di attrezzature (specifiche per il progetto)
B5) Stampa materiali pubblicitari e pubblicazioni, promozione e comunicazione
B6) Trasporti, viaggi e soggiorno, ospitalità
B7) Premi, Rimborso giuria
B8) Spese postali e di spedizione, SIAE
B 9) Altre spese di progetto (specificare) – escluse le spese di acquisto di beni strumentali durevoli, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili, le quote di ammortamento, gli interessi passivi, le spese generali e di funzionamento)
Ambito C Valorizzazione e digitalizzazione del patrimonio archivistico e documentale
C1) Progettazione e coordinamento scientifico e organizzativo dell’attività
 C2) Attività di descrizione archivistica mediante piattaforma digitale (censimento, schedatura, riordino, redazione di inventari, guide, elenchi etc.)
 C3) Digitalizzazione (secondo le Linee guida regionali)
C4) Recupero e conversione di database
C5) Spese per la conservazione (spese di piccola entità)
C6) Studi e ricerche su fondi archivistici di particolare interesse
C7) Promozione e comunicazione dei fondi archivistici (attività di conoscenza e divulgazione, conferenze, laboratori didattici, sito web, etc.)
C8) Altre spese di progetto (specificare) – escluse le spese di acquisto di beni strumentali durevoli, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili, le quote di ammortamento, gli interessi passivi, le spese generali e di funzionamento)
SPESE GENERALI E DI FUNZIONAMENTO per tutti gli ambiti di intervento
1. Spese di affitto sede e spese connesse (es. pulizie) (voce di spesa non utilizzabile dagli enti locali o pubblici in genere)
2. Magazzino/deposito materiali (voce di spesa non utilizzabile dagli enti locali o pubblici in genere)
3. Utenze (es. acqua potabile, energia elettrica, gas e/o riscaldamento, rifiuti, telefono e internet)
4. Spese di cancelleria/materiale di consumo; spese postali e di spedizione
5. Compensi del personale interno
6. Consulenza amministrativa e fiscale (es. commercialisti, notai, etc.)
7. Spese bancarie di gestione del conto corrente (escluse altre spese bancarie quali, ad esempio, gli interessi passivi e i ratei di prestito); Assicurazioni
8. Altre spese (specificare) – escluse le spese di acquisto di beni strumentali durevoli, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili, le quote di ammortamento, gli interessi passivi, le spese generali e di funzionamento


Entità e forma dell’agevolazione

L’importo previsto per il sostegno ai progetti relativi ai suddetti ambiti è pari complessivamente ad Euro 1.379.304,00, di cui:

 

– Euro 1.053.554,00 a favore di soggetti privati comprese le società cooperative a mutualità prevalente;

– Euro 325.750,00 a favore di Pubbliche Amministrazioni.

 

Il contributo minimo richiedibile è pari ad Euro 2.000,00 a fronte di progetti il cui costo complessivo non sia inferiore ad Euro 4.000,00.

Il contributo massimo richiedibile da parte di soggetti che hanno ricevuto uno o più contributi nel triennio 2018-2020 non può essere superiore alla media dei contributi ricevuti dal Settore Promozione dei beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali nell’ambito degli avvisi pubblici afferenti gli ambiti sopra indicati nel triennio 2018-2020 ed espressi nelle graduatorie conclusive degli analoghi avvisi pubblici di finanziamento, o nell’ambito di specifiche convenzioni stipulate con la Regione, sulla stessa materia, in almeno uno degli anni dello stesso triennio, calcolati al netto di eventuali provvedimenti di riduzione o revoca degli stessi, e comunque non superiore a euro 120.000,00.

Il contributo massimo richiedibile da parte di soggetti che non hanno ricevuto un contributo nel triennio 2018-2020 non può essere superiore ad Euro 30.000,00; 

Eventuali bilanci di previsione che richiedono un contributo inferiore alla soglia minima di contribuzione di Euro 2.000,00 comportano l’esclusione della istanza dalla ammissione al contributo 2021.

Eventuali bilanci di previsione che richiedono un contributo superiore alla soglia massima richiedibile da parte del soggetto richiedente comportano in fase istruttoria, su istanza del Settore procedente e a carico del soggetto richiedente, la loro riformulazione in conformità alle soglie di contribuzione individuate dal presente Avviso.

Scadenza

22 settembre 2021 ore 12.00