L.R. 11/2018 e L.R. 13/2020.Contributo a fondo perduto fino al 50% per lo Sviluppo e promozione delle imprese editoriali e delle librerie indipendenti del Piemonte per l’anno 2021

 

Il bando mette a dispoziozione contributi a fondo perduto per sostenere il comparto delle imprese editoriali e delle librerie indipendenti piemontesi, che presentino attività e progetti finalizzati ad incentivare la promozione e la commercializzazione delle opere attraverso azioni quali: la comunicazione, la distribuzione (anche a livello internazionale), lo sviluppo di canali digitali o alternativi di vendita e di nuovi modelli di business, la diffusione e la fruizione di contenuti al fine di intercettare nuovi pubblici, la formazione professionale, lo sviluppo di progetti innovativi e competenze sui nuovi linguaggi.

L’obiettivo del presente Avviso è di sostenere la filiera del libro e di rispondere alle esigenze del settore, emerse nel corso della crisi epidemica del 2020 e legate in modo particolare allo sviluppo di nuove strategie di promozione e di vendita, per fidelizzare ed incrementare il pubblico anche attraverso modalità alternative.

Soggetti beneficiari


Possono beneficiare del sostegno:


A- micro e piccole imprese editoriali, in posesso dei seguenti requisiti:

 

1) siano iscritte regolarmente nel registro delle imprese della Regione Piemonte, presso la competente Camera di Commercio;

2) abbiano sede legale ed attività produttiva in un comune del Piemonte;

3) siano un’impresa editrice indipendente, non appartenente ad un grande gruppo editoriale;

4) abbiano come attività economica prevalente la progettazione e la pubblicazione di libri, identificata attraverso il codice ATECO 58.11.00” Edizione di libri”.


B- Librerie indipendenti del Piemonte in posesso dei seguenti requisiti:

 

1) siano iscritte regolarmente nel registro delle imprese della Regione Piemonte, presso la competente Camera di Commercio;

2) abbiano sede legale ed attività produttiva in un comune del Piemonte;

3) non appartengano a gruppi aziendali o a catene librarie;

4) abbiano come attività prevalente la vendita di libri nuovi al dettaglio, identificata attraverso il codice ATECO 47.61.00 Commercio al dettaglio di libri nuovi in esercizi specializzati”.

 

Non possono beneficiare dei contributi previsti nel presente bando gli Istituti Culturali, le Fondazioni e le Associazioni che, pur svolgendo attività editoriale, non presentano carattere di “impresa” con finalità di natura commerciale ed imprenditoriale.


Tipologia di interventi ammissibili


Il progetto pertanto potrà delinearsi su una o più delle seguenti articolazioni:


1. azioni di promozione aziendale, marketing, comunicazione;

2. internazionalizzazione;

3. formazione professionale.


Sono considerate ammissibili le spese relative a: 


  • organizzazione di azioni, eventi in presenza o in remoto per presentazione, promozione e vendita delle opere realizzate;
  • spese per il miglioramento della strategia di comunicazione digitale e tradizionale e di riflesso dell’immagine aziendale e dei suoi prodotti;
  • spese per azioni pubblicitarie offline per una maggiore visibilità e per una maggiore versatilità;
  • spese per potenziamento e sviluppo di servizi di e-commerce;
  • spese per servizi finalizzati allo sviluppo e/o ammodernamento di software e relativi abbonamenti ad esclusione di beni durevoli;
  • spese per canoni di piattaforme per videoconferenze, lezioni online, collegamenti per presentazioni di opere all’estero o per attività promozionali, anche con finalità turistiche;
  • spese per l’individuazione di nuovi strumenti e di servizi di comunicazione e marketing e per la realizzazione di progetti innovativi di promozione, comunicazione e vendita anche finalizzati al coinvolgimento di nuovi target;
  • spese per servizi di internazionalizzazione traduzione di testi richiesti all’estero (ad esclusione dei diritti d’autore) e per siti web, software, spese per azioni promozionali all’estero, anche in funzione dello sviluppo dei servizi editoriali online;
  • spese di iscrizione per la formazione e per la partecipazione a corsi, rivolti al personale e/o al titolare dell’azienda, in merito a nuove metodologie organizzative, logistiche e commerciali, a nuovi linguaggi di comunicazione, al miglioramento dell’immagine aziendale e a tematiche specifiche volte alla realizzazione del progetto presentato.
  • Eventuali altre spese strettamente correlate al progetto.

 

Sono altresì considerate ammissibili le seguenti spese generali di funzionamento e di personale interno nella misura massima del 25% delle spese connesse alle attività

 

  • spese di affitto e spese connesse;
  • spese per magazzino/deposito materiali;
  • spese per spedizioni;
  • utenze;
  • spese di cancelleria e materiali di consumo;
  • personale interno dedicato al progetto;
  • altre spese varie (specificare).
 
 

Entità e forma dell’agevolazione


Contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 50% delle spese complessive di progetto ritenute ammissibili e coerenti con gli interventi finanziabili esposte nel preventivo e comunque non superiore ad euro 5.000,00.

 

La dotazione finanziaria è pari a € 286.000 così ripartita:

 

linea 1 – imprese editoriali: il 70 % a sostegno delle imprese editoriali piemontesi tenuto conto che lo sviluppo delle imprese in tale ambito ricade sull’intero indotto della filiera del libro;

 

linea 2 – librerie indipendenti: il restante 30% a sostegno dellelibrerie indipendenti piemontesi.

 

Scadenza

23 settembre 2021 ore 12.00