L. 44/2019. Piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia. Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per la salvaguardia di olivi secolari o monumentali.

 

Al fine di prevenire la diffusione della Xylella Fastidiosa e salvaguardare il patrimonio olivicolo a carattere monumentale e storico pugliese, è concesso, un contributo in favore dei proprietari, detentori o possessori di terreni in cui ricadono olivi monumentali che si impegnano ad attuare gli interventi necessari a bloccare l’avanzata della fitopatia.

Sono finanziabili interventi, anche sperimentali, di innesto realizzati con cultivar di olivo resistenti o altre cultivar che dovessero rivelarsi resistenti o tolleranti all’organismo specificato, sulla base di approvazione del Comitato Fitosanitario Nazionale.

Soggetti beneficiari

Gli aiuti di cui al presente avviso sono concessi agli agricoltori attivi e/o alle piccole e medie imprese attive nella produzione primaria di prodotti agricoli.

Nel caso di partecipazione in forma associata, deve essere presentata una domanda collettiva da parte di Associazioni di produttori costituite in forma di cooperative agricole olearie e/o organizzazioni di produttori del settore dell’olio di oliva e delle olive da tavola riconosciute.

Tipologia di interventi ammissibili

Gli interventi finanziabili sono finalizzati alla prevenzione dei danni da Xylella fastidiosa agli ulivi monumentali inseriti nell’elenco degli ulivi monumentali della Regione Puglia mediante innesti degli stessi con varietà dichiarate resistenti o tolleranti all’organismo specificato dal Comitato fitosanitario nazionale.

Tuttavia, considerando l’obiettivo fondamentale di prevenire i danni provocati dalla batteriosi, è richiesto che l’innesto sia effettuato previa eliminazione della ‘vecchia’ vegetazione sensibile al batterio. In questo modo si intende tutelare immediatamente l’albero dai danni di eventuali successive infezioni anche grazie alla riduzione della potenziale fonte di inoculo. Gli innesti, pertanto, dovranno essere effettuati con le tecniche di innesto ritenute più opportune per favorire la probabilità di attecchimento sui bordi dei tagli delle branche secondarie e/o terziarie dell’albero monumentale una volta capitozzate nel rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro.

 

Come ulteriori indicazioni:

 

– è importante proteggere la vegetazione dei nuovi innesti dagli attacchi di fitofagi quali: cecidomia suggiscorza (Resseliella oleisuga), rodilegno giallo (Zeuzera pyrina), oziorrinco (Otiorhynchus spp.), margaronia (Palpita unionalis) ed altri insetti che possono colpire la nuova vegetazione e vanificare l’operazione;

– è importante sostenere le piante innestate mediante idonee concimazioni ed irrigazioni di soccorso per favorire l’attecchimento ed il successivo sviluppo degli innesti;

– è necessario procedere con la spollonatura e eliminazione periodica dei succhioni delle piante innestate;

– si raccomanda di usare attrezzi affilati e disinfettati con prodotti rameici per limitare la diffusione di malattie;

– per gli innesti a corona è buona pratica coprire i tagli con del mastice per innesti.

 

È opportuno rimarcare che il proprietario/conduttore che intende effettuare tale pratica su piante di grande valore storico e culturale, dopo l’esecuzione di tali interventi non può e non deve abbandonare le piante alla loro sorte. Le scarse cure agronomiche possono, infatti, determinare l’insuccesso dell’operazione, anche totale, con la conseguente morte dell’albero.

 

Sono ammissibili i costi relativi a interventi preventivi specifici per investimenti finalizzati alla prevenzione dei danni arrecati dall’organismo nocivo Xylella fastidiosa.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria prevista per l’intervento ammonta ad € 5.000.000,00.

 

L’intensità massima di aiuto è pari all’80 %, aumentata fino al 100% se l’investimento è effettuato collettivamente da più beneficiari.

Scadenza

Il portale sarà operativo dal 15/02/2021 al 16/03/2021 per la presentazione delle domande di aiuto individuali e delle domande di adesione e dal 17/03/2021 al 31/03/2021 per la presentazione delle domande di aiuto collettive.

Le richieste di abilitazione per operare nel portale saranno evase fino alla data del 05/03/2021.