INSP. Bonus fiscale per l’assunzione di giovani under 36 a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022.

 

Lo scopo del bonus è quello di incentivare l’occupazione giovanile stabile e quindi evitare costituzioni di rapporti di lavoro a tempo determinato oppure contratti flessibili con aggravio di precarietà ed incertezza per i giovani. 

Soggetti beneficiari

L’esonero contributivo in oggetto è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditore, ivi compresi i datori di lavoro del settore agricolo. Pertanto, la misura in trattazione non si applica nei confronti della pubblica Amministrazione. 

Con riferimento al rispetto delle norme fondamentali in materia di condizione di lavoro e di assicurazione sociale obbligatoria, la fruizione dell´esonero contributivo è subordinata al rispetto , da parte del datore di lavoro che assume, delle condizioni fissate di seguito elencate:

 

  • regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale

  • assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;

  • rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Tipologia di interventi ammissibili

L’incentivo in esame spetta per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, effettuate nel biennio 2021-2022, di soggetti che, alla data dell´evento incentivato, non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell´intera vita lavorativa. Il requisito anagrafico si intende rispettato qualora il lavoratore, alla data dell´assunzione, abbia un´età inferiore o uguale a trentacinque anni e 364 giorni. 

L´esonero contributivo è applicabile ai rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro e spetta anche per le assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione.

Entità e forma dell’agevolazione

La legge di Bilancio 2021 prevede un esonero pari al 100% per un periodo di 36 mesi, nel limite massimo di 6.000,00 euro annui, questo massimale ha inoltre un ulteriore limite mensile pari a 500,00 euro, ed un limite giornaliero, per i rapporti instaurati e risolti nel corso del mese pari ad Euro 16,12.

Nelle ipotesi di rapporti di lavoro a tempo parziale, il massimale dell´agevolazione deve essere proporzionalmente ridotto. Per i soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiamo compiuto i 36 anni di età e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell´intera vita lavorativa.

Come espressamente stabilito, l’esonero spetta per un periodo massimo di 48 mesi ai datori di lavoro privati che effettuino assunzioni in una sede o unità produttiva ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.

Scadenza

31 dicembre 2022