HORIZON EUROPE. Incentivi a sostegno della ricerca e l’innovazione.

 

Horizon Europe è il Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione per il periodo 2021-2027. È il successore di Horizon 2020.


Il programma ha una durata di sette anni – corrispondente al bilancio di lungo termine dell’UE – e una dotazione finanziaria complessiva di 95,5 miliardi (a prezzi correnti), cifra che include i 5,4 miliardi destinati al piano per la ripresa Next Generation EU. È il più vasto programma di ricerca e innovazione transnazionale al mondo.


Finanzia attività di ricerca e innovazione – o attività di sostegno a R&I – e lo fa principalmente attraverso inviti a presentare proposte (call for proposals) aperti e competitivi. Il Programma è attuato direttamente dalla Commissione europea (gestione diretta). Le attività di ricerca e innovazione finanziate da Horizon Europe devono concentrarsi esclusivamente su applicazioni civili.

 

L’obiettivo generale di Horizon Europe è ottenere un impatto scientifico, tecnologico, economico e sociale dagli investimenti dell’UE in ricerca e innovazione, in modo da:

 

– rafforzare le basi scientifiche e tecnologiche dell’Unione e promuovere la sua competitività in tutti gli Stati membri

– Attuare le priorità strategiche dell’Unione e concorrere alla realizzazione delle politiche europee, contribuendo a fronteggiare le sfide globali del nostro tempo, enunciate dagli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e dall’Accordo di Parigi sul clima;

– Rafforzare lo Spazio europeo della ricerca.

Soggetti beneficiari

La partecipazione a Horizon Europe è aperta a qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal luogo in cui ha sede, compresi i soggetti giuridici dei Paesi terzi non associati al programma o le organizzazioni internazionali, fatte salve eventuali eccezioni stabilite nel Programma di lavoro o nel bando specifico. 


Nella grande maggioranza dei progetti collaborativi, il consorzio deve essere composto da almeno tre soggetti giuridici indipendenti, ognuno dei quali stabilito in uno Stato membro o in un Paese associato diverso. Inoltre, almeno uno dei soggetti deve essere stabilito in uno Stato membro 

Tipologia di interventi ammissibili

Il programma, strutturato su 3 pilastri, ha l’obiettivo di promuovere e potenziare l’intero settore della ricerca europea nonché l’innovazione tecnologica. La struttura del programma è così composta:

 

Pillar I – Scienza d’eccellenza

Sostiene progetti di ricerca di frontiera ed ad alto rischio e quindi progetti che promuovono la ricerca di eccellenza in diversi settori ritenuti strategici e si suddivide in 3 sotto-programmi:

  1. il Consiglio europeo della ricerca (European Research Council – ERC) : finanzia i ricercatori d’eccellenza di qualsiasi età e nazionalità che intendono svolgere attività di ricerca di frontiera negli Stati membri dell’UE o nei paesi associati ad Horizon;
  2. le azioni Marie Sklodowska-Curie (MSCA): finanziano progetti per la formazione e la mobilità dei ricercatori;
  3. l’azione Infrastrutture di ricerca di Horizon Europe: mira a dotare l’Europa di infrastrutture di ricerca sostenibili a livello mondiale, aperte e accessibili a tutti i ricercatori in Europa e non solo, al fine di sfruttarne appieno il potenziale di progresso e innovazione scientifici.
 

Pillar II – Sfide globali e competitività industriale europea

Sostiene progetti collaborativi in grado di affrontare e rispondere alle sfide globali e di fungere da stimolo per il rafforzamento della competitività industriale, al fine di conseguire una crescita sostenibile e inclusiva in Europa. Le attività di ricerca e innovazione saranno organizzate nei seguenti sei Cluster:

  1. Salute
  2. Cultura, creatività e società inclusiva
  3. Società civile sicura
  4. Digitale, industria e spazio 
  5. Clima, energia e mobilità
  6. Cibo, bio-economia, risorse naturali, agricoltura ed ambiente 

Pillar III – Europa innovativa

Vuole rafforzare la leadership europea nel campo delle tecnologie di punta e delle innovazioni dirompenti, nonché il loro impatto sullo stile di vita europeo e sul benessere dei cittadini. La struttura di questo pillar è cosi suddivisa:

  • Consiglio europeo dell’Innovazione – European Innovation Council (EIC Programme): a supporto di ambiziosi progetti di ricerca collaborativa, attività di validazione e dimostrazione prototipale, accelerazione dei processi aziendali per favorire la crescita sui mercati europei e globali (scaling-up);
  • Ecosistema europeo dell’innovazione – European Innovation Ecosystem: a supporto dello sviluppo di programmi cross regionali e partnership interregionali nelle filiere della Smart Specialisation;
  • Istituto europeo dell’innovazione e della tecnologia – European Institute of Innovation and Technology (EIT): per affrontare le principali sfide della società migliorando la capacità di innovazione e le prestazioni dell’UE attraverso l’integrazione del triangolo della conoscenza costituito da istruzione, ricerca e innovazione.
 

Per poter consultare l’elenco dei bandi attualmente aperti, cliccare sul link