GAL Valle Umbra e Sibillini. Azione 19.2.1.07. Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per le attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali.

 

L’azione 19.2.1.07 contribuisce al perseguimento della Focus area 3A “migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali”. L’azione è coerente con la strategia delineata nell’analisi di contesto del Programma e risponde, nello specifico, ai seguenti fabbisogni:

 

• Focus area 1 – Sostenere le aziende agricole che adottano innovazioni di prodotto, di processo, di organizzazione e promo-commercializzazione;

• Focus area 9 – Favorire la crescita del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali con innovazione e promozione.

 

Inoltre la stessa è conforme agli obiettivi della SSL (Strategia di Sviluppo Locale) del PAL che prevede:

 

• Sostenere la formazione e l’informazione in ambito rurale;

• Valorizzare le produzioni tipiche locali di qualità

• Favorire lo sviluppo e la promozione del turismo sostenibile,

• Promuovere il miglioramento e la sostenibilità ambientale.

 

 

Le attività oggetto del sostegno devono interessare iniziative promozionali rivolte a produzioni agricole ottenute all’interno dell’area del GAL Valle Umbra e Sibillini con parziale esclusione del Comune di Foligno. Le aree eleggibili rientrano nei comuni di:

Bevagna, Cannara, Campello sul Clitunno, Cascia, Castel Ritaldi, Cerreto di Spoleto, Foligno, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Montefalco, Monteleone di Spoleto, Nocera Umbra, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant’anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Spello, Spoleto, Trevi, Vallo di Nera, Valtopina.

 

Sono previsti fondi SNAI per le proposte progettuali presentate da partenariati in cui tutti i membri abbiano sede legale e/o unità produttiva nei Comuni dell’area SNAI Valnerina come di seguito indicati:

Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Vallo di Nera, Poggiodomo, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino e Sellano.

Soggetti beneficiari

Sono ammessi partenariati costituiti tra agricoltori con codice di attività ATECO 2007 prevalente agricolo ciascuno dei quali, con sede legale in Umbria ed almeno una unità produttiva nell’area del GAL Valle Umbra e Sibillini, o tra i medesimi produttori agricoli ed un Ente Locale con sede legale nell’area del GAL.

Non possono essere finanziate attività di partenariati che includono aziende che alla data della domanda di sostegno risultano vincolate ad impegni con partenariati già finanziati nell’ambito dell’intervento 16.4.2 finanziato dalla Regione.


I beneficiari della misura possono essere:

 

• partenariati costituiti da produttori agricoli, singoli o associati con Enti Locali o Associazioni agricole

• Aziende agricole associate nelle forme previste dal codice civile. Nelle Associazioni Temporanee di Imprese prive di autonoma soggettività fiscale, il beneficiario degli aiuti sarà il “capo progetto”, che si assume l’onere finanziario per la realizzazione dell’operazione, obbligatoriamente individuato tra una delle aziende associate.

Tipologia di interventi ammissibili

I partenariati hanno il compito di individuare una strategia promozionale che permetta di pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali o da filiera corta dei produttori agricoli associati. Al fine di garantire una coerente politica di promozione dei prodotti locali e da filiera corta, la finalità dell’azione prevede:

 

• la realizzazione di campagne promozionali da attuare da parte di partenariati che vedano la cooperazione tra aziende agricole locali, anche con Enti locali:

• definizione e gestione delle strategie comuni di promozione affidate a partenariati costituiti tra produttori agricoli o tra Enti locali e produttori agricoli singoli o associati.

• definire marchi e loghi che identifichino i prodotti da filiera corta e locali, nonché la gestione dell’utilizzo di tali marchi e loghi, con campagne informative da attuare a livello locale

• organizzazione e/o partecipazione a fiere, manifestazioni ed eventi a livello locale; produzione di materiale promozionale volto a pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali o da filiera corta

• iniziative di promozione della vendita diretta nei mercati locali a filiera corta;

• campagne informative da attuare a raggio locale mediante degustazioni e testing;

• promozione sui canali HORECA (Hotellerie, Restaurant, Catering), allestimento di stand o corner;

• campagne per l‘educazione alimentare ed il consumo consapevole.

 

L’attività di promozione a raggio locale delle produzioni agricole deve rispettare le seguenti condizioni:

 

– le operazioni di promozione abbiano come esclusivi temi i prodotti da filiera corta e/o prodotti locali, comunque prodotti entro una distanza non superiore a 70 Km in linea d’aria, e siano realizzate da destinatari/beneficiari costituiti in partenariati che coinvolgano almeno cinque aziende;

– le azioni promozionali vengano realizzate a raggio locale, ad una distanza non superiore a 70 Km in line d’aria dalle aziende agricole produttrici;

– le fiere, manifestazioni ed eventi oggetto del sostegno abbiano luogo a raggio locale, ad una distanza non superiore a 70 Km in linea d’aria dalle aziende agricole produttrici;

– i mezzi di comunicazione con i quali si effettuano le campagne informative e/o promozionali abbiano una diffusione locale utilizzando le pagine locali degli stessi, non superiore a 70 Km in linea d’aria dalle aziende agricole produttrici.

 

Sono ammissibili al sostegno le seguenti spese:

 

a. Spese di gestione esclusivamente per il lavoro prestato dal personale dipendente per la progettazione e realizzazione delle attività promozionali oggetto del sostegno tra cui le spese del personale del beneficiario soggetto giuridico o capofila in funzione del tempo effettivamente dedicato alla progettazione e realizzazione delle attività;

b. costi di promozione, materiale pubblicitario esclusivamente per la promozione degli eventi/manifestazioni ed iniziative di valorizzazione delle produzioni locali oggetto della domanda;

c. costi di allestimento ed organizzazione di fiere, festival e/o iniziative rilevanti per la commercializzazione dei prodotti, tra cui fiere, degustazioni, testing, promozione sui canali HORECA, campagne per l‘educazione alimentare.

d. i costi dei materiali e dei prodotti distribuiti gratuitamente durante le iniziative promozionali;

e. Costi per tecnici accreditati nel SIAN per la preparazione e presentazione della domanda di sostegno e delle domande di pagamento nella misura massima del 5% dei costi complessivamente rendicontati.  

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria disponibile è pari ad € 250.000,00 a cui si aggiungono € 267.019,68 per le proposte progettuali presentate da partenariati in cui tutti i membri abbiano sede legale e/o unità produttiva nei Comuni dell’area SNAI Valnerina.

La spesa massima ammissibile relativamente alle risorse ordinarie (non SNAI) per ciascun partenariato beneficiario è pari ad € 100.000,00.

Il massimale di € 100.000,00 non è da applicarsi per i beneficiari che possono attingere alle risorse SNAI.

 

Quando il percettore del sostegno è una forma di cooperazione tra produttori agricoli o associazioni di produttori agricoli, l’aliquota del sostegno è del 70%.

Quando i percettori del sostegno sono partenariati costituiti da produttori agricoli, singoli o associati, anche per il tramite di associazioni agricole, con Enti Locali, l’aliquota del sostegno è del 100% della spesa ammissibile.

Scadenza

Proroga presentazione domande alle ore 12:00 del 1 giugno 2021.