GAL Valle Umbra e Sibillini. Azione 19.2.1.01. Finanziamento a fondo perduto pari al 100% per la formazione professionale nel settore agricolo e forestale.

 

L’intervento è volto ad incoraggiare l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale, e delle altre attività ad esse collegate in ambito rurale.

Gli obiettivi specifici del presente avviso si articolano nel seguente modo:

 

– Incoraggiare l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita e della formazione professionale degli addetti ai settori agricolo, alimentare e forestale, gestori del territorio e altri operatori economici che siano PMI operanti in zone rurali;

– Promuovere attività formative a carattere collettivo nel territorio del GAL Valle Umbra e Sibillini;

– Favorire formazione professionale nei settori del turismo rurale, del commercio, dell’agricoltura, dell’artigianato e dei relativi servizi connessi.

 

Le attività oggetto del sostegno devono interessare iniziative formative svolte all’interno dell’area del GAL con parziale esclusione del Comune di Foligno:

Bevagna, Cannara, Campello sul Clitunno, Cascia, Castel Ritaldi, Cerreto di Spoleto, Foligno, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Montefalco, Monteleone di Spoleto, Nocera Umbra, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant’anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Spello, Spoleto, Trevi, Vallo di Nera, Valtopina.


Si prevede, inoltre, che per le risorse SNAI VALNERINA l’ambito territoriale è delimitato dai seguenti comuni:

Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Vallo di Nera, Poggiodomo, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino e Sellano.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare del sostegno le agenzie formative private operanti in ambito europeo, in possesso di adeguate capacità e risorse atte a garantire il trasferimento delle conoscenze.

 

Destinatari delle operazioni sono i soggetti in possesso del fascicolo aziendale e con sede legale e/o operativa all’interno dell’area del GAL, di seguito indicati:

– addetti ai settori agricolo, alimentare e forestale;

– gestori del territorio;

– altri operatori economici che siano PMI operanti in zone rurali con particolare riguardo a quelle costituite nell’ambito della misura 312 del PSR per l’Umbria 2007-2013 e della misura 6.2 del PSR per l’Umbria 2014-2020.

 

Possono partecipare alle attività formative:

– i titolari/soci/legali rappresentanti e altre figure appartenenti alla compagine sociale delle imprese attive (iscritte alla CCIAA – Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato di Perugia);

– dipendenti/coadiuvanti/collaboratori iscritti all’INPS.

Tipologia di interventi ammissibili

Il sostegno è concesso per interventi rispondenti ai requisiti sotto specificati:

 

– durata non inferiore alle 25 ore e non maggiore a 100 ore definite in fase progettuale;

– obbligo di frequenza per almeno il 75% delle ore formative previste;

– numero di partecipanti variabile da un minimo di 10 ad un massimo di 25, definiti in fase progettuale mediante la compilazione dell’apposita Domanda di iscrizione al corso.

 

Le attività formative potranno riguardare le seguenti tematiche:

 

1. Innovazioni di processo/prodotto, comprese le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);

2. Gestione sostenibile delle risorse naturali, dell’ambiente e delle aree agro-silvo-pastorali (sistemi irrigui per la riduzione dei consumi idrici, pratiche di produzione ecocompatibili, energie rinnovabili, protezione delle matrici ambientali aria, acqua e suolo e delle aree boschive);

3. Introduzione di sistemi di qualità e/o promozione delle produzioni di qualità. Nell’ambito di tali tematiche, sono ammesse al sostegno le attività formative di seguito elencate.

 

Le attività formative potranno riguardare le seguenti tematiche:

 

1. Implementazione di strumenti innovativi di gestione aziendale e finanziaria (aspetti tecnici ed economici per la gestione sostenibile delle imprese dei settori agricolo, alimentare e forestale, multifunzionalità e diversificazione);

2. Innovazioni di processo/prodotto, comprese le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);

3. Gestione sostenibile delle risorse naturali, dell’ambiente e delle aree agro-silvo-pastorali.

 

Nell’ambito di tali tematiche, sono ammesse al sostegno le attività formative di seguito elencate

 

Tematica 1

– Strumenti innovativi per la gestione strategica dell’impresa

– Tecniche di qualificazione dell’offerta enogastronomica

– Corso base per l’apicoltura – Le piante officinali e le erbe aromatiche – 1° Livello

– La lavorazione della carne

– La lavorazione dei prodotti lattiero-caseari

 

Tematica 2

– Comunicazione via WEB e Social Media Marketing per la valorizzazione e la commercializzazione dei prodotti

 

Tematica 3

– Pratiche di produzione ecocompatibili:

o Pratiche agricole sostenibili per la difesa delle colture (esclusa la formazione obbligatoria prevista dal Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei fitofarmaci).

 

Il contributo oggetto della domanda di sostegno è riferibile alle seguenti categorie di spesa:

 

a) attività di progettazione e coordinamento;

b) personale docente e non docente e relativi rimborsi spesa;

c) noleggio di attrezzature e acquisto di materiale didattico a supporto delle iniziative;

d) affitto e/o noleggio di aule, attrezzature e strutture tecniche e/o didattiche per l’attività;

e) hosting per servizi e-learning;

f) produzione di supporti finalizzati all’attività (pubblicazioni cartacee ed elettroniche);

g) pubblicizzazione riferita alla specifica iniziativa promossa dal beneficiario nei confronti dei potenziali destinatari;

h) spese riferite a energia elettrica, riscaldamento e condizionamento, acqua, telefono, spese postali, forniture per ufficio, materiali di primo soccorso.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria pubblica disponibile per l’attuazione dell’avviso è pari ad € 100.000 di risorse ordinarie a cui si aggiungono € 50.000 come quota per proposte progettuali riserve ai progetti SNAI, nei quali tutti i destinatari siano residenti o con sede legale all’interno dell’areale SNAI.

 

Il tasso di sostegno è fissato nella misura del 100% della spesa ritenuta ammissibile, entro un limite massimo di € 25.000,00 per operazione..

Scadenza

La presentazione delle domande è stata prorogata alle ore 12:00 del 1 giugno 2021.