GAL Terra Barocca. Operazione 6.4.c. Finanziamento a fondo perduto pari al 75% per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori commercio – artigianale – turistico – servizi – innovazione tecnologica.

 

L’operazione 6.4.c incentiva interventi per il sostegno agli investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole, favorendo sia la creazione di nuovi posti di lavoro che la erogazione di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali nei territori rurali.

L’operazione prevede interventi nei comuni GAL Terra Barocca (Ispica, Modica, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli). Lo status di “azienda ricadente nel territorio del GAL” è rispettato quando sia la sede legale che quella operativa ricadono all’interno dei comuni facenti parte del GAL.

Soggetti beneficiari

I beneficiari della operazione sono:

 

• gli agricoltori (imprenditori agricoli) ed i coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività attraverso l’avvio di attività extra-agricola;

• le microimprese e le piccole imprese.

Tipologia di interventi ammissibili

La misura finanzia microimprese che realizzano soltanto produzioni tipiche tradizionali e loro derivati, non inclusi nel bando, che dimostrano la sottoscrizione di accordi formali con i produttori agricoli di base locali o loro aggregazioni per la prevalenza delle componenti delle produzioni, in una logica di completamento di filiera. 

Particolare rilievo verrà dato a progetti che prevedono l’introduzione di prodotti e servizi e/o processi innovativi non presenti all’interno del territorio del GAL, con particolare riferimento alle TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) e a progetti che utilizzano processi o servizi che migliorano le performance produttive attraverso tecnologie innovative.

Sono ammissibili gli interventi che riguardano:


– ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento delle attività;

– acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento degli interventi di progetto;

– acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra-agricole, nonché di attrezzature info-telematiche per l’accesso a collegamenti ad alta velocità;

– realizzazione siti internet e di tutte le nuove forme di promozione online, ad esclusione dei costi di gestione nonché la realizzazione di servizi e l’acquisto di dotazioni durevoli necessari per l’attività da realizzare;

– realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi, rientranti nelle spese riguardanti il miglioramento del bene immobile, con conseguente innalzamento del livello di fruibilità;

– investimenti per l’auto-approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili, integrati e proporzionati con gli interventi di cui ai punti precedenti.

 

Sono considerate ammissibili le spese per la realizzazione di:

 

– opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale

– opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%

– tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera, listini ufficiali dei prezzi elementari

– acquisizione di beni materiali, non compresi nelle voci dei prezzari di riferimento

 

Inoltre, sono ammissibili le seguenti spese generali fino ad un massimo del 12%.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria del presente bando ammonta ad € 575.000,00.

Nell’ambito della presente Operazione il contributo pubblico massimo concedibile è pari al 75% dell’importo complessivo di progetto di euro € 100.000,00.

L’importo minimo dell’iniziativa progettuale è pari ad € 30.000,00

Scadenza

Le domande devono essere inviate entro il 17 maggio 2021.