GAL Fermano. Sottomisura 19.2.7.4.A. Finanziamento a fondo perduto fino al 90% per la creazione, miglioramento o ampliamento dei servizi locali di base e infrastrutture.

 

L’obiettivo del bando è quello di sostenere gli investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative, e della relativa infrastruttura, nei settori connessi ai servizi socio-assistenziali e didattico-educativi e loro messa in rete, nonché al potenziamento dei servizi di trasporto pubblico locale integrativo per la fruizione dei servizi alla popolazione.

Soggetti beneficiari

Enti locali, enti di diritto pubblico e loro associazioni; fondazioni che non svolgano attività economiche; cooperative di comunità; associazioni senza fini di lucro.

Ambito territoriale

L’ambito di intervento è quello di operatività del GAL “Fermano Leader”, costituito dai territori dei comuni di: Altidona, Amandola, Belmonte Piceno, Campofilone, Falerone, Fermo, Francavilla d’Ete, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte Rinaldo, Monte Vidon Combatte, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montegiorgio, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monterubbiano, Montottone, Moresco, Ortezzano, Petritoli, Ponzano di Fermo, Rapagnano, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano, Smerillo, Torre San Patrizio.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili ai sensi della presente sottomisura i seguenti investimenti:

 

a) recupero, ristrutturazione e allestimento di strutture per centri sociali e per l’erogazione di servizi sociali;

b) creazione, recupero, ristrutturazione e allestimento di strutture per la erogazione di servizi educativi al di fuori dell’obbligo scolastico e di servizi per la cura dei soggetti anziani, compresi progetti per l’invecchiamento attivo;

c) creazione, recupero, ristrutturazione e allestimento di strutture da destinare alle attività di tempo libero;

d) ristrutturazione e ammodernamento delle strutture dedicate a mercati locali;

e) erogazione dei servizi con mezzi alternativi di sistemi di trasporto pubblico.

 

Per quanto attiene alle singole tipologie di interventi di cui al presente bando, si considerano spese ammissibili e rendicontabili, se strettamente necessarie alla realizzazione della tipologia di intervento ammesso:

 

a) opere edili, comprese le opere per la messa in sicurezza del cantiere, funzionali agli interventi previsti dal presente bando;

b) fornitura e posa in opera di impianti, attrezzature e arredi funzionali agli interventi previsti dal presente bando;

c) fornitura e posa in opera di arredi esterni permanenti o difficilmente spostabili, funzionali agli interventi previsti dal presente bando;

d) cartelli e sistemi segnaletici funzionali all’intervento, con esclusione della segnaletica stradale, ivi compresa la cartellonistica informativa obbligatoria;

e) sistemazioni a verde (piantumazione di essenze poliennali, aiuole, cordonate, vialetti, gradini e simili), se strettamente funzionali alla fruizione dei manufatti oggetto di intervento;

f) acquisto di mezzi di trasporto strettamente funzionali agli interventi di cui al punto E.

 

Sono inoltre ammissibili le spese tecniche, funzionalmente collegate ai costi per investimenti strutturali ed impianti fissi di cui sopra (cioè le dotazioni istallate in modo permanente e inamovibili) e nel limite complessivo del 10% degli stessi:

 

– onorario per la progettazione degli interventi proposti (elaborati progettuali) ed eventuali onorari per consulenti necessari per la redazione del progetto;

– onorario per la direzione, la contabilità e la certificazione di regolare esecuzione dei lavori ed eventuali onorari per consulenti necessari per la direzione, la contabilità ed il collaudo dei lavori.

Entità e forma dell’agevolazione

Dotazione finanziaria assegnata: € 600.000,00.


Sono concessi aiuti con una intensità:


– del 80% della spesa ammissibile per gli investimenti di cui alle lettere A), B);

– del 70% della spesa ammissibile per gli investimenti di cui alle lettere C), D), E).


Il tasso di aiuto è incrementato di 10 (dieci) punti percentuali limitatamente agli interventi realizzati sul territorio dei comuni ricompresi nel cosiddetto “cratere” di cui agli eventi sismici del 2016, con una intensità:


– del 90% della spesa ammissibile per gli investimenti di cui alle lettere A), B);

– del 80% della spesa ammissibile per gli investimenti di cui alle lettere C), D), E).


Il contributo pubblico per singola domanda di sostegno non potrà comunque superare la somma di € 150.000,00.

Scadenza

La domanda di sostegno può essere presentata a partire dal giorno 31-03-2021 e fino al giorno 18-06-2021 ore 13.00.