GAL Etna Sud. Misura 6.4.c. Seconda edizione. Finanziamento a fondo perduto pari al 75% per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori commercio, artigianale, turistico, servizi, innovazione tecnologica.

 

L’azione è diretta a sostenere investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extraagricole nel Comprensorio EtnaSud, favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro, in particolare femminili e giovanili.

Soggetti beneficiari

I beneficiari della operazione sono:

 

– gli agricoltori (imprenditori agricoli) ed i coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività attraverso l’avvio di attività extra-agricola;

– le microimprese e le piccole imprese.

Localizzazione

Gli investimenti devono essere effettuati nel comune di Mascalucia, Camporotondo Etneo, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza e Tremestieri Etneo.

Tipologia di interventi ammissibili

L’operazione intende sostenere investimenti per:

 

  • le attività di B&B;
  • la valorizzazione di prodotti artigianali e industriali; 
  • gli interventi per creazione e lo sviluppo di attività commerciali; 
  • servizi turistici, servizi ricreativi, di intrattenimento, servizi per l’integrazione sociale in genere, servizi di manutenzione ambientale, per la fruizione di aree naturali quali Natura 2000, Parchi o Riserve.

 

Tra gli interventi ammissibili in tali contesti, finalizzati alla valorizzazione delle risorse legate al territorio, e caratterizzati da principi quali sostenibilità energetica, ambientale, innovazione tecnologica e servizi dedicati alla persona, possono essere compresi:

 

  • ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento esclusivo delle attività di B&B e delle altre attività previste per le imprese extraagricole; 
  • interventi per la realizzazione di prodotti artigianali ed industriali e di punti vendita; 
  • interventi per la creazione e lo sviluppo di servizi turistici, artigianali, ricreativi, commerciali e per l’integrazione sociale in genere, servizi di manutenzione ambientale e per la fruizione di aree naturali quali Natura 2000, Parchi o Riserve; 
  • interventi finalizzati alla creazione e allo sviluppo di attività in grado di fornire servizi importanti per le popolazioni e alle imprese, come quelli del settore dell’accoglienza; 
  • interventi nel campo dei servizi di guida ed informazione finalizzati alla fruibilità di musei e beni culturali;
  • interventi per la fornitura di servizi di guida ed accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve, parchi ed altri elementi naturali; 
  • interventi in strutture per attività di intrattenimento, divertimento e ristorazione; 
  • interventi per la fornitura di servizi di digitalizzazione e informatizzazione dedicati ai beni storici, culturali, naturali e paesaggistici; 
  • interventi per la fornitura di servizi per allestimenti di esposizioni e performances nelle arti teatrali, visive e musicali; 
  • interventi per la fornitura di servizi sociali e assistenziali come le attività di riabilitazione e integrazione sociale rivolte prevalentemente ad anziani e soggetti con disabilità, ma anche ad altri soggetti con situazione di svantaggio; 
  • interventi per la fornitura di servizi educativi per attività di aggregazione destinati a diverse fasce di età; 
  • interventi per la fornitura di servizi innovativi inerenti le attività informatiche e le tecnologie di informazione e comunicazione a supporto della popolazione e delle imprese sul territorio. 
  • interventi per la divulgazione della civiltà rurale attraverso spazi espositivi raccolte di attrezzi ed elementi testimoniali, documentazioni fotografiche, proiezione di filmati multimediali. 

 

L’investimento per lo svolgimento dell’attività di B&B è finanziabile solo se prevista in immobili di proprietà.

 

Sono considerate ammissibili le spese per la realizzazione di:

 

  • opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale;
  • opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%;
  • tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera; 
  • acquisizione di beni materiali (compresi hardware e software, attrezzature e macchinari);
  • spese finalizzate a garantire la visibilità delle opere realizzate, con attività informative e pubblicitarie.

 

Inoltre sono ammissibili le seguenti spese generali, che possono essere ammesse a contributo sino alla percentuale massima del 12% dell’importo dei lavori, al netto delle spese stesse.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria del presente bando ammonta ad € 496.389,60.

L’importo minimo dell’iniziativa progettuale è pari ad € 30.000,00.

Nell’ambito della presente Operazione il contributo pubblico massimo concedibile è pari al 75% su un importo complessivo di progetto di euro 100.000,00 + I.V.A.

Per progetti di importo superiore, il contributo massimo concedibile dal GAL è di € 75.000,00.

 

Sono stabiliti i seguenti limiti di spesa massima ammissibile, per tipologia d’ investimento:

 

  • Interventi sul patrimonio edilizio: euro 520,00 per ogni mc. di fabbricato interessato all’intervento, compresi l’installazione e il ripristino d’impianti termici e telefonici. Tali interventi non possono superare la soglia del 0% dell’investimento complessivo.
  • Per B&B Arredi e corredi per ogni camera doppia: euro 7.500,00, da decurtare del 20% nel caso di camera singola o da incrementare del 15% per ogni letto aggiunto. 
  • Acquisto biciclette per cicloturismo: massimo n. 10 biciclette al costo non superiore a euro 200,00 cadauna.
  • Acquisto veicoli trasporto persone: € 35.000,00 complessivi. L’acquisto di veicoli è ammissibile solo se funzionale allo svolgimento dell’attività oggetto dell’intervento. È esclusa l’ammissibilità della spesa per l’acquisto di veicoli laddove questa non risulti esser strettamente legata all’attività d’impresa.

Scadenza

Le domande potranno essere presentate dal 15 marzo 2021 al 16 giugno 2021.