GAL BMG. Intervento 19.2.16.3.1.2.2. Finanziamento a fondo perduto pari al 100% per la Creazione di reti di imprese fra gli operatori turistici. Sviluppo della rete turistica territoriale.

 

L’intervento intende finanziare la creazione di una rete di imprese organizzata per prodotto turistico e mercato di specializzazione (club di prodotto).

I club di prodotto sono infatti aggregazioni di operatori che svolgono attività di I. Organizzazione dell’offerta turistica, II. Promozione e commercializzazione degli stessi basandosi su una combinazione di diversificazione dei prodotti offerti e di specializzazione dei mercati target (in base alle necessità ed ai desideri dei viaggiatori) per far fronte alle necessità turistiche di una domanda in continuo cambiamento e per incrementare la redditività delle singole aziende (condivisione dei costi e delle azioni di promozione e commercializzazione).

In termini generali si può affermare che un Club di prodotto costituisce un’aggregazione di operatori che agisce nell’ambito della promozione e commercializzazione non di un prodotto turistico-ricettivo genericamente inteso, ma di un prodotto specifico rivolto a un segmento/nicchia di clientela o verso un mercato/bacino di domanda specifico.

Oltre alla specializzazione di prodotto/mercato il Club di prodotto si distingue per attività coordinate di miglioramento e qualificazione dell’offerta, non agisce solo come organizzazione che effettua una intermediazione nella vendita, non è appena una centrale di prenotazione.

Aldilà dell’utilizzo di ogni terminologia utile per definire le forme di collaborazione o cooperazione, un Club di prodotto è quella rete di imprese che si orienta tendenzialmente a una specializzazione del prodotto/mercato di riferimento. È infatti utile parlare al mercato con un motivo tematico che interpella bisogni specifici e motivazioni altrettanto specifiche e dunque riconoscibili da parte del cliente. Bisogna tuttavia sottolineare anche che una specializzazione di prodotto può essere concepita, pensata, applicata in senso molto ampio, da definirsi caso per caso.

Il presente bando vuole supportare gli operatori attraverso il contributo all’avviamento di un’offerta turistica del GAL BMG più competitiva e più orientata al mercato in grado cosi di creare e catturare valore per i singoli operatori turistici e per il territorio.

 

L’area geografica interessata corrisponde a tutta l’area dei comuni del GAL distretto rurale BMG (Barbagia, Mandrolisai, Gennargentu,) ovvero: Gadoni, Sorgono, Tonara, Desulo, Teti, Tiana, Ovodda, Belvi. Gavoi, Lodine, Ollolai, Atzara, Oniferi, Austis, Ortueri, Sarule, Olzai, Aritzo, Meana sardo.

Soggetti beneficiari

Beneficiari degli aiuti sono le aggregazioni di, ditte individuali, micro e piccole imprese PMI, professionisti, operatori del settore ricettività extra alberghiero compresi i B&B che operano nel settore turistico ed in quelli ad esso correlati.

Possono partecipare all’aggregazione anche associazioni per la promozioni e valorizzazione dei prodotti turistici del territorio del GAL BMG purché dimostrino il loro valore aggiunto all’interno del progetto. I settori di attività sono i seguenti:

 

a. Attività manifatturiere- aziende di artigianato artistico ed agroalimentare incluse cantine ed i produttori dei prodotti tipici del territorio

b. Attività di trasporto e magazzinaggio

c. Attività dei servizi di alloggio (tanto alberghieri quanto extra alberghieri inclusi i B&B)

d. Agriturismi

e. Fattorie didattiche ed altre forme di turismo rurale

f. Servizi di informazione e comunicazione

g. Servizi di informazione e comunicazione relazionati con il turismo

h. Agenzie viaggio e tour operator

i. Professionisti del settore turistico (incluse guide turistiche ed altre forme di accompagnatori)

j. Noleggio, agenzie di viaggio servizi di supporto alle imprese

k. Attività artistiche, sportive di intrattenimento e di divertimento

l. Attività di organizzazione di eventi

m. Attività agricole che operano anche nel campo turistico.

n. Fornitori di servizi informatici e digitali.

o. Attività culturali, musei etc.

 

Possono partecipare all’aggregazione i professionisti guide turistiche sia quelle iscritte all’albo regionale sia quelle associate ad associazioni/ organismi riconosciuti nazionali ed internazionali (es. Guide CAI, guide GAIA, etc.)

Possono partecipare Aggregazioni già costituite o costituende che si impegnano a costituirsi prima della concessione del finanziamento.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammesse tutte quelle spese e quei costi che consentono di realizzare le attività di progetto:

 

 

Costi relativi alla realizzazione del progetto. Spese e costi relativi alle seguenti attività:

– Definizione degli obiettivi e dei temi turistici che si intendono sviluppare con la creazione del club di prodotto.

– Ideazione, avviamento e primo approccio al mercato del club di prodotto

– Costituzione formale del club e definizione delle regole di funzionamento, e degli standard di gestione (incluse regole di governance, disciplinari di qualità etc…)

– Organizzazione e management del club di prodotto (definizione organi direzionali, e risorse umane dedicate alla gestione dello stesso)

– Definizione dell’offerta e costruzione dei prodotti.

– Definizione della strategia corporativa del Club (visone, e costruzione de aree strategiche d’affari in cui si suddivide l’offerta turistica proposta dal club) – Definizione della strategia competitiva del club (posizionamento e strategia di marketing)

– Definizione dei piani operativi di marketing, comunicazione, promozione e vendita

– Azioni di promozione, commercializzazione e vendite (incluso ideazione di concept di comunicazione, narrativa, partecipazione a fiere ed altre forme di promozione e commercializzazione tanto online quanto offline)

– Azioni volte alla realizzazione di attività immateriali (marchi, brand, costruzione di immagini e loghi).

– Monitoraggio delle attività.

– costi di animazione al fine di ampliare la partecipazione al progetto;

– costi per la predisposizione del progetto esecutivo compresi studi preliminari e di contesto che comprendono l’analisi dei fabbisogni, studi di fattibilità;

– costi amministrativi e legali per la costituzione dell’aggregazione (come parcella notarile e imposta di registro solo nel caso in cui l’aggregazione non sia costituita formalmente al momento della presentazione della domanda di sostegno); Sono ammessi anche costi di costituzione delle aggregazioni per le aggregazioni costituitesi entro 6 mesi precedenti la presentazione della domanda di sostegno.

– costi di esercizio delle attività per la realizzazione del progetto, compresi quelli relativi al personale;

– costi connessi alle attività di commercializzazione ivi compresi quelli relativi alla logistica e alla stesura di eventuali accordi/contratti di commercializzazione.

– costi relativi alle attività di pubbliche relazioni e di incoming finalizzate alla promozione dei prodotti e delle attività del club di prodotto;

– costi del materiale e delle attività promozionali e informative.

– Costi per l’analisi dei consumatori target.

– Costi per testare la funzionalità del marketing mix ovvero la funzionalità sul mercato della strategia di marketing prescelta in termini di prezzo, promozione, punto vendita, prodotto.

 

 

Spese generali. Costi indiretti quali spese di cancelleria e postali, spese telematiche, consumi telefonici, elettrici e di riscaldamento, altre utenze imputabili direttamente al progetto.

 

I costi ammissibili sono:

– spese del personale;

– spese di viaggio, vitto e allogio;

– consulenze esterne ed altri servizi;

– spese generali.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria complessiva per questa azione è pari a € 171.000,00.

Il sostegno viene erogato sotto forma di contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese ammesse.

Scadenza

Le domande devono essere inviate entro il 10 gennaio 2021.