GAL Appennino Bolognese. Operazione 4.1.01. Finanziamento a fondo perduto fino al 45% per investimenti nelle aziende agricole in approccio individuale e di sistema.

 

Il bando persegue l’obiettivo della qualificazione delle imprese e delle filiere produttive dal punto di vista sociale, economico ed ambientale a supporto della loro sicurezza ambientale e finanziaria, del loro sviluppo anche a fini turistici.

L’azione intende contribuire agli obiettivi strategici della Misura 19 del PSR 2014-2020, incentivando maggiormente l’ammodernamento delle dotazioni strutturali e produttive delle aziende agricole anche attraverso un miglioramento delle performance ambientali, al fine di aumentare anche le opportunità occupazionali locali.

Gli incentivi favoriranno in via preferenziale le filiere più rappresentative dell’area del GAL Appennino Bolognese, con particolare attenzione a quelle di qualità connesse alle produzioni a denominazione di origine, tipiche, biologiche o innovative per questi territori e che contribuiscono anche alla valorizzazione dell’area secondo un profilo turistico ed ambientale. L’obiettivo è anche quello di sostenere un maggiore orientamento al mercato e nei confronti delle nuove richieste sociali del settore.

Soggetti beneficiari

Potranno aderire alla presente operazione le imprese agricole che rispettino le condizioni di ammissibilità che presentino un Piano di Investimenti (PI) coerente con le finalità della stessa. Dette imprese agricole potranno aderire anche qualora costituenti “Comunioni a scopo di godimento” per investimenti di interesse comune. Il tipo di operazione è applicabile a tutti i Comuni del territorio GAL Appennino Bolognese, per cui gli investimenti dovranno essere ubicati su detto territorio.

Tipologia di interventi ammissibili

Gli investimenti del PI (piano di invesitmenti) dovranno risultare coerenti con gli obiettivi sopra indicati. 

 

Le risorse complessivamente disponibili sono assegnabili esclusivamente per interventi nei seguenti settori:

SETTORE/RAGGRUPPAMENTO DI SETTORI PRIORITA’ SETTORIALE DI RIFERIMENTO
Carni bovine Carni bovine
Carni suine Carni suine allevate allo stato semibrado
Ovicaprini Ovicaprini allevati allo stato semibrado
Avicunicoli e uova Avicoli-uova, Cunicoli semibrado
Castagne e marroni Castagne e marroni freschi
Cerealicolo, Foraggere, Sementi Cereali
Patate Patate
Ortofrutta (fresco + trasformato) Frutti antichi, piccoli frutti
Olio Olivicolo/Olio
Officinali Erbe officinali, luppolo
Lattiero – caseario Produzioni aziendali di prodotti caseari bovini e ovicaprini.
Api-miele Api-miele
Funghi Coltivazioni di funghi
Vitivinicolo Vitivinicolo

 

Saranno ammissibili le spese sostenute per investimenti realizzati sul territorio del GAL Appennino Bolognese quali:

− costruzione/ristrutturazione immobili produttivi;
− miglioramenti fondiari;
− macchinari, attrezzature funzionali al processo innovativo aziendale;
− impianti lavorazione/trasformazione dei prodotti aziendali, fermo restando quanto precisato ai successivi punti.;
− investimenti funzionali alla vendita diretta delle produzioni aziendali;
− impianti di irrigazione;
− realizzazione di invasi ad uso irriguo;
− investimenti immateriali connessi alle precedenti voci di spesa quali onorari di professionisti/consulenti, entro il limite massimo del 10% delle stesse.
− investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici, acquisizione di brevetti/licenze.

 

Nel caso specifico delle imprese operanti in settori rientranti nell’Organizzazione Comune dei Mercati dei prodotti agricoli altresì vigente la seguente demarcazione:

 

1. OCM – Settore Ortofrutta:

Il PSR 2014-2020 prevede la possibilità di attivare la Misura 4 a livello di:

− aziende agricole che non aderiscono ad OP/AOP per tutte le tipologie di intervento;

− aziende agricole fungicole socie di OP/AOP per investimenti con dimensione finanziaria complessiva superiore ai 300.000,00 Euro indipendentemente dalla tipologia degli investimenti previsti;

− aziende agricole non fungicole socie di OP/AOP per:

✓ investimenti pluriennali specifici per il settore di frutta e ortaggi con dimensione finanziaria complessiva superiore ai 100.000,00 Euro (con riferimento alla singola azienda ed al singolo piano di investimenti), con esclusione degli impianti arborei (materiale vegetale perenne e connesse spese per messa a dimora) che verranno finanziati solo in OCM;

✓ investimenti riguardanti l’acquisto di macchine ed attrezzature specifiche e innovative per il settore di frutta e ortaggi con una dimensione finanziaria superiore a 30.000 Euro ad esclusione delle macchine generiche che verranno finanziate esclusivamente nel PSR.

 

2. OCM – settore Vitivinicolo:

Sono ammissibili sul tipo di operazione 4.1.01 tutti gli investimenti in immobilizzazioni materiali per il miglioramento delle prestazioni e la sostenibilità delle aziende viticole nonché investimenti materiali e immateriali in impianti di trattamento e in infrastrutture vinicole, in strutture e strumenti di commercializzazione per importi superiori a 1.000.000,00.

 

3. OCM Apicoltura

Sono ammissibili sul tipo di operazione 4.1.01 gli interventi di realizzazione di costruzione/ristrutturazione di immobili adibiti alla lavorazione, deposito e vendita diretta dei prodotti apistici. 


Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie allocate a favore del presente bando ammontano ad Euro 671.626,47.

I PI, per risultare ammissibili, dovranno soddisfare il livello minimo di spesa ammissibile a contributo di 10.000 Euro e massimo di 100.000 euro.

Il sostegno sarà quantificato in base alla spesa ammissibile:

− 45% se imprese condotte da giovani agricoltori e/o in zona con vincoli naturali o altri vincoli specifici (esclusi investimenti finalizzati alla lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti aziendali);
− 35% negli altri casi e in caso di investimenti finalizzati alla lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti aziendali – esclusi i prodotti della pesca.

Si precisa che gli investimenti finalizzati alla lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti aziendali saranno ammissibili qualora almeno il 66% della materia prima coinvolta sia di provenienza aziendale.

Scadenza

Le domande di sostegno devono essere presentate entro il termine perentorio del giorno 9 luglio 2021 ore 12.00.