GAL Anglona Romangia. Intervento 19.2.1.6.4.1.1.2.2. Finanziamento a fondo perduto pari al 90% per gli investimenti nelle aziende agricole ai fini della diversificazione e dello sviluppo di attività extra agricole.

 

Con il presente intervento il GAL Anglona – Romangia (di seguito “GAL”) prevede il finanziamento a favore delle imprese agricole che intendono realizzare investimenti (materiali e/o immateriali) finalizzati a diversificare l’attività agricola principale verso attività collegate e complementari (multifunzionalità) che consentano all’impresa stessa di integrare il reddito aziendale anche con un coinvolgimento diretto dei membri della famiglia rurale come soggetti imprenditoriali.

Sono finanziabili gli interventi localizzati esclusivamente nei comuni facenti parte dell’area del GAL: Bulzi, Cargeghe, Chiaramonti, Codrongianos, Erula, Florinas, Ittiri, Laerru, Martis, Muros, Nulvi, Osilo, Perfugas, Ploaghe, Santa Maria Coghinas, Sedini, Tergu.

Soggetti beneficiari

I beneficiari del presente bando sono gli imprenditori agricoli.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono pertanto ammissibili a finanziamento i seguenti interventi:

 

1. Investimenti per la creazione e lo sviluppo dell’ospitalità agrituristica ivi compreso l’agricampeggio e aree attrezzate camper.

2. Investimenti per la realizzazione di piccoli impianti aziendali di trasformazione e/o di spazi attrezzati per la vendita di prodotti aziendali non compresi nell’Allegato I del Trattato.

3. Investimenti per la realizzazione di spazi aziendali attrezzati per il turismo a cavallo o con gli asini, compresi quelli per il ricovero, la cura e l’addestramento degli animali, con esclusione di quelli volti ad attività di addestramento ai fini sportivi.

4. Investimenti per la realizzazione di spazi aziendali attrezzati per lo svolgimento di attività didattiche e/o sociali in fattoria.

5. Investimenti per la riqualificazione delle strutture e del contesto paesaggistico nelle aziende agricole che offrono servizi agrituristici e/o didattici e/o sociali.

 

Sono ammissibili a finanziamento le spese per investimenti sostenute a norma tra cui per esempio:

 

a. costruzione o miglioramento di beni immobili;

b. acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e arredi fino a copertura del valore di mercato del bene. Corredi e materiale minuto (ad es. biancheria, tendaggi, televisori, etc.) possono essere ammessi a finanziamento nel limite del 10% del costo totale degli investimenti (escluse le spese generali);

c. spese generali direttamente collegate alle spese di cui alle lettere a) e b), in percentuale non superiore al 10% degli investimenti ammessi a contributo. Le tipologie di spese generali ammissibili sono le seguenti: 

 

  • progettazione e direzione dei lavori; 
  • compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi gli studi di fattibilità connessi al progetto proposto. Gli studi di fattibilità comprendono le valutazioni ambientali. Gli studi di fattibilità rimangono spese ammissibili anche quando, in base ai loro risultati, non sono effettuate spese a titolo dei soprascritti punti a) e b); 
  • altre spese necessarie alla realizzazione del progetto: spese per consulenza tecnica; 
  • spese per garanzie fideiussorie e per la tenuta del c/c;

d. investimenti immateriali: acquisizione o sviluppo di programmi informatici (compresi siti web e altre soluzioni informatiche) e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore, marchi commerciali.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie del presente bando ammontano a € 400.000,00.

Il livello ed entità dell’aiuto per il Bando in questione è pari ad un contributo a fondo perduto pari al 90% della spesa ammessa. Il contributo massimo concedibile ammonta a € 50.000,00 e l’importo complessivo degli aiuti concessi ad un beneficiario “impresa unica” non può superare i 200.000,00 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

Scadenza

Proroga presentazione domande alle ore 14:00 del 19 aprile 2021.