Fondazione Cariplo. Bando economia circolare: ricerca per un futuro sostenibile. Finanziamento a fondo perduto pari al 100% per lo sviluppo di modelli socio-economici più inclusivi, circolari e sostenibili.

 

Economia Circolare: ricerca per un futuro sostenibile è un bando con scadenza che si inserisce nell’obiettivo strategico “Ricerca scientifica: incrementare la conoscenza per il progresso delle scienze biomediche e per la definizione di modelli di sviluppo socio-economici più inclusivi, circolari e sostenibili”.

Nell’ambito delle potenzialità offerte dall’economia circolare e rigenerativa, la Fondazione ha voluto sostenere progetti di ricerca in quattro ambiti:

 

1. sviluppo di nuovi modelli organizzativi funzionali all’attuazione dei principi dell’economia circolare negli enti pubblici e/o privati;

2. progettazione di nuovi materiali e prodotti al fine di delineare modelli di consumo sostenibili;

3. progettazione di sistemi più efficienti di rigenerazione e riutilizzo di beni – ivi incluse le acque reflue e i fanghi di depurazione – impiegati nel processo di trasformazione e produzione o, per estensione, nell’erogazione di un servizio;

4. valorizzazione dei rifiuti organici e inorganici e trasformazione in prodotti ad alto valore aggiunto, ivi inclusa la produzione di energia

Soggetti beneficiari

Enti pubblici o privati non profit che svolgono attività di ricerca scientifica.

Tipologia di interventi ammissibili

Per essere considerati ammissibili alla valutazione, i progetti dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

 

• rispettare le priorità scientifiche identificate dal bando;

• prevedere la costituzione di un Advisory Board composto da rappresentanti di almeno cinque realtà imprenditoriali coinvolte nella filiera oggetto dell’intervento;

• coinvolgere, formare e valorizzare giovani ricercatori .

 

Il progetto deve essere realizzato presso una struttura operativa situata sul territorio di prioritario riferimento della Fondazione. Le azioni riferite ai partner possono essere realizzate anche presso altre strutture.

 

Il costo totale della ricerca proposta dovrà prevedere esclusivamente i costi addizionali di progetto8 più le spese correnti, nel rispetto dei criteri di eleggibilità e dei massimali di seguito elencati:

 

• “Acquisto di arredi e attrezzature” Tale voce di spesa non dovrà superare la soglia del 20% dei costi addizionali di progetto e potrà riguardare il costo totale sostenuto per l’acquisto di attrezzature o programmi software di uso pluriennale acquisiti ex novo, di cui si dimostri la reale necessità per la realizzazione del piano sperimentale. In questa categoria di spesa potranno essere ricompresi gli importi da sostenere nell’ipotesi di affitto di attrezzature e per eventuali opere murarie occorrenti all’istallazione.

• “Altre spese per investimenti ammortizzabili” Tale voce di spesa dovrà riguardare solo costi di brevettazione.

• “Personale non strutturato” Tale voce di spesa dovrà comprendere il solo personale addetto alla ricerca, con esclusione quindi di figure cui competano ruoli amministrativi.

• “Prestazioni professionali di terzi”.

•“Materiali di consumo” Tale voce di spesa non dovrà comprendere cancelleria d’ufficio e fotocopie.

• “Spese correnti”

Tale voce di spesa non dovrà superare la soglia del 5% dei costi addizionali di progetto.

• “Altre spese gestionali” Tale voce di spesa non dovrà superare la soglia del 20% dei costi addizionali di progetto e dovrà comprendere i costi per missioni, partecipazioni a congressi, meeting tra partner, pubblicazioni e attività di comunicazione con la società civile.

Entità e forma dell’agevolazione

Budget disponibile: € 3.000.000,00.

 

La Fondazione garantirà la copertura del 100% dei costi di progetto, pertanto il contributo richiesto dovrà coincidere con il costo totale.

La richiesta di contributo dovrà essere non inferiore a 100.000 Euro e non superiore a 300.000 Euro.

Scadenza

Le domande devono essere presentate entro le ore 17:00 del 18 maggio 2021.