Fondazione Cariparma. Bando sostegno agli enti del terzo settore. Finanziamento a fondo perduto a sostegno del terzo settore che opera nell’ambito della macroarea Servizi alla persona (volontariato, salute, formazione, famiglia e assistenza agli anziani)

 

Il Bando è finalizzato a:

 

– garantire la sopravvivenza degli enti del Terzo settore salvaguardando la loro operatività;

– contribuire al benessere della comunità parmense attraverso il mantenimento o, se possibile, il potenziamento dei servizi resi dagli enti del Terzo Settore nell’ambito della macroarea Servizi alla persona (settori Volontariato, filantropia e beneficenza; Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; Crescita e formazione giovanile, Famiglia e valori connessi; Assistenza agli anziani).

 

Il presente Bando risponde all’obiettivo generale di “promuovere lo sviluppo di una comunità maggiormente inclusiva, che ponga particolare attenzione alle categorie più vulnerabili del territorio”, enunciato nel Documento Programmatico Previsionale 2021.

Soggetti beneficiari

Possono presentare richiesta di contributo:

 

– cooperative sociali, iscritte all’Albo Regionale delle Cooperative Sociali;

– imprese sociali;

– soggetti privati senza scopo di lucro, anche se privi di personalità giuridica, iscritti nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato o delle Associazioni di Promozione Sociale o all’Anagrafe delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus).

 

Per essere ammessi a partecipare al Bando, tali enti devono inoltre:

 

– avere sede legale e/o operativa nella provincia di Parma;

– operare nell’ambito della macroarea Servizi alla persona (settori Volontariato, filantropia e beneficenza; Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; Crescita e formazione giovanile, Famiglia e valori connessi; Assistenza agli anziani);

– essersi costituiti non oltre il 31/12/2018.

Tipologia di interventi ammissibili

L’attività dell’ente deve essere svolta nel territorio di Parma e provincia.

Le proposte dovranno identificare idonei indicatori per misurare i risultati (c.d. output) delle attività realizzate. Tali indicatori verranno richiesti dalla Fondazione.

Rientrano tra i costi ammissibili i costi fissi e variabili connessi all’attività dell’ente nell’esercizio 2020 e nell’esercizio 2021, purché non già coperti da altri contributi/ristori e dai proventi ordinari.

Entità e forma dell’agevolazione

l Bando mette a disposizione fino ad un massimo di Euro 2.500.000.

Non è previsto un limite massimo al contributo richiesto, tuttavia lo stesso dovrà essere coerente all’impatto dell’emergenza Covid-19 sul bilancio e sull’attività dell’ente.

Scadenza

Le domande possono essere presentate dal 1 aprile 2021 al 31 maggio 2021.