Finanziamento a tasso agevolato per esigenze di liquidità delle imprese agricole colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

 

L’intervento rappresenta uno strumento straordinario finalizzato alla concessione di finanziamenti agevolati per esigenze di liquidità delle PMI del settore primario colpite dall’emergenza epidemiologica da “Covid-19”.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento del Fondo le piccole e medie imprese agricole che alla data di presentazione della domanda sono in possesso dei seguenti requisiti:

a) aver subìto una crisi di liquidità a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività o per altri effetti indiretti;

b) essere regolarmente iscritte nel registro imprese istituito presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio e attive alla data dell’8 marzo 2020. Ai fini dell’individuazione della data di iscrizione, farà fede la data risultante dalla visura camerale;

c) avere sede operativa nel territorio della Regione del Veneto alla data dell’8 marzo 2020. La predetta localizzazione deve risultare dalla visura camerale.

Entità e forma dell’agevolazione

Il Fondo ha una dotazione iniziale di 3 milioni di euro a valere su risorse regionali, con facoltà di rideterminare tale importo, fino a un massimo di 5 milioni, sulla base dei dati di monitoraggio operativo riguardanti l’impiego delle risorse medesime, inclusi i tempi di erogazione dei finanziamenti ai Beneficiari.

Le operazioni agevolate sono realizzate nella forma del finanziamento agevolato con provvista pubblica per un importo pari al 100% dell’operazione agevolata accompagnato da un contributo a fondo perduto finalizzato all’abbattimento dei costi del finanziamento.
Caratteristiche del finanziamento:
• Importo minimo: 5.000 Euro;
• Importo massimo: 50.000 Euro (inteso anche come cumulo di più operazioni in capo al medesimo beneficiario);
• durata minima: 12 mesi;
• durata massima: 72 mesi;
• durata preammortamento: massimo 24 mesi;
• tasso di interesse sulla provvista regionale: pari a zero;
contributo a fondo perduto erogato una tantum, pari al 100% dei costi del finanziamento sino ad un importo massimo di euro 2.000 per ciascun Beneficiario;
• rimborso: a rata mensile/trimestrale costante posticipata per il Beneficiario con restituzione al Fondo da parte del Finanziatore con competenza trimestrale/semestrale.
• nuovo finanziamento non finalizzato alla riduzione di precedenti affidamenti presso il medesimo Finanziatore.
Essendo i finanziamenti destinati a copertura di esigenze di liquidità, non è richiesta alcuna documentazione relativa alle spese sostenute con le somme erogate.

Scadenza

Bando a sportello.