Finanziamento a fondo perduto una tantum per le imprese del comparto turistico in seguito all’epidemia da COVID-19.

 

La Regione Campania intende sostenere le imprese del comparto turistico con sede operativa nel territorio della Regione colpite dall’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria “COVID-19”, mediante la concessione di un bonus una tantum a fondo perduto.

Soggetti beneficiari

Possono presentare la domanda:

a. micro, piccole e medie imprese che, alla data del 31 dicembre 2019, risultino attive e abbiano sede operativa nella Regione Campania e che risultino iscritte nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente secondo una tipologia di attività relativa al settore turistico.

b. per la tipologia “Casa religiosa di ospitalità”:  le micro, piccole e medie imprese, come definite al precedente punto a., che alla data del 31 dicembre 2019 risultino attive e abbiano sede operativa nella Regione Campania e che risultino iscritte nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente

c. per le tipologie “Commercio all’ingrosso di prodotti chimici industriali” e “Commercio al dettaglio di articoli pirotecnici per feste”: le micro, piccole e medie imprese, come definite al precedente punto a., che alla data del 31 dicembre 2019 risultino attive e abbiano sede operativa nella Regione Campania e che risultino iscritte nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente.

Entità e forma dell’agevolazione

Il bonus è concesso nella forma di un finanziamento a fondo perduto una tantum, per gli importi stabiliti a seconda della categoria, tipologia e classificazione di attività e relativo codice ATECO di cui al prospetto allegato al bando. Gli importi vanno da un minimo di euro 2.000 a un massimo di euro 7.000, a seconda della tipologia di impresa.

Scadenza

La scadenza per la presentazione delle domande è il 31 luglio 2020.