Finanziamento a fondo perduto una tantum a favore delle micro imprese per la ripartenza.

 

Il presente intervento è finalizzato alla concessione di un contributo a fondo perduto per le microimprese che hanno subito conseguenze economiche a seguito del DPCM del 3 novembre 2020 e successivi, per far fronte a spese di investimento (es. adeguamento strutturale, manutenzione straordinaria e risistemazione dei locali, digitalizzazione dei servizi e commercio elettronico, miglioramento del confort, della sicurezza e delle funzionalità, acquisto attrezzature) e a spese correnti (es: acquisto di scorte e dispositivi di sicurezza) volto a contrastare la crisi economica determinata dell’emergenza epidemiologica COVID e a riavviare in condizioni di migliore qualità, competitività e sicurezza l’attività.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le microimprese che esercitano l’attività nella Regione Marche, che abbiano una delle due seguenti caratteristiche:

 

A. Essere regolarmente iscritta alla Camera di Commercio e possedere un codice ATECO primario/principale rientrante nell’elenco presente nel bando.

B. Avere sede operativa e svolgere attività commerciale (non alimentare), artigianale o di servizio all’interno di un centro commerciale, di gallerie commerciali, di parchi commerciali, delle aggregazioni di esercizi commerciali ed altre strutture ad esse assimilabili, a condizione che siano chiuse così come previsto dal Dpcm del 3 dicembre.

Una stessa impresa con più unità operative o sedi locali può presentare una sola domanda e può essere assegnataria di un solo contributo.

L’impresa, con sede operativa non ubicata in un centro commerciale, di gallerie commerciali, di parchi commerciali, delle aggregazioni di esercizi commerciali ed altre strutture ad esse assimilabili, può partecipare al bando solo ed esclusivamente se in possesso di Codice Ateco della attività principale come risulta dalla iscrizione alla Camera di Commercio.

Per le imprese insediate all’interno dei centri commerciali/gallarie commerciali/parchi commerciali/aggregazioni di esercizi commerciali/ altre strutture ad esse assimilabili devono dichiarare la denominazione e il Comune di localizzazione del Centro commerciale. Le imprese, pena la non ammissibilità della domanda, devono risultare non cessate alla data di presentazione della domanda.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse assegnate per il 2020 sono: € 7.006.956,86.

 

Il Contributo pari ad euro 1.000 viene concesso fino ad esaurimento del fondo regionale previsto considerando l’ordine cronologico delle domande ritenute ammissibili.

L’importo del contributo pari a € 1.000 per il 89% finanzierà spese di investimento e per il restante 11% finanzierà le spese correnti.

Scadenza

Le domande possono essere presentate fino alle ore 13 di mercoledì 23 dicembre 2020.