Finanziamento a fondo perduto per progetti sulla la promozione alla partecipazione attiva dei migranti alla vita economica, sociale e culturale.

 

I progetti devono essere finalizzati a favorire la piena integrazione delle donne migranti, in particolare in tema di benessere, salute, istruzione e occupazione, attraverso la valorizzazione del ruolo delle associazioni di cittadini stranieri nella promozione di processi di integrazione.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domande le associazioni iscritte al Registro Regionale.

Il progetto potrà avere sia natura natura partenariale che non natura partenariale.

Tipologia di interventi ammissibili

Obiettivi generali delle iniziative sono i seguenti:

 

a) realizzare interventi volti alla promozione della partecipazione attiva e diretta dei cittadini stranieri e delle loro associazioni quali agenti qualificanti di promozione dei processi di inclusione e mediazione sociale;
b) realizzare interventi volti alla pianificazione di politiche di integrazione attraverso il coinvolgimento delle associazioni di migranti;
c) realizzare interventi volti a supportare la costituzione di nuove associazioni anche attraverso strumenti di capacity building, intesa come investimento nell’efficacia e nella sostenibilità futura dell’organizzazione del soggetto attuatore e/o del partenariato col fine di sviluppare un sistema in grado di stimolare una cittadinanza attiva consapevole e orientata al bene comune, elaborando strategie comuni.

Alla luce dei dati di monitoraggio riportati nel Rapporto 2020 sull’immigrazione straniera in Veneto realizzato a cura dell’Osservatorio Regionale Immigrazione, nonché dei bisogni rilevati dai tavoli di animazione territoriale realizzati nell’ambito dell’Azione 4 del progetto “IMPACT VENETO”, Obiettivo specifico del presente bando è il seguente:

 

– Supporto alla piena integrazione delle donne immigrate nella società veneta.

 

Tale obiettivo, collocato nell’ambito dell’obiettivo specifico 4 “Promuovere programmi di inserimento sociale e lavorativo rivolti a target vulnerabili” del Programma annuale 2021, dovrà esplicitarsi attraverso la valorizzazione del ruolo e delle competenze delle associazioni iscritte al registro regionale immigrazione, sostenendo l’integrazione economica e sociale delle donne migranti, favorendone la capacità di interagire e sentirsi a proprio agio nel loro ambiente sociale. A titolo di esempio rientrano in questo obiettivo specifico le seguenti attività:

 

− percorsi diretti a favorire l’autoaffermazione e l’autonomia delle donne immigrate;
− percorsi formativi che qualifichino la donna immigrata consentendone l’entrata nel mercato del lavoro a condizioni eque;
− facilitazione all’accesso dei servizi sul territorio (scuola/formazione/CPIA, sanità territoriale/consultori/ospedali, CPI, servizi e agevolazioni gestiti da enti locali, altro);
− valorizzazione della mediazione linguistico-culturale nell’ambito degli interventi;
− percorsi informativi sulla salute della donna immigrata.

 

È riconosciuto un punteggio di priorità alle proposte che, nella realizzazione degli interventi, includano interventi di capacity building, intesa come investimento nell’efficacia e nella sostenibilità futura dell’organizzazione del soggetto attuatore e/o del partenariato, nonché nello sviluppo di reti (ad esempio attraverso interventi mirati alla conoscenza organizzativa e allo sviluppo strategico, alla sperimentazione di nuovi metodi di lavoro o a migliorare il lavoro degli associati o dei volontari, alla condivisione di buone pratiche, ad avviare attività di assistenza legale e di consulenza sociale a cittadini immigrati, a implementare strategie di raccolte fondi, a informare su opportunità di finanziamento, a formare su progettazione e gestione di progetti, ad accompagnare le associazioni in merito all’iscrizione agli albi regionali o alla costruzione di reti con altri enti e associazioni, e simili).

 

Sono ritenuti ammissibili le seguenti voci di spesa:

 

A) Costi del Personale
B) Costi di Viaggio e Soggiorno
C2) Immobili – Locazione
D) Materiali di Consumo
F) Appalti di servizi
H) Spese per gruppi destinatari
I2) Altri costi diretti – Spese di Pubblicità e diffusione.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria è di euro 238.000,00.

L’entità dei progetti presentati è compresa tra un minimo di 8.000,00 euro ed un massimo di 35.000,00 euro. Il finanziamento concesso è a copertura integrale dei costi sostenuti e ritenuti ammissibili per la realizzazione dei progetti approvati.

Scadenza

Le domande devono essere inviate entro il 27/09/2021, ore 13:00