Finanziamento a fondo perduto per le spese di gestione sostenute dai centri sportivi natatori nei mesi di chiusura durante l’emergenza Covid-19.

 

La Regione Sardegna concede un contributo a fondo perduto a favore delle società e associazioni affiliate alla Federazione italiana Nuoto, alla Federazione italiana nuoto paralimpico e alla Federazione italiana sport disabilità intellettivo relazionale, finalizzato al sostegno finanziario per le spese di gestione sostenute nei mesi di chiusura durante l’emergenza epidemiologica Covid-19 e per favorire la ripartenza.

Soggetti beneficiari

L’ Avviso è rivolto alle seguenti tipologie di soggetti:Società sportive dilettantistiche (SSD) e Associazioni sportive dilettantistiche (ASD) affiliate alla Federazione italiana Nuoto, alla Federazione italiana nuoto paralimpico e alla Federazione italiana sport disabilità intellettivo relazionale, che gestiscono Centri sportivi natatori in Sardegna.

Per beneficiare del contributo le società e le associazioni (SSD/ASD) devono risultare regolarmente iscritte – alla data di presentazione della domanda – all’albo regionale delle associazioni/società sportive e al registro CONI.

Tipologia di interventi ammissibili

Il contributo stanziato è finalizzato al sostegno finanziario degli aventi diritto, quale contributo a fondo perduto per le spese di gestione sostenute nei mesi di chiusura durante l’emergenza epidemiologica Covid19, nonché per favorire la ripartenza dell’attività natatoria.

Entità e forma dell’agevolazione

Il contributo sarà riconosciuto agli aventi diritto sulla base della durata del periodo di chiusura dell’impianto sportivo natatorio durante l’emergenza epidemiologica Covid-19, come imposto dalle disposizioni del DPCM del 9/03/2020 e del DPCM del 25/05/2020, periodo quantificato in numero 76 giorni (dal 10 marzo al 24 maggio 2020 compreso) e per il periodo relativo alla ripartenza.

 

Il contributo per le spese di gestione sostenute nel periodo di chiusura sarà inoltre commisurato ai parametri stabiliti così come di seguito specificato:

 

a) Fascia A: piscine dai 1.000 mc ai 1.600 mc, costo giornaliero euro 400;

b) Fascia B: piscine dai 600 mc ai 999 mc, costo giornaliero euro 250;

c) Fascia C: piscine dai 300 mc ai 599 mc, costo giornaliero euro 175;

d) Fascia D: piscine dai 50 mc ai 299 mc, costo giornaliero euro 51.

 

Il contributo verrà calcolato sulla base delle spese autocertificate, con i seguenti importi massimi:

a) Fascia A: € 30.400 (€ 400 x n. 76 giorni);

b) Fascia B: € 19.000 (€ 250 x n. 76 giorni);

c) Fascia C: € 13.300 (€ 175 x n. 76 giorni);

d) Fascia D: € 3.876 (€ 51 x n. 76 giorni).

Scadenza

10 novembre 2020.