Finanziamento a fondo perduto per le attività sportive giovanili.

 

La Regione Sardegna intende sostenere lo sport in questo periodo di crisi economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 erogando contributi in favore delle associazioni e società sportive.

Soggetti beneficiari

Società e associazioni sportive isolane, iscritte all’Albo regionale delle società sportive, che possiedono i seguenti requisiti:

 

  • essere affiliati ininterrottamente ad almeno una Federazione sportiva riconosciuta dal C.O.N.I. da almeno cinque anni. Per i sodalizi sportivi affiliati alle Federazioni sportive riconosciute dal C.I.P., il limite minimo è fissato in due anni;
  • aver svolto ininterrottamente negli ultimi cinque anni attività di carattere giovanile. Si prescinde da questo requisito per i sodalizi sportivi affiliati alle Federazioni sportive riconosciute dal C.I.P.;
  • avere un numero di tesserati giovanili (0-18) non inferiore a 50 unità, o a 25 nei comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, o a 5 in comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti. Per gli sport olimpici individuali il numero dei tesserati giovanili (0-18) non deve essere inferiore a 25 unità, o a 15 unità nei comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, o a 5 unità nei comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti.

Entità e forma dell’agevolazione

La Regione concede contributi forfettari integrati, commisurati e nei limiti delle disponibilità di bilancio a:

 

  • euro 103,00 max per ogni atleta appartenente alle categorie giovanili e praticanti attività agonistica federale;
  • euro 206,00 max per ogni atleta, in caso di atleti disabili praticanti attività agonistica federale. Per i sodalizi sportivi affiliati al C.I.P., si prescinde dalla nozione di attività giovanile, rapportando il contributo al numero totale degli atleti praticanti attività federale, ferma restando la quota per atleta.

Scadenza

La domanda può essere presentata entro il 31 luglio 2020.