Finanziamento a fondo perduto per l’acquisto di veicoli, velocipedi e beni necessari per lo smart working.

 

Obiettivo del bando è supportare i soggetti pubblici nella realizzazione di interventi connessi alla mobilità sostenibile, con l’obiettivo di ridurre le emissioni in atmosfera e di migliorare la qualità dell’aria. 

Soggetti beneficiari

Il bando è rivolto a:

• Province piemontesi;

• Città Metropolitana di Torino;

• Comuni piemontesi;

• Unioni di Comuni piemontesi;

• Università piemontesi;

• EDISU – Ente regionale per il diritto allo studio universitario;

• Agenzie regionali e “subregionali”;

• ai seguenti parchi:

1. Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie;

2. Ente di gestione delle aree protette dei Parchi Reali;

3. Ente di gestione delle aree protette del Po Collina torinese;

4. Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Marittime;

5. Ente di gestione delle aree protette del Monviso;

6. Ente di gestione delle aree protette dell’Appennino piemontese;

7. Ente di gestione delle aree protette del Po Vercellese Alessandrino;

8. Ente di gestione del parco Paleontologico Astigiano;

9. Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore;

10. Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia;

11. Ente di gestione delle aree protette dell’Ossola;

12. Ente di gestione dei Sacri Monti.

Tipologia di interventi ammissibili

Il bando prevede n. 3 linee agevolative:

• Linea A: veicoli;

• Linea B: velocipedi;

• Linea C: smart working.

Linea A (“veicoli”)

Nella presente linea sono ammesse le spese di acquisto del/i veicolo/i, al netto dell’IVA. I veicoli acquistati devono essere nuovi di fabbrica, omologati dal costruttore e immatricolati per prima ed unica volta in Italia. Non sono ammissibili gli acquisti di veicoli già immatricolati cosiddetti “a KM 0”. La data di acquisto rilevabile dalla fattura (o da documentazione equivalente) deve essere pari o successiva alla data di approvazione della Deliberazione di Giunta Regionale contenente i criteri per la definizione del presente bando e pertanto successiva al 17 luglio 2020. Non è ammissibile l’acquisto di beni usati. Non è ammissibile l’acquisizione tramite noleggio a breve o lungo termine. I veicoli acquistati dovranno rimanere di proprietà del soggetto beneficiario per almeno 4 anni dalla data di concessione del contributo. In caso di richiesta della premialità, i veicoli devono essere utilizzati per le finalità dichiarate nel bando per lo stesso periodo di tempo, ovvero fino alla conclusione dell’emergenza sanitaria. Il certificato di rottamazione del veicolo sostituito deve avere una data compresa pari o successiva alla data di approvazione della Deliberazione di Giunta Regionale contenente i criteri per la definizione del presente bando, pertanto successiva al 17 luglio 2020. 

Linea B (“velocipedi”)

Nella presente linea sono ammesse le spese di acquisto del/i velocipede/i, al netto dell’IVA. I velocipedi acquistati devono essere nuovi e non a uso sportivo. La data di acquisto rilevabile dalla fattura (o da documentazione equivalente) deve essere pari o successiva al 23/02/2020. Non è ammissibile l’acquisto di beni usati. Non è ammissibile l’acquisizione tramite noleggio a breve o lungo termine. I velocipedi acquistati dovranno rimanere di proprietà del soggetto beneficiario per almeno 4 anni dalla data di concessione del contributo. In caso di richiesta della premialità, i velocipedi devono essere utilizzati per le finalità dichiarate nel bando per lo stesso periodo di tempo, ovvero fino alla conclusione dell’emergenza sanitaria.

Linea C (“smart working”)

Nella presente linea sono ammesse le spese di acquisto di componenti hardware e software, al netto dell’IVA. I beni acquistati devono essere nuovi. Non è ammissibile l’acquisto di beni usati. Non è ammissibile l’acquisizione tramite noleggio a breve o lungo termine. La data di acquisto rilevabile dalla fattura (o da documentazione equivalente) deve essere pari o successiva al 23/02/2020. La tecnologia acquistata dovrà rimanere di proprietà del soggetto beneficiario ed essere utilizzate per smart working per almeno 3 anni dalla data di concessione del contributo.

Entità e forma dell’agevolazione

Linea A -Veicoli
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa a pieno carico e all’alimentazione del veicolo e limitatamente alla gamma di veicoli M1, M2, M3, N1, N2, N3, L7e.
Il contributo a fondo perduto, determinato secondo la tabella riportata nel bando, è pari ad un importo da 7.000, 00 euro a 20.000,00 euro per ciascun veicolo.
L’ammontare del contributo, inclusa la premialità, non potrà superare l’importo della spesa sostenuta, al netto dell’IVA.

Linea B -Velocipedi
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto che dipende dalla tipologia del velocipede.  
Il contributo a fondo perduto, determinato secondo la tabella riportata nel bando, è pari ad un importo da 500,00 euro a 1.000,00 euro.
L’ammontare del contributo, inclusa la premialità, non potrà superare l’importo della spesa sostenuta, al netto dell’IVA.

Linea C -Smart working
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per l’acquisto di tecnologia per lo smart working in funzione del numero di dipendenti del soggetto beneficiario.
Il contributo a fondo perduto, determinato secondo la tabella riportata nel bando, è pari ad un importo da 15.000,00 euro a 50.000,00 euro.
Il contributo è comprensivo del costo dell’hardware e del software.

E’ prevista una premialità pari al 10% del contributo richiesto, nel caso il beneficiario utilizzi tutti i beni oggetto della domanda per attività connesse all’emergenza sanitaria Covid-19.

Scadenza

Le domande devono essere rpesentate dalle ore 9.00 del 24/08/2020 alle ore 16:00 del 11/11/2020. Procedura valutativa a sportello.