Finanziamento a fondo perduto pari all’80% per i sistemi museali. Anno 2021.

 

Il bando 2021 intende continuare a sostenere i sistemi museali.

Soggetti beneficiari

Il soggetto beneficiario dell’intervento è il capofila del sistema museale

Tipologia di interventi ammissibili

Le attività ammissibili al finanziamento e che potranno essere rendicontate devono coinvolgere tutti i musei del sistema e sono riconducibili ai seguenti ambiti:

 

A – Catalogazione e digitalizzazione del patrimonio e delle attività in HD; Attività scientifiche di schedatura, revisione e studio di elementi del patrimonio museale conservato; azioni per la condivisione e diffusione dei risultati di ricerca.

B – Sviluppo delle tecnologie digitali per la comunicazione e la valorizzazione del patrimonio museale: creazione di contenuti digitali per la fruizione e l’interazione on-line e on-site (visite al museo virtuali e in realtà aumentata, on-line viewing rooms, podcast, attività interattive, video, giochi, etc.); realizzazione di applicazioni per smartphone e tablet; realizzazione o implementazione di applicazioni per informazioni, prenotazioni e acquisto biglietti on line.

C – Ricostruzione e attività di aggiornamento del sito web del sistema museale; apertura e aggiornamento di canali social, attività di coinvolgimento e interazione con il pubblico attraverso l’utilizzo delle piattaforme web e dei canali social come luoghi di ascolto, partecipazione e conoscenza (sondaggi e dibattiti, dirette live, e eventi, aperture di sondaggi e dibattiti, chat con personale del museo, etc.).

D – Formazione e aggiornamento professionale del personale dei musei finalizzati alla loro crescita professionale, con particolare riguardo all’ambito della cultura digitale; formazione e aggiornamento per docenti, assistenti sociali, caregivers, personale di altri istituti museali e culturali del territorio nell’ambito della cultura digitale e per la riduzione del divario digitale;

E-  Organizzazione di momenti peer to peer learning tra operatori museali del sistema per la condivisione di pratiche nell’ambito della cultura digitale, di attività per il coinvolgimento della comunità locale, etc.

F –  Visite guidate on-line e on-site; laboratori on-line e on-site; incontri con artisti, scienziati, storici, archeologi, poeti, scrittori nel museo etc., on-line e on-site; programmi educativi per la scuola e per il life long learning on-line e on-site.

G –  Analisi quantitative e qualitative dei visitatori digitali; ricerche e analisi sui pubblici (tipologie di pubblico, aspettative e bisogni culturali).

H – Programmazione di attività espositive di sistema on-line e on-site per permettere la valorizzazione delle collezioni museali anche di musei chiusi; produzione di videoinstallazioni e organizzazione di proiezioni video all’esterno del museo; produzione di interventi site-specific e arte pubblica.

I – Attività di mediazione culturale e sociale con la comunità; attività per l’inclusione sociale e la diversità culturale.

J – Attività relative al miglioramento della valorizzazione nei musei con la loro riapertura; predisposizione strumenti per una visita in sicurezza e realizzazione di strumenti informativi (materiali a stampa, segnaletiche e pannelli informativi, apparati didattici, punti informativi anche all’esterno del museo).

K – Elaborazione di percorsi culturali e turistici tra i musei del sistema.

L – Interventi di restauro su elementi del patrimonio museale conservato, anche a supporto della loro digitalizzazione ed a narrazioni on-line ed on-site dell’attività svolta sul patrimonio.

 

Sono ammissibili al contributo le seguenti tipologie di spesa, sostenute sia dai soggetti beneficiari che dai musei aderenti al sistema:

 

1 – spese per servizi e consulenze inerenti alle attività sopradescritte, quali consulenze informatiche e digitali, educative, sociali, scientifiche, artistiche, umanistiche e servizi informatici, digitali, tecnicoscientifici, formativi, di restauro, servizi educativi, servizi al pubblico, servizi comunicativi, servizi assicurativi per prestiti opere d’arte, servizi trasporto opere d’arte;

2 – quote di partecipazione a corsi di formazione e aggiornamento;

3 – compensi per diritti d’autore e accessori (SIAE);

4 – spese di personale interno, sia a tempo indeterminato che determinato, fino ad un massimo del 20% del costo totale del progetto;

5 – acquisto di beni di consumo e servizi di pulizia finalizzati alla riapertura e sanificazione, fino ad un massimo del 10% del costo totale del progetto.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie previste per l’intervento ammontano complessivamente a euro 600.000,00. Il contributo regionale è pari all’80% del costo complessivo delle attività finanziabili e delle spese ammissibili, pertanto in sede di rendicontazione andranno elencate le spese concorrenti alla formazione del 100% del costo complessivo delle attività svolte.

Scadenza

Presentazione istanza entro il 22 ottobre 2021