Finanziamento a fondo perduto pari al 100% per la realizzazione o implementazione di sistemi di controllo delle targhe in relazione alla limitazione della circolazione per motivi ambientali.

 

Sul BUR del 10.02.2021, serie ordinaria numero 6, a pagina 109, è stato pubblicato il bando avente come obiettivo la dispositivi elettronici fissi o mobili, finalizzati al monitoraggio della circolazione e del parco circolante dei veicoli e relativi sistemi di informazione e gestione in zone a traffico limitato o nelle aree soggette a disposizioni di limitazione della circolazione per motivi ambientali.

Soggetti beneficiari

I soggetti ammessi sono:

 

  1. I 562 Comuni appartenenti alle Fasce 1 e 2 indicati nel bando;
  2. le Unioni di Comuni che abbiano tra gli aderenti almeno uno dei 562 Comuni appartenenti alle Fasce 1 e 2;

Tipologia di interventi ammissibili

I progetti devono essere realizzati sul territorio/viabilità comunale e finalizzati al controllo della circolazione dei veicoli e ai relativi sistemi di informazione e gestione in zone a traffico limitato e/o nelle aree soggette a disposizioni di limitazione della circolazione per motivi ambientali.

I dati rilevati dalle apparecchiature devono essere trasmessi periodicamente e sistematicamente a Regione Lombardia per i 3 anni successivi all’attivazione degli impianti, con almeno una trasmissione al mese.

Sono oggetto di finanziamento le seguenti tipologie di interventi, valide sia per nuovi impianti, sia per l’implementazione/ammodernamento di impianti esistenti:

 

a) dispositivi elettronici fissi o mobili per la rilevazione e il controllo automatico delle targhe dei veicoli e la rilevazione dei flussi veicolari;
b) dotazioni hardware e software strettamente necessarie al funzionamento dei dispositivi di lettura targhe e rilevazione dei flussi veicolari;
c) dotazioni hardware e software strettamente necessarie per la raccolta, la consultazione, l’archiviazione e la trasmissione dei dati raccolti dalle strumentazioni;
d) opere infrastrutturali e impiantistiche necessarie all’installazione, al funzionamento ed al collegamento degli impianti fissi, con la centrale operativa.

 

Gli interventi, in funzione dei siti, della tipologia e categoria della strada su cui saranno realizzati, non devono costituire ostacolo al transito dei veicoli di soccorso, del Trasporto Pubblico Locale (TPL), di eventuali “carichi eccezionali” e/o di mezzi agricoli “fuori sagoma”.

 

Sono ammissibili al contributo le seguenti voci di costo:

 

• lavori, forniture e pose per la realizzazione/implementazione di impianti fissi o mobili per la rilevazione e il controllo automatico delle targhe dei veicoli e per la rilevazione dei flussi veicolari;
• spese tecniche per progettazione, direzione lavori, studi e rilievi, comprensive di IVA e contributi, nella misura massima del 10% dell’importo complessivo dei lavori/forniture e degli oneri della sicurezza (importo complessivo calcolato comprendendo anche l’IVA);
• allacciamenti elettrici;
• oneri per la sicurezza;
• oneri di collaudo;
• IVA.

Entità e forma dell’agevolazione

Lo stanziamento complessivo è di € 4.500.000,00.

 

Il finanziamento è riconosciuto nella misura massima del 100% del costo totale delle spese ammissibili (IVA ed altri oneri inclusi), secondo la seguente modulazione, che tiene conto della tipologia di Ente e del numero di abitanti, pari al:

 

  • 100%, per Comuni capoluogo e Comuni con popolazione residente maggiore di 30.000 abitanti – importo massimo erogabile pari a € 50.000,00;
  • 100%, per Comuni con popolazione residente minore di 30.000 abitanti – importo massimo erogabile pari a € 25.000,00;
  • 100%, per le Unioni di Comuni – importo massimo erogabile pari a € 35.000,00.

Scadenza

In fase di attivazione