Finanziamento a fondo perduto fino all’80% per iniziative e progetti a favore delle giovani generazioni.

 

Il bando intende offrire un sostegno finanziario ad iniziative rivolte ai giovani e incoraggiare, in particolare, gli Enti senza scopo di lucro e le Associazioni giovanili con sede legale o operativa in Valle d’Aosta ad attivare progetti tematici e territoriali, anche sperimentali.

Soggetti beneficiari

Possono essere soggetti proponenti i soggetti di diritto privato, senza fini di lucro e con sede operativa o legale in Valle d’Aosta, che rientrano nell’ambito delle seguenti tipologie:

 

  • Associazioni giovanili ricomprese nell’elenco delle associazioni giovanili operanti nel territorio regionale;
  • Altre Associazioni (riconosciute e non riconosciute);
  • Fondazioni;
  • Organizzazioni di volontariato e Associazioni di promozione sociale (che risultano iscritte, nelle more dell’operatività del Registro unico nazionale del Terzo Settore, rispettivamente nel registro delle ODV e nel registro delle APS della Regione autonoma Valle d’Aosta).
 

Le azioni progettuali, a pena di esclusione, devono avere come destinatari diretti ESCLUSIVAMENTE GIOVANI DI ETÀ COMPRESA TRA I 14 E I 29 ANNI compiuti entro la scadenza del presente Avviso, residenti o domiciliati nel territorio regionale.

Tipologia di interventi ammissibili

Il bando può riguardare gli ambiti di intervento, inseriti nella proposta progettuale intitolata “GIOVANIamoci: giovani talenti in movimento” qui di seguito riportati:

 

  • investimento sui giovani, al fine di renderli protagonisti di azioni che incentivino la loro autonomia e crescita, con l’obiettivo di supportarli e di valorizzarli nelle loro rispettive abilità;
  • valorizzazione dei giovani talenti, con particolare riferimento alle attività culturali e sportive tipiche del territorio valdostano anche attraverso la loro capacità inventiva nella creazione di prodotti multimediali (fotografie, cortometraggi, video,…);
  • supporto nella messa a disposizione di spazi/centri giovanili intesi, quali luoghi di produzione culturale, sportiva e creativa, in cui i giovani possano vedersi, incontrarsi per svolgere attività variegate consentendo loro di sentirsi autonomi e realizzati, nonché mantenendo un collegamento con le opportunità che i territori già sono in grado di offrire;
  • sostegno alla partecipazione e alla socializzazione dei giovani in percorsi di crescita personale, coinvolgendo prioritariamente i giovani esclusi dai percorsi istituzionali, i cosiddetti NEET, nonché alla creatività favorendo lo sviluppo di abilità e dei talenti dei giovani;
  • promozione di iniziative sulle dipendenze e sul disagio giovanile, in collaborazione con il Tavolo tecnico permanente legalità e sicurezza, rivolte alle nuove generazioni, che prevedano serate informative attraverso il coinvolgimento dei giovani valdostani e con il supporto di tecnici e ospiti anche non valdostani, nonché incontri con le forze dell’ordine per iniziative pratiche che coinvolgano e sensibilizzino sui temi legati ai giovani d’oggi;
  • promozione dell’impegno sociale, sostenendo la cultura della solidarietà e dell’inclusione e i valori dell’intergenerazionalità.
 

 Le iniziative proposte devono comprendere:

 

–      la diffusione delle relative informazioni con strumenti di comunicazione adeguati ai giovani;

–      produzioni multimediali volte a documentare le attività realizzate, ai fini della disseminazione dei risultati ottenuti, da poter pubblicare eventualmente sul sito istituzionale dell’Assessorato Istruzione, Università, Politiche giovanili, Affari europei e Partecipate o da presentare in occasione di un possibile evento conclusivo del progetto.

 

Il target di riferimento deve essere precisamente definito nella proposta progettuale.

 

Sono ammissibili, con le specificazioni indicate, le spese direttamente imputabili alla realizzazione dell’iniziativa progettuale e pertinenti alla medesima, quali:

 

  • spese per affitto sale e locali;
  • spese per noleggio di materiale e attrezzature;
  • spese per acquisto di materiali di consumo, relative ai beni non durevoli che esauriscono la loro vita utile nel momento stesso del consumo o in un arco temporale molto limitato (a titolo esemplificativo: spese per cancelleria, tipografia, postali, materiale informatico e altri beni consumabili);
  • spese per l’acquisto di prestazioni di servizi; vanno imputate, in particolare, all’interno di questa voce di spesa:

–  i compensi a professionisti esterni e i costi riferibili a prestazioni occasionali (ad esclusione dei compensi per la promozione dell’iniziativa che andranno inseriti nella voce “spese per la promozione dell’iniziativa”). Le spese per detti contratti saranno ammissibili a condizione che essi siano sottoscritti espressamente per la realizzazione dell’iniziativa oggetto di contributo;

  • spese per la promozione dell’iniziativa;
  • spese per oneri fideiussori e assicurativi;
  • viaggi e soggiorni – nel limite del 20% del costo complessivo del progetto;
  • l’Iva effettivamente pagata nella misura in cui non sia definitivamente recuperata o recuperabile.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse finanziarie disponibili per la realizzazione degli obiettivi oggetto del presente Avviso ammontano complessivamente a euro 29.055,61.

Il finanziamento regionale complessivo richiesto per ciascuna iniziativa o progetto, pena l’esclusione, non potrà essere inferiore a euro 1.500,00, né superare l’importo di euro 4.500,00. L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto.

La quota di finanziamento regionale, a pena di esclusione, non potrà superare l’80% del costo totale del progetto. La restante quota parte del costo complessivo (cofinanziamento), pari almeno al 20%, sarà a carico del soggetto proponente, il quale potrà avvalersi anche di eventuali entrate generate dalla realizzazione dell’iniziativa stessa nonché delle risorse finanziarie messe a disposizione da soggetti terzi, pubblici o privati.

Scadenza

Le domande dovranno pervenire entro entro le ore 17:00 del 23 aprile 2021.