Finanziamento a fondo perduto fino all’80% per il sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative.

La Regione Lazio sostiene la nascita e/o lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative e in particolare nei settori dell’audiovisivo, delle tecnologie applicate ai beni culturali, dell’artigianato artistico, del design, dell’architettura e della musica, cofinanziandone i costi di avvio e di primo investimento.

Soggetti beneficiari

I beneficiari del contributo sono

  1. micro, piccole o medie imprese in forma singola iscritte al Registro delle Imprese da non più di 24 mesi dalla data della finalizzazione del Formulario;
  2. liberi professionisti titolari di una Partita IVA attiva da non più di 24 mesi dalla data della finalizzazione del Formulario,
che intendono operare con un apporto culturale e creativo innovativo rispetto alle attuali conoscenze in materia, in uno o più dei seguenti settori di interesse:
 
a. Patrimonio culturale ed artistico – Arte, Restauro, Artigianato artistico (di elevata qualità artistica, di continuità con le tradizioni locali o a servizio degli altri settori ammissibili), Tecnologie applicate ai beni culturali, Fotografia;
b. Architettura e Design – Architettura, Design, Disegno industriale (prototipazione e produzione in piccola scala di oggetti ingegneristici ed artigianali), Design della Moda;
c. Musica;
d. Audiovisivo;
e. Editoria;
f. Comunicazione;
g. Videogiochi e software.
 
Possono presentare domanda anche le imprese e i liberi professionisti che non hanno Sede Operativa nel Lazio alla data della finalizzazione del Formulario, purché si impegnino ad attivare tale Sede Operativa nel Lazio entro 90 giorni dalla data di concessione.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono spese ammissibili i costi per gli Investimenti materiali e immateriali, inclusi i costi capitalizzati, e le spese di funzionamento coerenti con il progetto quali, a titolo esemplificativo, quelle relative a:

a. gli oneri di costituzione (solo per le imprese costituende);

b. gli adeguamenti strutturali e/o impiantistici, i macchinari, le attrezzature (compreso hardware) e altri beni strumentali, purché tutti relativi alla Sede Operativa localizzata nella regione Lazio, in cui si realizza il Progetto;

c. gli oneri per la fornitura di servizi qualificati, come, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, l’iscrizione a portali web e ad altre organizzazioni che prevedono supporto commerciale, tecnologico, legale, finanziario, etc. (incubatori, acceleratori, franchisor, etc.);

d. le infrastrutture di rete e collegamenti (comprensivo delle spese di software, hardware e sito web);

e. i premi per la Fideiussione a garanzia del contributo erogato a titolo di anticipo;

f. le certificazioni di processo e di prodotto;

g. i materiali di prova, la realizzazione di prototipi e collaudi finali;

h. l’acquisto o la registrazione di brevetti, diritti e di marchi nazionali ed internazionali;

i. l’acquisizione o la licenza d’uso di opere dell’ingegno o di diritti di proprietà industriale regolarmente registrati, che siano o meno capitalizzati;

j. le spese di funzionamento dell’impresa, anche aventi natura routinaria (affitto, utenze, consulenze legali, fiscali, ecc.), incluso l’acquisito di merci e servizi rivendibili per lo stretto necessario alla costituzione di un magazzino di avviamento;

k. la promozione e la pubblicità, complessivamente entro il limite massimo del 30% del totale delle Spese Ammesse. 

Sono ammissibili spese non inferiori a euro 15000.

Entità e forma dell’agevolazione

L’aiuto è concesso sotto forma di finanziamento a fondo perduto nella misura dell’80% delle spese ammesse e nella misura massima di euro 30.000 per ciascun progetto e ciascuna impresa.

Il 20% della dotazione dell’avviso è riservato alle imprese aventi, al momento della finalizzazione del Formulario, Sede Operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della Regione Lazio; il progetto dovrà essere realizzato in tale Sede Operativa.

Scadenza

Al fine della presentazione delle domande, deve essere compilato e finalizzato il Formulario. Il file generato in seguito alla compilazione deve essere firmato digitalmente e inviato via PEC a partire dalle ore 18:00 del 30 luglio 2020 ed entro le ore 18:00 del 1 ottobre 2020