Finanziamento a fondo perduto fino all’80% per il sostegno alla realizzazione di officine culturali e officine di teatro sociale” con caratteristiche di servizio per il territorio regionale.

 

Le iniziative devono consentire il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

 

a) realizzare progetti tesi alla stabilità, caratterizzati da uno stretto rapporto tra il soggetto che realizza l’attività di animazione artistica e culturale e la realtà territoriale e mirati a riequilibrare l’offerta culturale nel territorio regionale, con particolare attenzione alle aree carenti di servizi culturali. Tali attività debbono contribuire alla formazione del pubblico ed alla crescita della conoscenza dei cittadini, in particolare dei giovani, dei linguaggi dello spettacolo dal vivo e delle diverse espressioni artistiche;

b) realizzare progetti tesi a promuovere il “teatro sociale”, ovvero quelle esperienze che usano il teatro, la musica e la danza per prevenire o attenuare il disagio nei luoghi dove è forte tale problematica (istituzioni totali, aree urbane disagiate di Roma Capitale etc.) e che perseguono finalità sociali, educative, terapeutiche e di integrazione culturale.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di contributo associazioni, costituite per atto pubblico o scrittura privata registrata, fondazioni e cooperative in possesso dei seguenti requisiti:

 

a) costituzione da almeno due anni alla data di pubblicazione del presente avviso;

b) attività continuativa e preminente nel campo dello spettacolo dal vivo;

c) assenza di attività partitiche o iniziative politiche, risultante dall’atto costitutivo e/o dallo statuto.

 

Sono esclusi dal presente avviso:

 

-le fondazioni e associazioni di rilevanza statale e regionale indicate dalla legge regionale

– le bande musicali e i gruppi corali, coreutici e teatrali a carattere amatoriale iscritte all’Albo regionale.

Tipologia di interventi ammissibili 

Sono ammissibili a contributo le seguenti tipologie di spesa:

 

A) Spese generali, fino ad un massimo del 20% delle spese ammissibili, articolate in:

 

• Affitto uffici

• Utenze

• Spese cancelleria e stampati

• Assicurazioni

 

B) Stipendi personale dipendente

C) Costi di produzione, articolati in:

 

• Compenso per direttore artistico e/o organizzativo (i compensi per la direzione artistica e/o organizzativa prestata dai soci o dal rappresentante legale, sono ammessi nella misura massima del 10% delle spese ammissibili)

• Compensi per collaboratori

• Affitto (se dovuto) e allestimento spazi

• Compensi per personale artistico

• Compensi per personale tecnico

• Spese SIAE

• Noleggio attrezzature

• Ulteriori spese per la produzione digitale delle attività (ad es. utilizzo di servizi di videostreaming hosting, di piattaforme di comunicazione e condivisione, di streaming professionale etc…) nel caso in cui la realizzazione degli interventi programmati sia incompatibile con le misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto al momento della realizzazione dei medesimi interventi

D) Spese per ospitalità direttamente imputabili all’iniziativa, fino ad un massimo del 15% delle spese ammissibili, articolate in:

 

• Alberghi

• Ristoranti

• Viaggi

 

E) Costi di pubblicità e comunicazione, fino ad un massimo del 10% delle spese ammissibili, articolati in:

 

• Affissioni

• Quotidiani e periodici

• Radio e TV

• Cataloghi, brochure, volantini, ecc.

• Ufficio stampa

• Altre forme di pubblicità

Entità e forma dell’agevolazione

Per la prima annualità (2021-2022) le risorse a disposizione per gli interventi previsti dal presente Avviso sono pari ad € 200.000,00.

Il contributo non puo’ superare l’80% dei costi ammissibili con un max di € 30.000 per Officine culturali e € 20.000 per Officine di Teatro Sociale

Scadenza

22-07-2021