Finanziamento a fondo perduto fino all’80% per il ripristino del potenziale produttivo danneggiato da calamità naturali e avversità atmosferiche assimilabili a calamità naturali.

 

Il presente bando concerne la concessione di aiuti per il ripristino del potenziale produttivodanneggiato dalle forti e abbondanti piogge abbattutesi sull’intero territorio della Regione apartire dal 2 ottobre 2020 e riconosciute come calamità.

Soggetti beneficiari

I beneficiari dell’aiuto sono le microimprese, le piccole e le medie imprese operanti sul territorio regionale nel settore della produzione agricola primaria.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili i costi sostenuti per il ripristino, fino al livello preesistente al verificarsi del sinistro, del potenziale produttivo di seguito definito nel dettaglio:

 

a) capitale fondiario (terreni e miglioramenti fondiari, strutture aziendali, impianti di produzione, stoccaggio, impianti di irrigazione fissi, ricoveri bestiame, serre, tunnel);

b) impianti arborei o arbustivi produttivi e connesse strutture di sostegno e/o protezione colpite dall’evento avverso. Non è ammessa la riconversione produttiva con specie diverse da quelle danneggiate;

c) animali tenuti in stabulazione presso le strutture aziendali in cui si è verificato l’evento calamitoso che non possono rientrare nel ciclo produttivo a seguito dell’evento avverso; 

d) impianti, macchine e attrezzature danneggiati o distrutti, purché i beni ripristinati abbiano caratteristiche “equivalenti” e in ogni caso non superiori ai fabbisogni lavorativi e/o produttivi dell’azienda stessa.

Sono inoltre ammesse spese generali, quali spese tecniche e progettuali, direzione lavori, consulenze agronomico-forestali, geologiche e ambientali, fino ad un massimo del 2% della spesa ammessa per le macchine e attrezzature agricole e fino al 10% della spesa ammessa negli altri casi.

Sono ammesse operazioni di carattere agronomico e forestale eseguite dal beneficiario in qualità di imprenditore agricolo;

Entità e forma dell’agevolazione

Sono concessi, nei limiti delle disponibilità annue di bilancio, aiuti a fondo perduto nella misura pari al 60% per gli interventi di cui alla lettera d) e aiuti nella misura pari all’80% della spesa ammessa in tutti gli altri casi di ripristino, incluse le riparazioni.

L’importo massimo ammissibile del contributo concesso è pari a 50.000 euro per beneficiario.

Scadenza

Le domande di aiuto devono essere presentate, entro le ore 14.00 di giovedì 15 aprile 2021.