Finanziamento a fondo perduto fino al 70% a favore dei Centri commerciali naturali per la realizzazione di programmi annuali di promozione.

 

Al fine di rivitalizzare i centri urbani e promuovere la qualificazione dell’offerta e la migliore accoglienza dell’utenza prevede contributi a favore dei centri commerciali naturali contributi fino al 70 per cento delle spese ritenute ammissibili per la realizzazione di programmi annuali di promozione.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente Bando i Centri commerciali naturali, che alla data di presentazione della domanda di contributo:

1. Siano regolarmente iscritti all’Elenco Regionale dei CCN (Centri Commerciali naturali);

2. Abbiano presentato domanda di inserimento nell’Elenco regionale dei CCN.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili a contributo le spese debitamente documentate riferite a iniziative realizzate nel periodo temporale che va dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020.

 

Le tipologie di intervento ammissibili (e le relative voci di spesa) sono le seguenti:

 

1. Azioni di fidelizzazione, direct marketing (spesa obbligatoria):


– creazione di piano di marketing contenente azioni di acquisto e di fidelizzazione della clientela; mail marketing, realizzazione di un database di marketing;

– realizzazione di fidelity card e carte convenzionate o altri sistemi innovativi di fidelizzazione per i consumatori delle imprese del CCN e per gli ospiti delle strutture turistico-ricettive della città per acquisti presso tutte le imprese aderenti al CCN;

– iniziative di fidelizzazione indiretta, come: concorsi, lotterie, manifestazioni prevedenti comunque premi;

– spese di ideazione e lancio di campagne di promozioni, premi, giochi (concorsi, collezioni, ecc.), sampling (campione, omaggio, prova gratuita, ecc.)

 

2. Manifestazioni, animazioni (spesa obbligatoria):

 

– animazione esclusivamente itinerante lungo percorsi commerciali, come: piccoli gruppi musicali, giocolieri, mimi, cantori, gruppi folk etc. (con esclusione di vitto, alloggio, viaggio o qualsiasi altro onere);

– promozione delle produzioni enogastronomiche locali, limitatamente al personale e alle attrezzature necessarie per l’elaborazione, distribuzione, compreso il materiale di consumo per il confezionamento e degustazione di alimenti (sono esclusi costi per cibi e bevande);

– promozione del CCN in altri territori (programmazioni con più CCN), affitto o acquisto di strutture per la realizzazione di un punto informativo itinerante o di gazebo rimovibili, affitto o acquisto di strumentazioni tecniche, costo operatori;

 

3. Azioni di pubblicità e comunicazione (spesa obbligatoria):

 

– realizzazioni e/o sviluppo d’immagine coordinata, di marchi, brand, loghi (in formato vettoriale), per la riconoscibilità del CCN, produzione di locandine, guide, opuscoli promozionali, carta da imballo, shoppers, produzione di calendari, maglie, spille e gadget manifesti ivi compresi i segni di riconoscimento e distintivi di appartenenza al CCN;

– pubblicità tramite inserzioni stampa e/o radiofonica regionale (da proporre con un piano di comunicazione che indichi tipologia e tempi di programmazione);

– aggiornamento e/o realizzazione sito internet;

– acquisto e installazione (comprensiva delle opere murarie strettamente funzionali all’installazione stessa) di sistemi Wi-Fi Free per l’accesso gratuito della clientela a Internet all’interno degli spazi commerciali e artigianali contigui e connessi, di sistemi di videosorveglianza, di sistemi di filodiffusione lungo le vie;

– realizzazione o implementazione di un portale web per il commercio elettronico e/o per la promozione del CCN e delle imprese aderenti compresa la pubblicazione come “dati aperti” di informazioni degli esercizi commerciali e artigianali aderenti al CCN su orari, prezzi, servizi e accessibilità per lo sviluppo di APP e servizi web, in coordinamento con i dati aperti del comune inerenti l’area commerciale del CCN (ZTL, parcheggi, servizi di trasporto pubblico, orari servizi comunali ecc.);

– aggiornamento e sostegno nei percorsi di avviamento o potenziamento del sito dedicato all’e-commerce; attrezzature finalizzate all’e-commerce;

 

4. Servizi diretti all’utenza:


– servizi alla clientela in occasione di manifestazioni o azioni di promozione non convenzionale, come: baby parking e custodia bambini con animazione;

– servizi alla generalità della clientela, come: consegna a domicilio degli acquisti effettuati, acquisti on line o per via telefonica con conseguente recapito, comprese le spese per acquisto di bici messe a disposizione degli associati per l’effettuazione delle consegne;

– noleggio bus navette, trenini su ruote; – acquisto dispositivi di protezione individuale per i clienti e di prodotti di sanificazione (disinfettanti, detergenti, ecc. e relativi dispenser) da distribuire agli associati;

– acquisto e messa in opera di apparecchi di sterilizzazione di dispositivi di sicurezza presso le sedi delle attività associate;

– sanificazione professionale delle aree pubbliche prospicienti la sede dell’attività associata;

 

5. Valorizzazione architettonica

 

– piccoli interventi volti a valorizzare l’immagine e a favorire l’accoglienza in prossimità delle attività associate al CCN, acquisto o affitto addobbi e arredi per vetrine o strade degli esercizi associati caratterizzate da un comune denominatore (carnevale, tradizioni, festività religiose, vacanze, etc.);

– adeguamento del decoro e della funzionalità di spazi pubblici: installazione di piccole fioriere, posacenere e portarifiuti, pedane per l’abbattimento di barriere architettoniche, dissuasori, transenne, sedute, griglie parcheggio bici, totem, maxi schermi, wc amovibili, piccoli giochi per bambini su base fissa, altri elementi di arredo urbano etc.;

– realizzazione di cartellonistica, targhe e segnaletica identificativa del CCN o del Comune indicante percorsi commerciali / turistici e ubicazione delle attività aderenti al CCN;

– adeguamento illuminazione;

– adeguamento del decoro esterno delle attività associate o di spazi pubblici (apposizione piccoli suppellettili o abbellimenti);

 

6. Infrastrutture e mobilità territoriale:

 

– Implementazione della mobilità territoriale su ruota tramite la sottoscrizione di convenzioni con società di trasporto pubblico e privato (compresi NCC) per consentire e facilitare l’accesso alle località ricomprese nella programmazione di manifestazioni e circuiti di azione commerciale e turistica, da altre zone bacino d’utenza;

 

7. Consulenze organizzazione, programmazione e contabili:

 

Le prestazioni per consulenza, direzione, progettazione e contabilità sono ammissibili solo se strettamente correlate all’organizzazione del programma, in misura corrispondente e non superiore al 10% del totale della spesa ammessa; Le spese sostenute per “attività di consulenza” sono ammissibili se prestate da imprese e società, anche in forma cooperativa, iscritte al registro delle imprese della Camera di Commercio, e da enti pubblici o privati con personalità giuridica, nonché da professionisti iscritti a un albo professionale legalmente riconosciuto (da documentare al momento della rendicontazione).

Entità e forma dell’agevolazione

L’entità massima di contributo concedibile al singolo CCN è di € 40.000,00.

 

Le agevolazioni ai CCN sono concesse, nei limiti degli stanziamenti iscritti in bilancio, fino a concorrere al 70% delle spese ritenute ammissibili

Scadenza

.