Finanziamento a fondo perduto fino al 50% ai privati cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti contenenti amianto da edifici privati – ed. 2020.

 

Tramite il presente bando la Regione Lombardia sovvenziona interventi per la rimozione del cemento amianto da edifici privati a prevalente destinazione residenziale e loro pertinenze.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda, in qualità di potenziali beneficiari del sostegno finanziario, unicamente privati cittadini (persone fisiche, anche associate nel “Condominio” qualora sia costituito) proprietari di edifici, di qualsiasi destinazione d’uso, situati in Lombardia, nei quali siano presenti manufatti contenenti amianto.

Tipologia di interventi ammissibili

Saranno oggetto di finanziamento regionale le spese sostenute per la rimozione e lo smaltimento di manufatti contenenti amianto nel rispetto delle seguenti condizioni:

 

• i manufatti da rimuovere dovranno essere:

 

o coperture in cemento-amianto;

o altri manufatti in cemento-amianto posti all’interno degli edifici quali, ad esempio, canne fumarie, tubazioni, vasche, ecc.;

o pavimenti in vinyl-amianto;

o manufatti in amianto friabile;

 

• i manufatti oggetto dei lavori devono essere stati denunciati

• gli interventi dovranno riguardare edifici di qualsiasi destinazione d’uso, di proprietà dei soggetti richiedenti; tali edifici dovranno essere al 100% di proprietà di persone fisiche o, nel caso di proprietari diversi da persone fisiche, sarà ammissibile a contributo soltanto la quota parte ascrivibile alle persone fisiche, sulla base delle quote di proprietà;

• potranno essere finanziati unicamente lavori per i quali non sia stato ottenuto altro finanziamento pubblico (eventuali agevolazioni fiscali non sono equiparate ad un “finanziamento pubblico” e sono pertanto compatibili, con l’eccezione del caso in cui ai lavori di rimozione e smaltimento sia applicabile la detrazione del 110%, che non è compatibile con il contributo del presente bando);

• gli interventi verranno realizzati nei comuni lombardi.

 

Le spese ammissibili a finanziamento sono quelle strettamente coerenti con gli obiettivi dell’iniziativa e pertanto riguardano costi direttamente imputabili alle attività di rimozione e smaltimento di manufatti contenenti amianto. Nello specifico, sono ammesse a contributo esclusivamente le spese relative a:

 

• lavori di rimozione dei manufatti contenenti amianto, costi di trasporto e di smaltimento dei rifiuti contenenti amianto (IVA compresa, laddove non recuperabile ai sensi della normativa vigente);

• oneri della sicurezza ed amministrativi (es. ponteggi, allestimento cantiere, predisposizione e presentazione piano di lavoro,…) relativi all’esecuzione dei lavori di rimozione dei manufatti contenenti amianto (IVA compresa, laddove non recuperabile ai sensi della normativa vigente).

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse complessivamente disponibili sono pari € 1.000.000,00.

Contributo a fondo perduto fino al 50%.

Scadenza

Le domande devono essere inviate entro le ore 16:00 del 3 marzo 2021.