Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per progetti di internazionalizzazione delle filiere produttive. Anno 2021.

 

Con il bando si intende sostenere i progetti di digitalizzazione fieristica, ovvero progetti destinati al rafforzamento digitale dei quartieri fieristici, al rafforzamento digitale delle manifestazioni fieristiche con qualifica internazionale e l’organizzazione di eventi virtuali collegati a manifestazione fieristiche certificate e con qualifica internazionale, con priorità accordata alle soluzioni tecnologiche utili a incrementare la partecipazione di espositori e visitatori internazionali.  Allo stesso tempo, per il rilancio internazionale delle relazioni commerciali culturali e industriali e la ripresa delle collaborazioni istituzionali a tutti i livelli, la Regione ritiene fondamentale e strategico sostenere progetti speciali di filiera, da realizzarsi in forma ”ibrida” negli EAU e indirizzati principalmente all’area mediorientale, nord africana e sud asiatica (MENASA) in occasione dell’Esposizione universale di Dubai.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di contributo l e imprese strutturate e già internazionalizzate con sede in Emilia Romagna, che assumano il ruolo di P romotore e r ealizzatore del progetto. 

Per impresa strutturata e internazionalizzata si intende un’impresa con le seguenti caratteristiche:

 

– avere esportato più del 30% del proprio fatturato annuo nell’ultimo biennio 2018 2019 o 2019 2020, oppure avere almeno un’ unità operativ a attiv a nel mercato target del progetto

– avere un fatturato annuo di almeno 5.000.000 di euro nell’ultimo anno o nel 2019;

– avere un’attività di impresa coerente con la filiera e il mercato target indicati nel progetto , ed evidenziare un brand riconosciuto;

– svolgere un ruolo di “capo filiera” in Regione o in Italia , ovverossia poter dimostrare una propria rete di subfornitura o di collaborazione per la produzione di beni e servizi venduti nel paese target

 

Il soggetto promotore e le imprese aderenti al progetto devono possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

a) avere sede operativa (unità locale con attività di produzione) nel territorio dell’Emilia Romagna. Possono aderire anche le imprese che non hanno ancora un’unità locale in Emilia Romagna purché si impegnino a costituirla entro il 31 dicembre 2021;

b) esercitare attività industriale di produzione di beni e servizi.

 

I progetti dovranno comprendere l’adesione di almeno 5 piccole e medie imprese (PMI) regionali che parteciperanno inderogabilmente ai progetti; oltre alle 5 PMI potranno partecipare ai progetti anche altre imprese di grande dimensione, quando ciò sia utile a garantire un maggiore successo al progetto stesso.

I destinatari delle attività realizzate tramite i progetti devono essere esclusivamente le imprese con unità operativa in Emilia Romagna . Le 5 PMI aderenti al progetto dell impresa promotrice devono essere fra loro indipendenti, cioè non collegate o associate e ciascuna in po.

Tipologia di interventi ammissibili

Le spese ammissibili sono:

– spese per servizi e consulenze esterne di valutazione e assistenza alle imprese per l’organizzazione di incontri d’affari, ricerca partner (anche da remoto, con strumenti digitali) e per missioni all’estero;

– spese per beni, servizi per la realizzazione di visite aziendali, seminari, workshop, con vegni, incoming di operatori esteri (inclusi i costi di viaggio, vitto e alloggio), altri eventi promozionali; 

– spese per la partecipazione ad eventi fieristici (anche fiere virtuali, in format digitalizzati), esclusivamente in forma collettiva (quali: affi tto dello spazio espositivo collettivo, allestimento dello stand collettivo, trasporti, interpreti e hostess);

– studi volti a valutare la fattibilità di investimenti commerciali, produttivi, di servizio, ad esclusione degli studi generali congiunturali e di presentazione paese. È ammessa anche la consulenza per la predisposizione di un piano strategico pluriennale di filiera o settore oggetto degli interventi del progetto;

– ideazione, produzione, traduzione e stampa di materiali informativi o siti web collettivi;

– realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera;

– consulenze per l’accrescimento delle potenzialità delle imprese partecipanti attraverso servizi di analisi e orientamento specialistico, anche di avvicinamento ai servizi digitali, quali ad esempio piattaforme o sistemi di pagamento digitali; preparazione di un piano export digitale (tali servizi devono essere forniti da professionisti o società di consulenza specializzate in materia) 

– viaggi, vitto e alloggio all’estero del personale incaricato dal promotore e viaggi vitto e alloggio di massimo due rappresentanti per ciascuna delle imprese aderenti per la partecipazione alle iniziative del progetto nel paese target (per i voli si ammett eranno solo le tariffe economy o fino al valore equivalente alla tariffa economy)

Entità e forma dell’agevolazione

La Regione contribuirà alla realizzazione del progetto approvato con un contributo del 50% del valore delle spese ammissibili, e comunque non superiore ad € 100.000

Per i progetti di internazionalizzazione del sistema fieristico e produttivo regionale, da realizzare nel corso dello svolgimento di Expo 2020 Dubai la Regione contribuirà alla realizzazione del progetto approvato con un contributo del 100% del valore delle spese ammissibili, e comunque non superiore ad € 100.000

Scadenza

Il bando apre dal 17 giugno 2021, fino alle ore 16 del 10 settembre 2021, salvo l’esaurimento dei fondi prima della scadenza.