Bando bike to work 2021. Finanziamento a fondo perduto fino al 100% per favorire il cicloturismo e l’uso della bicicletta.

 

Il bando promuove attivamente diverse iniziative per sviluppare una mobilità sostenibile con una maggiore sicurezza per la circolazione ciclistica, per incentivare i trasferimenti casa-lavoro, casa-scuola, per favorire il cicloturismo e, in generale, per favorire l’avvicinamento dei cittadini a scelte di mobilità consapevoli. Il progetto “Bike to Work 2021”, in coerenza con la programmazione regionale, punta alla disincentivazione all’uso del mezzo privato e incentivazione all’uso della bicicletta, anche facilitandone l’interscambio con il sistema ferroviario.

Soggetti beneficiari

Possono accedere al contributo i Comuni con popolazione inferiore a 50.000 abitanti, specificatamente nelle zone territoriali Pianura Ovest e Pianura Est, interessate all‘infrazione europea per il superamento del valore limite giornaliero di PM10. Si tratta complessivamente di 194 Comuni. 

La proposta non deve essere in contrasto con la pianificazione e la programmazione comunale, provinciale e regionale vigenti; deve essere presente la disponibilità del cofinanziamento del proponente.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono finanziabili spese d’investimento per la realizzazione di interventi come percorsi ciclabili e/o di moderazione del traffico finalizzati a privilegiare la circolazione delle biciclette nel rispetto delle norme vigenti, ad esempio:

 

  1. Piste e percorsi ciclabili, in ambito urbano ed extraurbano;
  2. interventi di manutenzione straordinaria della sede stradale in ambito urbano finalizzati a garantire la sicurezza e incentivare la circolazione delle biciclette, nel rispetto delle norme vigenti, come:

 

    • corsie ciclabili;
    • casa avanzata, con linea di arresto per le biciclette in posizione avanzata rispetto alla linea di arresto per tutti gli altri veicoli;
    • bike lane come parte della ordinaria corsia veicolare ad uso promiscuo, delimitata mediante una striscia bianca discontinua, con destinazione alla circolazione dei velocipedi;
    • interventi di moderazione delle velocità finalizzati a garantire l’uso condiviso dello spazio stradale da parte di tutti gli utenti della strada;
    • zone a velocità veicolare ridotta (zone 30), zone a traffico limitato, strade scolastiche, percorsi sicuri casa-scuola;
    • infrastrutture di servizio per la biciletta nelle polarità urbane (di trasporto pubblico, servizi socio-sanitari, amministrativi, culturali) come velostazioni, depositi veicoli, rastrelliere portabiciclette e attrezzature per la sosta delle biciclette atte a ridurre il furto.

 

Saranno ammissibili spese di segnaletica solo se parte di un progetto di manutenzione straordinaria o nuova costruzione, ovvero sostenute in capitolo di investimenti.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria è di € 12.214.843,55 

Il contributo complessivo previsto è di 10.022.000 euro, secondo la ripartizione delle risorse massima per ogni comune.

Il contributo è concesso al 100% per gli interventi il cui importo sia inferiore o uguale ad euro 50.000,00, fino all’80% qualora l’importo degli interventi sia superiore ad euro 50.000,00 e inferiore o uguale a euro 100.000,00 e fino al 70% per gli interventi di importo superiore ad euro 100.000,00. È ammesso il cumulo del contributo regionale con eventuali finanziamenti statali fino alla concorrenza dell’intero costo dell’intervento.

Scadenza

15 settembre 2021